ART BRUT
Wham! Bang! Pow! Let’s Rock Out

[ Alcopop! Records - 2018 ]
7
 
Genere: Indie rock - Post-punk
 
5 dicembre 2018
 

Ci sono voluti sette lunghi anni per ascoltare un nuovo lavoro degli Art Brut ma finalmente tornano con “Wham! Bang! Pow! Let’s Rock Out!” che, a ben vedere, ci fa tornare in mente il titolo del loro album d’esordio “Bang Bang Rock & Roll”.

Tutto sommato la scelta non è causale, la band in questo nuovo lavoro sembra cercare di ricreare la magia del loro primo album, e devo dire che in parte ci riesce.

Gli Art Brut sono una band difficile da confondere con altre, se non altro per la particolarità del cantato non cantato di Eddie Argos, che caratterizza tutta la produzione della band che va dritta per la sua strada senza esitazioni.

A volte ascoltando i brani, capita di immaginare come potrebbero trasformarsi le loro canzoni con una realizzazione vocale diversa, ma questi sono gli Art Brut  nel bene e nel male, degli Idles in formato comedy.

Una  loro caratteristica è un’attitudine alla scrittura di testi particolarmente divertenti, andatevi ad ascoltare “Hospital!” e poi leggetevi alcune  recenti interviste e capirete quanto Eddie Argos possa essere volontariamente (volontariamente?) divertente.

“Hospital!” racconta del suo ricovero presso un ospedale tedesco per una peritonite, insomma roba seria, se non la prendi in tempo ci tiri le cuoia, ma Argos ne approfitta per scrivere un testo con una serie di buoni propositi per evitare che possa accadere di nuovo, dettati più che altro dalla paura.

In una recente intervista il cantante ha spiegato cosa è successo raccontando che , tra dottori inglesi incompetenti, medici tedeschi scrupolosi, immediata operazione chirurgica, pazienti tedeschi inquietanti, digiuno forzato, non poteva che tirarci fuori una canzone.

A parte questo episodio, gli ultimi sette anni di Argos sono stati pieni di cambiamenti in fondo positivi, sul fronte professionale la fuoriuscita dalla band di Mickey Breyer e Jasper Future, ha trovato comunque l’ingresso di ottimi sostituti come Toby Macfarlan, ex chitarra degli Stone Creeds e di Charlie Layton ex batterista di The Wedding Present, su quello sentimentale una nuova compagna e un figlio, tutto riportato su un album particolarmente vivo ed energico, pieno di riferimenti alla sua vita berlinese.

Tra i brani da ricordare ci sono “Good Morning Berlin” , uno sguardo ironico sulla città tedesca, “Wham! Bang! Pow! Let’s Rock Out!” che è stato il singolo che ha anticipato l’album, “She Kissed Me (And It Felt Like A Hit)” che forse nasconde un desiderio inconfessabile, ma in tutti i brani la band riesce a valorizzare il recitato di Argon.

Per gli Art Brut è un nuovo inizio che ricomincia proprio da dove erano partiti, tra punk rock e pennellate di britpop  riescono ancora a fare centro.

Tracklist
1. Hooray!
2. I Hope You’re Very Happy Together
3. Good Morning Berlin
4. She Kissed Me (And It Felt Like A Hit)
5. Schwarzfahrer
6. Hospital!
7. Too Clever
8. Kultfigur
9. Veronica Falls
10. Wham! Bang! Pow! Let’s Rock Out!
11. Awkward Breakfast
12. Your Enemies Are My Enemies Too
 
 

Bianco – Tutto d’un ...

Era il 1 Aprile 2011 quando l’etichetta torinese INRI faceva il suo debutto pubblicando “Nostalgina”, il primo LP di Bianco, allora ...

The Suitcase Junket – Mean ...

Puntuale come un orologio torna Matt Lorenz in arte The Suitcase Junket ovvero il baffo più selvaggio e appuntito del rock. Musicista fuori ...

The Drums – Brutalism

Ormai una one man band, tornano i The Drums, torna ovvero Jonny Pierce. L’incedere non è più quello surfy degli esordi, e anche le ...

Giuda – E.V.A.

Alla conquista dello spazio con i Giuda. La band romana si sposa con la Rise Above Records e dà il via alla propria spedizione ...

Fontaines D.C. – Dogrel

Dublino negli ultimi sei o sette anni è tornata ad essere una città musicalmente viva, dopo un periodo in cui non molto di quanto veniva ...