RAYS
You Can Get There from Here

[ Trouble in Mind - 2018 ]
6.5
 
Genere: Post-pop-Punk
 
5 dicembre 2018
 

Vengono da Oakland, città della California che si affaccia sulla baia di San Francisco e musicalmente fertile area dove negli ultimi dieci anni si è sviluppata una importante scena di forte impronta punk. In questa fecondo ambiente si formarono nel 2015 i Rays che nel 2016, sempre via Trouble in Minds, si affacciarono sul mondo con l’uscita dell’eponimo album. A Stanley Martinez (voce), Eva Hannan (basso e voce, Alexa Pantalone (batteria) e Troy Hewitt (chitarra) si è unita Britta Leiijonflycht che con le sue tastiere a dato un’impronta importante alla nuova direzione che il gruppo ha preso in questo sophomore. Per nuova direzione intendiamo suoni più morbidi e melodici, abbandonando la scatenata ed impetuosa foga del debutto per una riuscita ricerca di suoni più pop. In alcuni casi percepiamo addirittura un senso di fragilità (“Fallen Stars”, “Veterans”) ma anche di luminosità come nella scintillante e briosa “Yesterday’s Faces” o l’allegra” Earthquake

Ma non vorrei avervi portato sulla strada sbagliata, “You Can Get There From Here” è un album per occhi abituati ai cieli grigi e plumbei di Glasgow ed orecchi avvezzi alle malinconiche melodie dei Pastels da cui i Rays traggono sicuramente ispirazione. Registrato negli studi Electric Duck di San Francisco e prodotto da Kelley Stoltz l’album offre momenti interessanti anche se, finito l’ascolto, ci assale quella non piacevole sensazione di “già sentito”. Una band in fase di evoluzione, staremo a vedere.

Tracklist
1. Fallen Stars
2. The Garden
3. Earthquake
4. To the Fire
5. Veterans
6. Yesterday’s Faces
7. Around the Town
8. Anti-Hand Man
9. Subway
10. Work of Art
11. Ray Johnson
12. Before Sunrise
 
 

Gianni Maroccolo – Alone ...

Gianni Maroccolo fa parte di una generazione tra le più intraprendenti, musicalmente, in Italia. La sua biografia parla da sé, dai Litfiba ...

Officine Bukowski – Il primo ...

E’ strano. E’ strano come “Il primo giorno d’inverno” possa portare con sé la freschezza di un temporale ...

The Twilight Sad – It Won/t ...

I The Twilight Sad tornano a quattro anni di distanza da “Nobody Wants To Be Here And Nobody Wants To Leave”, album esaltato dalla ...

Toro Y Moi – Outer Space

Quando si arriva al sesto album è necessario rischiare e avventurarsi in generi non ancora esplorati o è meglio rimanere nell’ormai ...

John Garcia – John Garcia and ...

La notizia di un nuovo album a firma John Garcia dovrebbe far fare i salti di gioia a qualsiasi appassionato di stoner rock che si rispetti. ...