PATRICK DUFF
Leaving my Father’s House

[ Environmental Studies - 2018 ]
7
 
Genere: pop-acoustic-rock
 
14 dicembre 2018
 

Patrick Duff, eclettico frontman dei mai compianti abbastanza Strangelove, torna con un lavoro molto interessante, dopo ben 5 anni dal precedente “Visions Of The Underworld”.
Con questo nuovo “Leaving My Father’s House”, il suo quarto solista, Patrick torna a sonorità più articolate con una band vera e propria al suo seguito, tra l’altro assieme al suo compagno di avventure Alex Lee, (Strangelove, Suede, Placebo), consegnando alle stampe, a mio parere, il suo disco più completo ed eterogeneo sia come composizione che come produzione.

Le atmosfere sono sempre delicate e rarefatte, spesso acustiche, a tratti con un sapore retrò a cavallo tra ’60 e ’70 che danno alle canzoni una piacevole spruzzata di sana psichedelia. Oltre a nomi inglesi (Bowie, Barrett, Beatles) io ci sento ispirazioni da Lou Reed, Tim Buckley e, in generale, dal cantautorato americano alternativo di quel periodo.

Il disco scorre via veloce. Il trittico iniziale, fresco ed immediato, di “Yesterday’s Man”, “Brian Jones” e “Saint Marie” ci da subito il polso della situazione,  senza però svelare troppo di ciò che ci attende. Le ballate vere e proprie sono solo due “Little Rose” e “Maria”, mentre invece i pezzi più trasognati ed eterei li troviamo in “Land Of The Midnight Sun”, “Kate’s Magic Spell” e “Leaving My Father’s House”. “Fun”, “For All I Know” e “Black Mondays”, non avrebbero sfigurato tra i pezzi degli Strangelove, in una versione dal taglio ovviamente più acustico e scarno.

Ascoltate questo nuovo album di Patrick, lasciatevi ammaliare dalla sua voce, cercate di entrare nelle sue poesie: è un buon modo per sciacquarsi le orecchie da da tutto quell’indie ormai mainstream, talmente impegnato nella ricerca di nuove sonorità che, troppo spesso, si dimentica come scrivere buone canzoni.

Tracklist
1. Yesterday_s Man
2. Brian Jones
3. Saint Marie
4. Little Rose
5. Fun
6. Land Of The Midnight Sun
7. For All I Know
8. Maria
9. Black Monday
10. Kate_s Magic Spell
11. Leaving My Father_s House
 
 

Sambassadeur – Survival

L’idea di pop che hanno i Sambassadeur è la nostra. C’è poco da fare. Una canzone semplice, in apparenza, che ti rinfranca ...

These New Puritans – Inside ...

I These New Puritans continuano la loro quieta ascesa in un inafferrabile empireo di art-rock lontano da ogni trend musicale. La band ormai ...

Idlewild – Interview Music

Tornano gli scozzesi Idlewild autentici pezzi da novanta di quello che nella seconda metà degli anni 90 venne etichettato come post ...

Apparat – LP5

Chiudete gli occhi, immaginatevi d’essere all’interno di una stanza vuota, con una sola finestra che mostra il mare e un ...

Priests – The Seduction of ...

Non sono stati tempi facili per la band di Whashington D.C. Quando tutto sembrava procedere per il meglio, con il loro debut “Nothing ...