J MASCIS
Elastic Days

[ Sub Pop – 2018 ]
7.5
 
Genere: Indie rock
 
12 novembre 2018
 

I dischi solisti di J Mascis ormai non sono più una sorpresa. Ha iniziato a spogliarsi del rumore folle praticato dai Dinosaur Jr. a metà anni novanta e nei decenni successivi ha continuato a intrattenersi amabilmente con ritmi più calmi quando l’impegno con i Dinosauri glielo permetteva. Rinunciando a trincerarsi dietro il muro di amplificatori che per lui deve essere una specie di coperta di Linus, ha scoperto di saper graffiare anche stando seduto con quella voce stile Neil Young che in “Several Shades of Why” e “Tied To A Star” è diventata ancor più melodica.

“Elastic Days” è stato registrato nello studio casalingo di Mascis a Bisquiteen nel Massachusetts con l’aiuto di Ken Miauri alle tastiere, Pall Jenkins (Black Heart Procession) Mark Mulcahy (Miracle Legion) e Zoë Randell (Luluc). Al centro della scena però c’è sempre J con la fida Jazzmaster che s’imbizzarrisce nell’assolo prolungato in “See You At The Movies” e nel suo gemello grintoso in “Cut Stranger”. Non cambia le carte in tavola né gli accordi sul manico il Dinosauro capo e qualcuno lo potrebbe accusare di essere alla lunga ripetitivo. Quello che fa però gli riesce spesso maledettamente bene.

La dolcezza di “I Went Dust” (delicato duetto con Zoë Randell) il falsetto giocoso di “Picking Out The Seeds” si aggiungono alla lunga lista di buone canzoni sfornate da questo ex slacker e arpeggiatore di lungo corso con in mano la sei corde elettrica o acustica. Il “solito” J Mascis malinconico, introverso, riflessivo. Capace di convincere essendo semplicemente se stesso.

Tracklist
1. See You At The Movies
2. Web So Dense
3. I Went Dust
4. Sky Is All We Had
5. Picking Out The Seeds
6. Give It Off
7. Drop Me
8. Cut Stranger
9. Elastic Days
10. Sometimes
11. Wanted You Around
12. Everything She Said
 
 

The Smashing Pumpkins – Shiny ...

La situazione del mio Milan è molto vicina alla band di Billy Corgan, che oggettivamente fa parte della storia e ha scritto pagine di ...

Bloodbath – The Arrow Of ...

Vatti a fidare di quei simpaticoni dei Bloodbath. Non hanno un’ottima cera, ma finalmente sono tornati. Eppure quattro anni fa ci avevano ...

The Ar-Kaics – In This Time

Iniziare la recensione di questo disco firmato The Ar-Kaics partendo dalla cover mi sembra una buona idea. In genere non vengono neppure ...

Jacco Gardner – Somnium

Avevamo conosciuto Jacco Gardner grazie ai suoi due precedenti lavori che si erano rivelati molto interessanti. Alcuni lo avevano paragonato ...

Bill Ryder-Jones – Yawn

Il giorno dell’uscita del suo nuovo disco, Bill Ryder-Jones ha pubblicato un messaggio su Instagram che diceva “non sono stupido, mi ...