GIOVENTù BRUCIATA

 
 
di
2 dicembre 2018
 

di Dario Ardias Thorre

Sai cosa ha scritto Godard su Nicholas Ray? Nicholas Ray è il cinema

Questa battuta, presente in ‘The Dreamers’ di Bernardo Bertolucci mi dà l’agio di introdurre il film di questa volta. Perchè parlare di ‘Gioventù Bruciata’ oggi dopo sessantatre anni? Quanto può essere utile o attuale spendere qualche riga sul capolavoro di Nicholas Ray? Innanzitutto, proprio perchè è un capolavoro, almeno per me, il film in questione è senza tempo e poi perchè possiede delle peculiarità intrinseche che andrebbero sottolineate in quanto anticipatrici di certi temi negli anni a venire (basti pensare a ‘Il Laureato’, per esempio).

Innanzitutto questo lavoro segnò l’apice della carriera di attore di James Dean che aveva già dato prova della sua forza recitativa, del tutto viscerale, ne ‘La Valle dell’Eden’. Jimmy era un animo disadattato e tormentato e il suo disagio esistenziale sullo schermo ne usciva sublimato e amplificato. Dopo essere stato Cal Trask (Jim non deve interpretare Cal, disse Elia Kazan, perchè Jim è Cal), qui con il personaggio di Jim Stark l’attore americano evidenzia il distacco e l’angoscia di tutta una generazione di giovani di quell’epoca dove i genitori sono su tutta un’altra frequenza, dove non esiste nessun tentativo di dialogo tra il mondo adulto, si veda l’esempio del padre autoritario di Judy interpretata da Natalie Wood o, nel peggiore dei casi, sono assenti anche fisicamente, come accade al vulnerabile Plato, interpretato con magistrale sensibilità da Sal Mineo. Plato, che vive con una governante, è orfano di padre e abbandonato dalla madre e proietterà nel più grande e protettivo Jim Stark il suo bisogno di affetto e comprensione. Dal canto suo James/Jim deve lottare per avere un padre che lo comprenda, ma sopratutto che gli mostri la forza e il coraggio di una figura paterna totalmente succube della moglie e della suocera. Jim soffrirà questa debolezza mostrata dal proprio genitore liberandosene con determionata rassegnazione e agendo da solo e d’istinto dopo una drammatica scena nella quale arriva a mettere le mani addosso al padre.

Vedere oggi ‘Gioventù Bruciata’ ci dà ancora un senso di profonda empatia emotiva per i personaggi sbandati della storia, ci fa comprendere, forse, che le barriere tra adulti e ragazzi sono, seppur in chiavi, tempi e modi diversi, presenti tutt’oggi dove il dialogo è del tutto assente sostituito e confortato da una materna tecnologia che allatta e cresce i nostri ragazzi. L’opera di Nicholas Ray, così ficcante e penetrante, arricchita dalle maestose musiche di Leonard Rosenman, ci lascia ancora avvinti e tristi per la forza espressiva del protagonista che al momento dell’uscita nelle sale era morto da pochissimo tempo. James Dean, dal canto suo, ci consegna un quadro perfetto, fatto di animalesca forza e vulnerabile istinto; un quadro che sarà replicato in futuro da tantissimi epigoni, uno su tutti River Phoenix, anch’egli sfortunato e incompiuto.

Paese di produzione: USA
Anno: 1955
Durata: 111 min
Genere: drammatico
Regia: Nicholas Ray
Soggetto: Nicholas Ray
Sceneggiatura: Stewart Stern
Produttore: David Weisbart
Casa di produzione: Warner Bros.
Fotografia: Ernest Haller
Montaggio: William H. Ziegler
Musiche: Leonard Rosenman

Interpreti e personaggi

James Dean: Jim Stark
Natalie Wood: Judy
Sal Mineo: John Crawford (Plato)
Jim Backus: Frank Stark
Ann Doran: Carol Stark
Corey Allen: Buzz Gunderson
 

Mandy

In una scena più o meno a metà film, Nicholas Cage si trova in un bagno tappezzato con poco gusto di giallo e arancione, indossa slip ...

Bohemian Rhapsody

Non sono un grande fan dei Queen, men che meno sono un grande fan dei fan dei Queen, una delle razze di fan più terribili al mondo – ...

BlacKkKlansman

Applaudito da molti come l’ultimo capolavoro di un ritrovato Spike Lee, non è l’opera d’arte che si legge in giro, ma ...

Blade Runner 2049

di Dario Ardias Thorre Vedere ‘Blade Runner 2049’, senza nessuna remora per quello che rappresenta ‘Blade Runner’, ...

Nico, 1988

di Dario Ardias Thorre Di solito, tranne rarissime eccezioni, odio i biopic di qualsivoglia genere perchè ne avverto sempre l’olezzo ...