HUTCH HARRIS
Only Water

[ Royal We Publishing - 2018 ]
6.5
 
Genere: indie rock
 
17 dicembre 2018
 

“Only Water” è il titolo dell’album di debutto di Hutch Harris, cantante/chitarrista statunitense noto principalmente per i suoi trascorsi con i Thermals. Il trio indie rock di Portland, autore di alcuni album di pregevole fattura nei primi anni 2000 (“The Body, The Blood, The Machine” e “Now We Can See” su tutti), ci ha salutato definitivamente lo scorso aprile, pubblicando un bel post di addio sulla propria pagina Facebook.

Invece di prendersi un meritato periodo di riposo, gli ex componenti della band hanno deciso subito di rimettersi all’opera con qualche realtà diversa, alla ricerca di stimoli che probabilmente mancavano da tempo. La bassista Kathy Foster e il batterista Westin Glass hanno continuato a fare musica insieme portando avanti un loro vecchio progetto chiamato Hurry Up; Harris, da buon frontman, ha invece optato per la via solista. Via solista imboccata con molta, molta cautela: “Only Water” è un disco composto e registrato mantenendo un bassissimo profilo, senza il coinvolgimento di nomi altisonanti o etichette di prestigio.

Al momento lo si trova solo su Bandcamp e non è chiaro quando sarà disponibile in formato fisico o su altre piattaforme di streaming musicale. Un vero peccato, perché le dieci tracce al suo interno meritano più di un ascolto. Con “Only Water” Hutch Harris abbandona le schitarrate punk/garage che costituivano la base della ricetta del vecchio trio per mostrarsi nel suo lato più squisitamente pop e meno ruvido.

A colpire sono subito due fattori: la pressoché totale assenza di distorsioni e una sezione ritmica davvero ridotta all’osso, ai limiti del percettibile. A reggere le impalcature delle canzoni è la melodia nelle sue molteplici forme, che sia appiccicosa come una caramella (“You And Yesterday” e “No River Left”), accorata come nella miglior tradizione folk (“Anything Is Possible”, “We Will Be Alone” e “I Walked Back Home”) o spensierata come una filastrocca (“I Belong To No One”, “You Can Believe Me Now” e “I Will Try To Forget You”).

La rabbia dei Thermals è un pallido ricordo: il nuovo Hutch Harris preferisce i sussurri alle urla, gli accordi aperti ai power chords. I primi segni di un invecchiamento precoce? No, assolutamente. Semmai un interessante e godibile tentativo di reinventarsi senza abbandonare i già battuti lidi indie rock; ancora un pizzico acerbo magari, ma decisamente godibile.

Tracklist
1. I'm Ready To Leave
2. I Will Try To Forget You
3. You Can Believe Me Now
4. No River Left
5. Anything Is Possible
6. Only Water
7. I Belong To No One
8. We Will Be Alone
9. You And Yesterday
10. I Walked Back Home
 
 

Sophie Ellis-Bextor – The ...

Premessa. Adoro la divina Sophie Ellis Bextor. Adoro le partiture orchestarli. Adoro Ed Harcourt. Fine premessa. Quando però è troppo, ...

Hozier – Wasteland, Baby!

Il secondo disco dell’irlandese Hozier, intitolato “Wasteland, Baby!”, arriva a distanza di ben 5 anni ...

Giorgio Poi – Smog

Facile parlare ora di Giorgio Poi, dopo cose come la collaborazione con Calcutta (finita in coda a quest’album) o il tour ...

Telekinesis – Effluxion

L’originalità non è tra le prerogative del one man band statunitense Michael Benjamin Lerner. La sua passione per la grande musica del ...

American Football – American ...

Quando nel 2016 Kinsella e sodali decisero di dar seguito al primo loro capitolo, divenuto nel mentre una sorta di oggetto di culto, ...