DOE PAORO
Soft Power

[ Anti - 2018 ]
7
 
Genere: indie-pop,soul-pop
 
14 novembre 2018
 

A distanza di tre anni dal suo sophomore, “After”, la scorsa settimana Doe Paoro è tornata con questa sua nuova prova sulla lunga distanza.

Dopo l’esperienza presso lo studio di Bon Iver nel Wisconsin per il disco precedente, Sonia Kreitzer – questo il suo vero nome – che nel frattempo si è trasferita dalla nativa Syracuse, New York a Los Angeles, ha registrato il nuovo disco a Londra insieme al noto produttore Jimmy Hogarth (Amy Winehouse, Duffy, Sia, Paolo Nutini).

Se nel suo secondo album si era lasciata aiutare da Justin Vernon e S. Carey, che l’avevano portata a lavorare con synth ed elementi elettronici, questa volta la trentaquattrenne statunitense ha preferito lasciarsi ispirare dalle armonie vocali dei gruppi femminili degli anni ’60 come Shirelles e Ronettes.

L’inizio dell’album è molto promettente con “Over” che non nasconde le sue influenze indie-pop anni ’60: le melodie deliziose, le armonie lussureggianti, le morbide chitarre e gli ottimi arrangiamenti ci regalano una sensazione di nostalgia di quelle che ci piacciono parecchio.

“Guilty” è invece malinconica con il suo piano che, accompagnato da un’elegante sezione di fiati, costruisce una ballata ispirata, mentre “The Projector” si trasforma in qualcosa di più rock, grazie soprattutto alle numerose e potenti chitarre.

“Fading Into Black” ha un’anima più soul-pop e nel coro ci ricorda in qualche modo la nostra amatissima Florence Welsh (aka Florence & The Machine), mentre “The Wine” chiude il disco in maniera piuttosto minimalista, facendoci respirare un’atmosfera molto tranquilla e quasi sognante.

Un disco piacevole e dai sapori classici, “Soft Power” segna un nuovo cambiamento di direzione per Doe Paoro: noi ci lasciamo conquistare dalla sua musica gentile e raffinata.

Tracklist
1. Over
2. Cage Of Habits
3. Guilty
4. Loose Plans
5. Cruelty Of Nature
6. Second Door
7. Fading Into Black
8. The Projector
9. Together Apart
10. Roman
11. Walk Through The Fire
12. The Vine
 
 

The Smashing Pumpkins – Shiny ...

La situazione del mio Milan è molto vicina alla band di Billy Corgan, che oggettivamente fa parte della storia e ha scritto pagine di ...

Bloodbath – The Arrow Of ...

Vatti a fidare di quei simpaticoni dei Bloodbath. Non hanno un’ottima cera, ma finalmente sono tornati. Eppure quattro anni fa ci avevano ...

The Ar-Kaics – In This Time

Iniziare la recensione di questo disco firmato The Ar-Kaics partendo dalla cover mi sembra una buona idea. In genere non vengono neppure ...

Jacco Gardner – Somnium

Avevamo conosciuto Jacco Gardner grazie ai suoi due precedenti lavori che si erano rivelati molto interessanti. Alcuni lo avevano paragonato ...

Bill Ryder-Jones – Yawn

Il giorno dell’uscita del suo nuovo disco, Bill Ryder-Jones ha pubblicato un messaggio su Instagram che diceva “non sono stupido, mi ...