JOHN GRANT
Love Is Magic

[ Bella Union - 2018 ]
5
 
Genere: synth-pop
 
16 Novembre 2018
 

Dio mio, ma cos’è questo tedio?

Disco che letteralmente ci porta allo sfinimento quello di John Grant, che con il suo synth-pop dilata i tempi e le derive strumentali ma solo raramente centra il bersaglio melodico che conta (da lui ci aspettiamo i 100 punti, non i 45, 50).

In soldoni questo è il riassunto di un lavoro che non ci è piaciuto, che vede l’ex Czars non solleticarci a dovere, musicalmente parlando, né quando guarda agli LCD Soundsystem né quando si appesantisce in brani lunghi e scarni che francamente non vanno da nessuna parte, se non nella direzione noia.

Voleva uscire dagli schemi, cambiare un marchio di fabbrica che, a quanto pare, gli stava un po’ stretto: bene, nessun problema John, ma non mi pare tu ci sia riuscito nel modo giusto. Questi synth che richiamano gli anni ’80 non ci catturano a dovere e il messaggio, per quanto sempre interessante (almeno quello), da solo non basta, sopratutto se la verbosità a tratti la fa da padrona (sul tono da cabaret di “Metamorphosis” non mi soffermo nemmeno).

Si potrà pensare che, proprio perché ostico e non subito accessibile al primo ascolto, il lavoro sappia crescere alla distanza. No, neanche quello. Morale della favola, se il buon John prende questa piega, ahi, sono dolori verrebbe da dire, perché fino ad oggi la sua qualità e la sua capacità di mutare pelle, erano punti innegabili a suo favore. Erano.

Tracklist
1. Metamorphosis
2. Love Is Magic
3. Tempest
4. Preppy Boy
5. Smug Cunt
6. He’s Got His Mother’s Hips
7. Diet Gum
8. Is He Strange?
9. The Common Snipe
10. Touch And Go
 
 

Tindersticks – No Treasure ...

Una cartina geografica stilizzata adorna la copertina del dodicesimo album dei Tindersticks, il disco più ottimista e accessibile di una ...

Leonard Cohen – Thanks for ...

Quando un artista, che hai tanto amato e seguito, viene a mancare si crea un senso di partecipazione emotiva che spesso si traduce in una ...

Pumarosa – Devastation

“Please don’t be perfect anymore” incita la frontwoman Isabel Munoz-Newsome in apertura del secondo album della band ...

Greet Death – New Hell

Quest’anno Babbo Natale ha dovuto risvegliare in anticipo di oltre un mese le sue amate renne per portarci in dono il nuovo lavoro degli ...

Due – Due

Avevamo già apprezzato il disco d’esordio di Luca Lezziero, così scarno, acustico ed evocativo, alla ricerca di un linguaggio ...