AA. VV.
Brainfeeder X

[ Brainfeeder - 2018 ]
8
 
Genere: elettronica, hip-hop, beat
 
28 novembre 2018
 

Brainfeeder, l’etichetta di Flying Lotus, compie oggi 10 anni.

Per festeggiare, è stata realizzata una compilation in due volumi, “Brainfeeder X”, per un totale di 36 tracce. Sei di queste celebrano i più grandi successi della casa discografica, ad esempio, “Them Changes” e “Friend Zone” (in un remix di Ross from Friends) del bassista losangelino Thundercat. Le altre ventidue, invece, sono inediti dal piglio più elettronico.
Di Kamasi Washington, che deve la pubblicazione del suo album più importante, “The Epic”, proprio alla Brainfeeder, non c’è traccia. Tornano anzi, le atmosfere più intimiste di Thom Yorke (“Group Tea” di Matthewdavid, Flying Lotus) e uno sviluppo più orientato verso la musica tencho, house o hip hop come testimoniano figure quali Mr. Oizo, Iglooghost, TOKiMONSTA.

Dei generi più tradizionali, come funk, soul o jazz c’è davvero poco se non in una chiave più sperimentale che, come afferma la Brainfeeder stessa, va al di là della categorizzazione di un genere e si propone di addentrarsi in campi di ricerca ancora sconosciuti attraverso artisti “in-between” il cui credo si riassume in “the wildest style will always reign supreme”.

Lotus e compagnia vogliono porsi come redivivi del jazz sfruttando l’enorme potenziale che oggigiorno offre la tecnologia ed inaugurando così una nuova fase evolutiva del genere.
Una forte connotazione ideologica a cui però la musica non sembra sempre rendere giustizia: si tratta di un trampolino di lancio per molti artisti nuovi e solo il tempo potrà dirci se effettivamente è musica innovatrice o qualcosa di cui possiamo fare a meno.

Non mancano, tuttavia, pezzi interessanti e “King of the Hill” ne è un esempio: i tre immaginari inquietanti di Matthew Tavares (tastierista dei BBNG), Thundercat e Flying Lotus s’incontrano e incastrano perfettamente. Il pezzo è probabilmente quello che meglio rappresenta i nuovi orizzonti della black music contemporanea e spingono a dare una chance a questa chicca sui generis.

Tracklist
CD 1
1. Teebs – Why Like This?
2. Jeremiah Jae – $easons
3. Lapalux – Without You (ft. Kerry Leatham)
4. Iglooghost – Bug Thief
5. TOKiMONSTA – Fallen Arches
6. Miguel Baptista Benedict – Phemy
7. Matthewdavid – Group Tea (ft. Flying Lotus)
8. Martyn – Masks
9. Mr. Oizo – Ham
10. Daedelus – Order Of The Golden Dawn
11. Jameszoo – Flake
12. Taylor McFerrin – Place In My Heart (ft. RYAT)
13. MONO/POLY – Needs Deodorant
14. Thundercat – Them Changes
15.DJ Paypal – Slim Trak VIP
16. Thundercat – Friend Zone (Ross From Friends Remix)
17. Brandon Coleman – Walk Free (Flying Lotus Remix)

Vol. 2
1. Thundercat – King of the Hill (ft. BADBADNOTGOOD)
2. Lapalux – Opilio
3. Ross From Friends – Squaz
4. Georgia Anne Muldrow – Myrrh Song
5. Dorian Concept – Eigendynamik
6. Louis Cole – Thinking
7. Iglooghost – Yellow Gum
8. WOKE – The Lavishments of Light Looking (ft. George Clinton)
9. PBDY – Bring Me Down (ft. Salami Rose Joe Louis)
10. Jeremiah Jae – Black Salt
11. Flying Lotus – Ain’t No Coming Back (ft. Busdriver)
12. Miguel Atwood-Ferguson – Kazaru
13. Taylor Graves – Goku
14. Little Snake – Delusions
15. Strangeloop – Beautiful Undertow
16. MONO/POLY – Funkzilla (ft. Seven Davis Jr.)
17. Teebs – Birthday Beat
18. Moiré – Lisbon
19. Locust Toybox – Otravine
 
 

Andy Burrows & Matt Haig ...

Sono passati ormai cinque anni dal suo ultimo album, “Fall Together Again”, ma questo weekend Andy Burrows è ritornato con il suo ...

C’Mon Tigre – Racines

Le radici per la propria terra, l’inclinazione al viaggio. Due concetti apparentemente in antitesi, ma chi è nato sul mare non potrà ...

Le Butcherettes – Bi / Mental

Sono passati più di tre anni da “A Raw Youth” e visti i tempi che corrono non poteva mancare un nuovo album di Le Butcherettes. Dopo ...

Guided by Voices – Zeppelin ...

Nuovo album per la band di Robert Pollard, da sempre leader dei Guided by Voices, band di cui abbiamo notizie sin dal lontano 1983. Dopo due ...

Ian Brown – Ripples

“Don’t be sad it’s over, be happy that it happened”. Così chiosava King Monkey, al secolo Ian George Brown, dopo ...