IAN SWEET
Crush Crusher

[ Hardly Art - 2018 ]
7
 
Genere: bedroom-pop,indie-rock,dream-pop,indie-pop
 
28 novembre 2018
 

Non è facile andare avanti quando le tue compagne di viaggio si chiamano depressione e ansia: sicuramente uno dei metodi per superare questi periodi – ne abbiamo avuto varie prove nel corso degli anni – è sfogarsi scrivendo canzoni che raccontano le proprie esperienze e le proprie paure, rendendo in un certo senso chi poi le ascolta parte della tua vita.

Ne sa qualcosa Jillian Medford, titolare del progetto Ian Sweet: iniziato semplicemente come Ian qualche anno fa, si è poi trasformato in un trio, con la pubblicazione del loro esordio sulla lunga distanza, “Shapeshifter”, avvenuta nel 2016, per poi tornare a essere una cosa personale della ragazza californiana.

Uscito da poche settimane e pubblicato dalla Hardly Art, la sister-label della Sub Pop, “Crush Crusher” è stato registrato ai Rare Room Book Studios di Greenpoint, Brooklyn, NY insieme al noto produttore Gabe Wax (Deerhunter, The War On Drugs, Soccer Mommy) e vede la partecipazione di Max Almario alla batteria e di Simon Hanes al basso.

La opening-track “Hiding” dimostra subito tutta la vulnerabilità della Medford: la morbida dolcezza dei suoi vocals si scontra con il lavoro rumoroso della chitarre e un drumming decisamente potente, che porta una certa energia al brano.

“Holographic Jesus” parla del periodo – sicuramente non troppo positivo – in cui Jillian ha vissuto in un freddo appartamento a Brooklyn: elegante e dalle influenze shoegaze, anche questo brano mette in luce la splendida voce di Ian Sweet.

Molto più moderna la title-track, “Crush Crusher” che, con la sua batteria elettronica e delle belle linee di chitarra riesce a creare atmosfere deliranti e ritmi decisamente energici, mentre “Borrowed Body”, con le sue sei corde severe, sembra essere il brano più pesante del disco, forse proprio a causa del tema toccato.

“Crush Crusher”, con le sue influenze chiaramente ‘90s, è un album grintoso e onesto, che sa essere anche dolce e riflessivo: un passo interessante verso la maturità per Jillian e il suo progetto.

Tracklist
1. Hiding
2. Spit
3. Holographic Jesus
4. Bug Museum
5. Question It
6. Crush Crusher
7. Falling Fruit
8. Borrowed Body
9. Ugly/Bored
10. Your Arms Are Water
 
 

The National – I Am Easy To ...

Seguendo i National da molti anni, non mi aspettavo di incontrare nel loro percorso artistico una tappa come quella rappresentata da “I Am ...

Mac DeMarco – Here comes The ...

La noia come ragion d’essere. La noia come atto costitutivo della più alta forma di creatività. Mac DeMarco in “Here Comes the ...

Peter Doherty and The Puta Madres ...

Esce finalmente anche l’attesissimo omonimo lavoro di Peter Doherty & The Puta Madres ovvero il terzo e nuovo progetto per il frontman ...

Nick Murphy – Run Fast Sleep ...

“Run Fast Sleep Naked” è il primo album pubblicato dal cantante sotto il nome di Nick Murphy. L’ex Chet Faker ha dunque, ...

Rose Elinor Dougall – A New ...

Alzi la mano chi oggi si ricorda delle Pipettes, band inglese che fece capolino nelle playlist indie pop di metà anni 2000. Probabilmente ...