HAIKU GARDEN
Where If Not Now

[ Kapa Records - 2018 ]
7.5
 
Genere: Shoegaze/Dream Pop
Tags:
 
23 Novembre 2018
 

Quando lo Shoegaze bussa alla porta noi apriamo chinandoci in simbolo di massimo rispetto e stima.
Proprio così, perché lo Shoegaze è assolutamente di casa e la curiosità che ci spinge nell’ascolto è sempre abbondante e indisciplinata, forse merito proprio delle mille contaminazioni e sfumature che in questo periodo hanno caratterizzato questo genere mistico e profondamente affascinante.

E se si parla di Shoegaze è d’obbligo parlare quindi di uno dei gruppi più interessanti del momento, ovvero gli Haiku Gardens di Lubiana, Slovenia. Una band che già ci aveva fatto sognare a suo tempo con l’EP “Waver” e che aveva addirittura attirato l’attenzione dalla nota trasmissione radio di Seattle KEXP con il brano “Rosetta”, messa in playlist come Song of The Day.

Questi quattro ragazzi alla fine ce la fanno di nuovo confezionando un prodotto niente male, dal sapore melodico, sognante e alternativo allo stesso tempo. La componente neo psych è ben marcata e regala all’ascoltatore un’esperienza quasi cinematica, articolata in un continuo gioco di suoni disintegrativi, sperimentali, che plasmano una sonorità a dir poco ipnotizzante.
Forse il primo brano “Catch my Breath” , saggiamente piazzato come apertura, fa già capire di cosa siano capaci e intenzionati i quattro shoegazer. Il sogno sta infatti per essere plasmato, gli echi e i riverberi più contorti rimbomberanno nelle vostre orecchie, accarezzandovi dolcemente la mente. Un gioco di intrecci tra chitarre, ben marcate e molto più presenti della parte ritmica mentre la voce sospesa, a volte sussurrata , sembra distante anni luce o forse quasi invasa da un senso di malinconia innocente e rannicchiata in un angolo del disco.

Le chiare parti di Dream Pop presenti nel disco contribuiscono a rafforzare il comparto melodico (anche se di sperimentale ce n’è in abbondanza) mentre a volte si sfiorano momenti più rumorosi come nel mezzo della traccia “what Lies Within” o nell’ultima traccia intitolata “Caving” che di fatto un po’ si differenzia dalle altre nel lavoro.

In questo disco troverete molto, forse non tutto, ma probabilmente abbastanza per farvi innamorare, ne sono sicuro. Io l’ho già fatto, voi cosa aspettate?

Tracklist
1. Catch My Breath
2. What Lies Within
3. Barriers
4. Dawn Chorus
5. Days, Dripping Away
6. Hazel
7. Idle Abyss
8. Drifter
9. Caving
 
 

The Honeydrips – Here Comes ...

Percorso accidentato ma ricco di soddisfazioni quello dei The Honeydrips, progetto solista dello svedese Mikael Carlsson. Tre album più ...

Pindar – Backgammon Vol.1 ...

Giusta intuizione quella dei due producer MiK Drake e JaK Turn, bravi a giocare a carte coperte sfruttando l’immaginario simil-Daft Punk e ...

Unruly Girls – Epidemic

Nonostante il prezzo più alto venga pagato sempre dai più deboli, dai più poveri, dagli ultimi – basti guardare all’America ...

Lucio Leoni – Dove Sei, pt.1

Lucio Leoni non è un nome nuovo della scena cantautorale, attivo già da parecchi anni e con un percorso di tutto rispetto fatto di ...

Einsturzende Neubauten – ...

In questi giorni pieni di noia e mestizia, mi capita spesso di imbattermi nelle parole di individui più o meno esperti che provano a ...