HOW TO DRESS WELL
The Anteroom

[ Domino - 2018 ]
7.5
 
 
14 novembre 2018
 

Se la (mitica) Loggia Nera di Twin Peaks avesse una colonna sonora, beh, probabilmente sarebbe proprio “The Anteroom”, nuovo lavoro di Tom Krell. Uno spazio in cui il tempo si ferma, si sovrappone, si dilata e si ripete, in cui figure parlano in modo strano, con voci spezzate e distorte, mentre lo sguardo viene catturato dai piccoli particolari, che fanno la differenza.

Per arrivare a quest’album così oscuro, fragile e capace di trasmettere forti sensazioni, seppure spesso di difficile lettura, il nostro ha dovuto compiere un suo percorso catartico, guardarsi allo specchio per fare un vero e proprio esame di coscienza, che lo portasse ad abbandonare le pop song piuttosto inconsitenti del precedente album. Eppure il percorso personale non si è limitato a quello artistico, ha toccato anche la personalità e le necessità primarie di Tom, bisognoso di staccare la spina da quello che lo circondava. Una strada non facile, ma che pare essere stata percorsa con grande impegno e con chiarezza d’intenti.

Con simili premesse l’R&B si confonde con l’ambient, il suono interpreta solitudini e quelle voci che probabilmente si sono affollate nella mente di Tom Krell. Libero da vincoli, da gabbie dorate e sguardi alla classifica, l’artista del Colorado realizza una sua splendida e intensa rappresentazione di ciò che intende per slowcore e ci cattura con la forza di spazi ampi e freddi solo in apparenza, in cui la melodia pop non scompare, ma si nasconde, per svelarsi solo quando serve, senza strafare.

Non pensavamo proprio che la rinascita di Tom Krell potesse sorprenderci con tale forza empatica. Prendiamone atto e battiamo le mani: How To Dress Well è ancora un progetto importante e più vivo che mai.

Tracklist
1. Humans Disguised as Animals | Nonkilling 1
2. Body Fat
3. False Skull 7
4. Nonkilling 3 | The Anteroom | False Skull 1
5. Vacant Boat
6. Nonkilling 13 | Ceiling for the Sky
7. A Memory, The Spinning of a Body | Nonkilling 2
8. Nonkilling 6 | Hunger
9. July 13 No Hope No Pain
10. Love Means Taking Action
11. Brutal (feat. Ocean Vuong) | False Skull 5
12. False Skull 12
13. Nothing
 
 

Sambassadeur – Survival

L’idea di pop che hanno i Sambassadeur è la nostra. C’è poco da fare. Una canzone semplice, in apparenza, che ti rinfranca ...

These New Puritans – Inside ...

I These New Puritans continuano la loro quieta ascesa in un inafferrabile empireo di art-rock lontano da ogni trend musicale. La band ormai ...

Idlewild – Interview Music

Tornano gli scozzesi Idlewild autentici pezzi da novanta di quello che nella seconda metà degli anni 90 venne etichettato come post ...

Apparat – LP5

Chiudete gli occhi, immaginatevi d’essere all’interno di una stanza vuota, con una sola finestra che mostra il mare e un ...

Priests – The Seduction of ...

Non sono stati tempi facili per la band di Whashington D.C. Quando tutto sembrava procedere per il meglio, con il loro debut “Nothing ...