IAN SWEET
Crush Crusher

[ Hardly Art - 2018 ]
7
 
Genere: bedroom-pop,indie-rock,dream-pop,indie-pop
 
28 novembre 2018
 

Non è facile andare avanti quando le tue compagne di viaggio si chiamano depressione e ansia: sicuramente uno dei metodi per superare questi periodi – ne abbiamo avuto varie prove nel corso degli anni – è sfogarsi scrivendo canzoni che raccontano le proprie esperienze e le proprie paure, rendendo in un certo senso chi poi le ascolta parte della tua vita.

Ne sa qualcosa Jillian Medford, titolare del progetto Ian Sweet: iniziato semplicemente come Ian qualche anno fa, si è poi trasformato in un trio, con la pubblicazione del loro esordio sulla lunga distanza, “Shapeshifter”, avvenuta nel 2016, per poi tornare a essere una cosa personale della ragazza californiana.

Uscito da poche settimane e pubblicato dalla Hardly Art, la sister-label della Sub Pop, “Crush Crusher” è stato registrato ai Rare Room Book Studios di Greenpoint, Brooklyn, NY insieme al noto produttore Gabe Wax (Deerhunter, The War On Drugs, Soccer Mommy) e vede la partecipazione di Max Almario alla batteria e di Simon Hanes al basso.

La opening-track “Hiding” dimostra subito tutta la vulnerabilità della Medford: la morbida dolcezza dei suoi vocals si scontra con il lavoro rumoroso della chitarre e un drumming decisamente potente, che porta una certa energia al brano.

“Holographic Jesus” parla del periodo – sicuramente non troppo positivo – in cui Jillian ha vissuto in un freddo appartamento a Brooklyn: elegante e dalle influenze shoegaze, anche questo brano mette in luce la splendida voce di Ian Sweet.

Molto più moderna la title-track, “Crush Crusher” che, con la sua batteria elettronica e delle belle linee di chitarra riesce a creare atmosfere deliranti e ritmi decisamente energici, mentre “Borrowed Body”, con le sue sei corde severe, sembra essere il brano più pesante del disco, forse proprio a causa del tema toccato.

“Crush Crusher”, con le sue influenze chiaramente ‘90s, è un album grintoso e onesto, che sa essere anche dolce e riflessivo: un passo interessante verso la maturità per Jillian e il suo progetto.

Tracklist
1. Hiding
2. Spit
3. Holographic Jesus
4. Bug Museum
5. Question It
6. Crush Crusher
7. Falling Fruit
8. Borrowed Body
9. Ugly/Bored
10. Your Arms Are Water
 
 

Jacco Gardner – Somnium

Avevamo conosciuto Jacco Gardner grazie ai suoi due precedenti lavori che si erano rivelati molto interessanti. Alcuni lo avevano paragonato ...

Bill Ryder-Jones – Yawn

Il giorno dell’uscita del suo nuovo disco, Bill Ryder-Jones ha pubblicato un messaggio su Instagram che diceva “non sono stupido, mi ...

Space Aliens From Outer Space ...

Parlare di band italiane che fanno progressive oggi è difficile, per un motivo abbastanza semplice, non esiste un effettivo mercato, certo ...

Porcupine – What You’ve ...

Fan degli Hüsker Dü, gioite: Greg Norton è tornato a farsi vivo. Il bassista con i baffi a manubrio più famosi dell’alternative rock ...

Giardini di Mirò – Different ...

Tornano a farsi sentire anche i Giardini di Mirò, “Different Times” arriva dopo ben 4 anni da “Rapsodia Satanica” ...