THOM YORKE
Suspiria

[ XL Recordings - 2018 ]
7.5
 
Genere: Colonna sonora
 
23 novembre 2018
 

Parlare di una colonna sonora con uno sguardo indipendente e distaccato dal suo contenitore (il film) e in questo caso anche dal suo “prequel” musicale (se così possiamo chiamare l’opera dei Goblin che ha accompagnato ‘Suspiria’ di Dario Argento nel 1977) è difficile, ma Thom Yorke ci offre una solida base per parlare a tutto tondo di una delle colonne sonore più interessanti di questo 2018: quella realizzata per il remake di ‘Suspiria’, che uscirà nelle sale nei prossimi mesi.

La prima considerazione da fare è che il mondo horror-jazz, con le forti influenze funk dei Goblin, è stato completamente abbandonato, e non avendo ancora visto il film è veramente difficile dire se il lavoro del leader dei Radiohead sarà anch’esso iconico e cucito pienamente sulla poetica di Guadagnino (utilizzata per raccontare una storia come questa).

Al centro della lunga e corposa colonna sonora, che si presenta non solo come un accompagnamento di un film ma come un vero e proprio studio della paura e dell’ancestrale pulsione/desiderio di morte e malinconia, cioè proprio l’idea del sospiro.

Thom Yorke entra nella sala da cinema come la morte rossa nella sala da ballo: tutto diventa soffocato, singhiozzato, le atmosfere costruite vanno oltre la ricerca dell’orrore e dell’effetto suspence. Se i grandi registi dell’horror hanno costruito nei loro film delle inquadrature oblique, volte ad aumentare la pressione esistenziale e drammatica di un racconto, Yorke fa tutto l’opposto, costruendo la colonna sonora su dei binari eclettici, mai banali, che tuttavia rimangono dritti e centrati sull’uomo e sulle sue pulsioni.

“A Choir of One” è un perfetto esempio per entrare in questo discorso: la lunga traccia di oltre 13 minuti è in realtà uno studio minuzioso e anatomico della ricerca vocale: a darci il gelido senso di terrore è dunque una voce pura persa tra armonie perfette e atmosfere eteriche, ed è quella voce ci lascia stesi, in estasi.

Il piano di Yorke è quello della ricerca, nella colonna sonora si srotola una reale caccia psicologica, come si può sentire in “Belongings Thrown in a River” o in ballads come “Unmade”. A livello compositivo il filo conduttore del theme si sdoppia, cambia, parte dai Radiohead e finisce ai deliri electro punk di David Lynch o di Aphex Twin.

Questa versione alla Vlad di Valacchia di Thom Yorke funziona perfettamente, perché c’è un forte legame tra il pensiero di Guadagnino e quello del compositore, e se dei 25 pezzi non tutti sono memorabili, in ognuno però possiamo ritrovare cucita una frase di Walter Benjamin, che indicava come “La passione rasenta il caos“.
Proprio l’elemento caotico dimostra di essere il filo rosso che lega la tradizione e la discontinuità, non c’è nel lavoro la scossa elettrica dei Goblin, ma tra brani interamente suonati con il pianoforte e i passaggi elettronici e dark, si crea un’interazione che genera una colonna sonora meravigliosa che va oltre brani come “Suspirium” o “Has Ended” (il brano probabilmente più vicino al sound usato nell’horror italiano).

“Suspiria” è un gelo, un rantolo tenebroso che ci rapisce, confonde, uccide.

 

 

 

Tracklist
1. A Storm That Took Everything
2. The Hooks
3. Suspirium
4. Belongings Thrown in a River
5. Has Ended
6. Klemperer Walks
7. Open Again
8. Sabbath Incantation
9. The Inevitable Pull
10. Olga's Destruction (Volk tape)
11. The Conjuring of Anke
12. A Light Green
13. Unmade
14. The Jumps
15. Volk
16. The Universe is Indifferent
17. The Balance of Things
18. A Soft Hand Across your Face
19. Suspirium Finale
20. A Choir of One
21. Synthesizer Speaks
22. The Room of Compartments
23. An Audition
24. Voiceless Terror
25. The Epilogue
 
 

Sambassadeur – Survival

L’idea di pop che hanno i Sambassadeur è la nostra. C’è poco da fare. Una canzone semplice, in apparenza, che ti rinfranca ...

These New Puritans – Inside ...

I These New Puritans continuano la loro quieta ascesa in un inafferrabile empireo di art-rock lontano da ogni trend musicale. La band ormai ...

Idlewild – Interview Music

Tornano gli scozzesi Idlewild autentici pezzi da novanta di quello che nella seconda metà degli anni 90 venne etichettato come post ...

Apparat – LP5

Chiudete gli occhi, immaginatevi d’essere all’interno di una stanza vuota, con una sola finestra che mostra il mare e un ...

Priests – The Seduction of ...

Non sono stati tempi facili per la band di Whashington D.C. Quando tutto sembrava procedere per il meglio, con il loro debut “Nothing ...