THE MEN
Hated 2008 -2011

[ Sacred Bones – 2018 ]
6.5
 
Genere: Post punk
 
26 novembre 2018
 

Non si fermano proprio mai, i The Men. Visto l’invidiabile numero di album pubblicati dalla band di New York (sette in otto anni) sembrava impossibile che avessero tenuto qualcosa da parte, che anche solo un riff o un giro di basso fosse sfuggito senza essere documentato e condiviso. Invece la Sacred Bones, appena qualche mese dopo l’uscita di “Drift” lo scorso marzo, è riuscita a compilare con pazienza certosina questa raccolta di ben diciassette brani recuperati un po’ ovunque: singoli, 7”, EP, demo di varia forma e natura, furiose versioni live, cover (i Devo di “Gates Of Steel”, “Walking Out on Love” dei The Beat) e inediti.

“Hated 2008-2011” esce in doppio vinile a tiratura limitata (400 copie numerate) e fortunatamente anche in versione digitale. Un viaggio alla scoperta dei primi anni di vita di una band in costante evoluzione, capace di fondere punk, post punk, noise e hardcore, testi sferzanti e tensione costante. Quelli che ritroviamo in “Hated” sono dei The Men meno capelloni e molto, molto arrabbiati. Al basso e alla voce c’è ancora il minaccioso Chris Hansell e i ragazzacci di Brooklyn sono una macchina da guerra rumorosa e sfrenata come dimostrano “Saucy” o “Digital Age”.

Alcuni brani di “Hated” facevano parte del famigerato, introvabile EP d’esordio dei The Men chiamato “We Are the Men”, uscito nel 2009 in sole trentadue copie dipinte a mano. Questa è la band che avrebbe registrato “Immaculada” nel 2010, “Leave Home” nel 2011 e “Open Your Heart” l’anno dopo e che poi, dopo diversi cambi di formazione, avrebbe sperimentato col country e col pop in “New Moon” svolta testimoniata da canzoni come “Cowboy Song”, “Free Sitar” o “California”.

“Hated 2008 – 2011” vale la spesa nonostante la qualità audio spesso non eccelsa? Si, anche solo in versione digitale, per chi è curioso di conoscere meglio il complicato mondo musicale dei The Men.

Tracklist
1.Twist the Knife
2. Hated
3. Free Sitar
4. Gates of Steel
5. Ailment
6. Digital Age
7. Control Loop
8. Think (7" Version)
9. Impish
10. Walking Out on Love
11. Saucy
12. Somebody's Watching Me
13. Love Revolution
14. Captain Ahab
15. Cowboy Song
16. California
17. Wasted
 
 

Jacco Gardner – Somnium

Avevamo conosciuto Jacco Gardner grazie ai suoi due precedenti lavori che si erano rivelati molto interessanti. Alcuni lo avevano paragonato ...

Bill Ryder-Jones – Yawn

Il giorno dell’uscita del suo nuovo disco, Bill Ryder-Jones ha pubblicato un messaggio su Instagram che diceva “non sono stupido, mi ...

Space Aliens From Outer Space ...

Parlare di band italiane che fanno progressive oggi è difficile, per un motivo abbastanza semplice, non esiste un effettivo mercato, certo ...

Porcupine – What You’ve ...

Fan degli Hüsker Dü, gioite: Greg Norton è tornato a farsi vivo. Il bassista con i baffi a manubrio più famosi dell’alternative rock ...

Giardini di Mirò – Different ...

Tornano a farsi sentire anche i Giardini di Mirò, “Different Times” arriva dopo ben 4 anni da “Rapsodia Satanica” ...