CHARLOTTE GAINSBOURG
Live @ Fabrique (Milano, 05/12/2018)

 
6 dicembre 2018
 

Quando, la scorsa estate, giusto due settimane prima, annunciarono l’annullamento del Radar festival per (probabile) scarsa prevendita e l’incombente minaccia del live del misterioso Liberato in concorrenza, confesso che una lacrima sul viso scese e capii molte cose. Quello del Radar era davvero un cast lungimirante, al passo con i tempi, da camminarci a testa alta anche in Europa. Tra le tante ‘figate’ (passatemi il termine) in cartellone c’era anche la divina Charlotte. Meno male che alcuni artisti sono stati recuperati cammin facendo e stasera è il turno di una delle poche figlie d’arte a non pagare dazio alla sovrastante ed ingombrante ombra dei genitori. Lei li raggiunge o quantomeno non sfigura affatto, se paragonata.

Bravissima attrice, la preferita in assoluto di Lars Von Trier, mica Mr. pizza e fichi e da qualche anno seriamente in affair con l’arte musicale. Collaborazioni eccellenti, prima gli Air per il ri-debutto dopo anni dal suo esordio vero e proprio datato ’86, poi Mr. Beck per “IDM” il suo secondo disco della rinascita, passando per “Strange Whisper” il suo terzo, fino ad arrivare ad un quarto e bellissimo disco uscito nel 2017 che s’intitola “Rest” (pieno zeppo d’intoccabili come Sir Paul Mc Cartney o Christo dei Daft Punk) che è il leit motiv della setlist di stasera come del tour in corso.

Un disco con canzoni superbe (come tutte le sue pubblicazioni finora) cantato sia in inglese, sia in francese e dal vivo la Gainsbourg si conferma elegante e raffinata, timida e audace allo stesso tempo, introversa e istrionica e tanto a suo agio con il palco.

Come detto sopra, snocciola quasi tutto l’album nuovo con qualche perla dalla vecchia produzione come “Heaven Can Wait” o “The Song the We Sing” e addirittura episodi remotissimi con “Charlotte forever” o “Lemon Incest” incise con il padre Sergi, a metà degli anni ’80. Un totale di sei musicisti on stage, una band molto affiatata e molto ben congeniata con elementi bizzarri che si sposano perfettamente con la capofila e un’altrettanta scelta di gran classe la produzione delle luci, rettangoli di neon coreografici ed efficaci capaci di rendere un’atmosfera di chiaro scuro potentissima quanto suggestiva. Un’ora e venti di grande musica con quel french touch che aleggia sul Fabrique come fossimo ad una sfilata di Chanel.

Una fuoriclasse come raramente capita d’incontrare.

 

Kreator, Dimmu Borgir, Hatebreed ...

di Simone Bonetti “The European Apocalypse Tour 2018” capitanato dalla “strana” coppia Dimmu Borgir – Kreator fa tappa ...

The Cardigans – Live @ O2 ...

di Corrado Cigna A Natale del 1997 usciva “Gran Turismo”, un videogioco che avrebbe cambiato il modo di giocare di molti giovani (e ...

Ash – Live @ Legend (Milano, ...

di Marco Barattistuta Torna in Italia dopo due anni il trio nordirlandese ormai trasferitosi da diversi anni in USA. Una sola data nella ...

Alela Diane + Heather Woods ...

Tra le varie tappe del tour europeo di Alela Diane c’è Bordeaux, e più precisamente il vertiginoso Rocher de Palmer. Il teatro vanta un ...

Carlot-ta – Live @ Auditorium ...

Nella magnifica location dell’Audiotorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze, a due passi del Duomo in Via Folco Portinari (padre ...