SUN KIL MOON
This is My Dinner

[ Caldo Verde Records - 2018 ]
6.5
 
Genere: Folk Rock, Slowcore
 
di
12 Novembre 2018
 

Dopo il recente passaggio solista tout court, Mark Kozelek torna a scrivere per il progetto Sun Kil Moon ed il prodotto è questo “This Is My Dinner”, dove i colori e le ambientazioni, sono quelle più care a Kozelek, ovvero quelle dai tratti autunnali ed intimi, dove può emergere tutto la lucidità, la spontaneità, e la forza del suo storytelling. L’ispirazione in questo caso è venuta dai viaggi intrapresi durante il tour del 2017, tra Germania e Norvegia, Polonia e Danimarca, Spagna e Irlanda, e quegli spaccati, quelle istantanee, quegli angoli inosservati dai più e alle quali i più non farebbero caso, da cui invece il Nostro riesce fuori a tirare fuori pensieri, sentimenti, emozioni in parole che son narrazione. Come in un diario di memorie. E di poesia: quella urbana, dal basso, che ti terrebbe seduto minuti, ore, fermo ad ascoltarla. E in questo, il cantautore californiano è un fenomeno. Tormentato, nostalgico, riflessivo, crudo, toccante.

Ecco quindi la voce riconoscibilissima, come a zigomi semi-serrati di Kozelek, passeggiare tra le sonorità tiepide di “This is Not Possible” e “This is My Dinner”, o nelle lunghe, dilatate atmosfere, ora brumose come in “Linda Blair” e “Copenhagen”, ora più cristalline, naturali e umane come in “Candles”; particolari anche le cover di “Come on Get Happy” dei The Partridge Family o di “Rock ‘n’ Roll Singer” degli Ac/Dc a sottolineare comunque la stima e la curiosità che il cantautore riversa sul mondo musicale esterno al suo, quasi come a smentire i detrattori che lo accusano di eccessivo ed istrionico egocentrismo.

Magari no, non siamo sulle gradazioni di ricchezza di “Benji”, che reputo – personalmente, ovviamente – il migliore dei passaggi della sua carriera, ma per quanto facilmente criticabile su più fronti, addirittura detestabile da alcuni, per quanto si possa riconoscere una creatività magari ridotta rispetto ai precedenti lavori sia in termine di suono che di tematiche, Kozelek riesce sempre in qualche modo a creare luoghi dell’animo dove potersi rifugiare per un po’. E in questo, è tremendamente bravo.

Tracklist
1. This Is Not Possible
2. This Is My Dinner
3. Linda Blair
4. Copenhagen
5. Candles
6. David Cassidy
7. Come on Get Happy
8. Rock 'n' Roll Singer
9. Soap for Joyful Hands
10. Chapter 87 of He

 
 

Greg Dulli – Random Desire

E’ raro fare qualcosa per la prima volta, dopo trent’anni di onorata carriera. Succede a Greg Dulli (Afghan Whigs, The Twilight Singers) ...

Beach Bunny – Honeymoon

Attesissimo (dal sottoscritto) l’esordio sulla lunga distanza della band di Lili Trifilio non possiamo dire che deluda, ma non riesce ...

Oh Wonder – No One Else Can ...

Avevo riposto delle discrete aspettative su questo nuovo lavoro del duo londinese, gran parte delle quali però disattese. Dispiace, perché ...

The Men – Mercy

Incredibile ma vero, i The Men sono riusciti a registrare ben tre dischi di fila con la stessa formazione. “Mercy” è l’ottavo album ...

Mariana Semkina – ...

Primo album solista per Marjana Semkina, voce degli iamthemorning (sempre lei nonostante lo spelling diverso del nome a lettere gotiche in ...