JULIA HOLTER
Aviary

[ Domino Records - 2018 ]
8.5
 
Genere: Cantautorato, Alternative
 
17 dicembre 2018
 

Da Julia Holter non sai mai cosa aspettarti, ogni sua uscita discografica è in grado di sorprendere, donando stupore, grazia e meraviglie assortite.

Il nuovo disco, “Aviary”, giunge quasi in chiusura d’anno ma si candida – non prepotentemente ma con la sola “forza” della sua Arte – in maniera del tutto naturale a figurare tra i migliori di questo frastagliato 2018 musicale.

Lei però, da sempre, viaggia per conto proprio, fregandosene di hype ed effimere mode, ben consapevole che la sua musica non è quella propriamente adattabile a passaggi radiofonici.

E’ infatti assai arduo ricercare in queste 15 tracce delle concessioni alla melodia più semplice e immediata. Le canzoni paiono al più destrutturate, lontane dagli archetipi pop strofa-bridge-ritornello, e anche la scelta degli arrangiamenti premia soluzioni inusuali, con strumenti e tonalità in certi casi più vicini all’avanguardia pura da camera (penso alla coda finale di “I Shall Love 1”) o all’insita classicità di un episodio come “Chaitius”, seguito in scaletta dall’evocativa e aulica “Voce Simul” dove la Holter si cimenta pure col latino!

Un album da ascoltare in cuffia, a volerne cogliere gli infiniti ceselli, i particolari sonori e vocali più nascosti, i suoni che improvvisamente emergono o che si fanno solamente cogliere in lontananza come misteriosi echi, quasi appartenessero a mondi lontani.

Non c’è un solo brano che non meriti considerazione, sembrano apparentemente slegati e disomogenei ma a tenere ben saldo il tutto, a farne rivendicare la familiarità è proprio l’anima di Julia. In tal senso mi viene facile accostarla a Cat Power, altra cantautrice sui generis che nei suoi dischi ama spesso volteggiare e fluttuare libera.

Ecco, in questo disco Julia Holter va anche oltre, perché il suo non è folk, non è elettronica e né tanto meno pop. Ma qualcosa di originale, spiazzante ed estremamente affascinante. Tutto molto denso: il disco sfiora l’ora e mezza e le canzoni durano in media 6 minuti.

La sensazione mentre si ascoltano i brani è che da un momento all’altro qualcosa possa subentrare nel contesto e stravolgerne stile e atmosfera. Se il buon giorno si vede dal mattino, esemplificativa al riguardo è già la traccia d’apertura, la rumorosa “Turn the Light On”, in cui la melodia è di fatto assente e la voce della Nostra fa capolino con piccoli bozzi di testo, sciamanica e declamatoria.

In “Whether” invece sono i beat elettronici a contornare un canto deciso ed eclettico. Anche in “Everyday Is an Emergency” la voce quasi scompare, la sentiamo in lontananza, sofferta e cupa, stretta e avvinghiata da una musica gelida, minacciosa e alla fine claustrofobica. In compenso la successiva “Another Dream” a tratti assume toni favolistici e il cerchio si chiude con la magnetica, sublime “I Shall Love 2” che precede in scaletta la già citata “gemella” numero 1, differenziandosi però per umori e atmosfere.

Come detto, ogni episodio non lascia indifferenti, nessuno assurge al poco edificante ruolo di riempitivo (e in un disco così lungo non è poi così scontato);  meritano una citazione anche l’ondivaga e ritmica “Underneath the Moon”, dall’arrangiamento davvero bizzarro, una “Colligere” che rimanda a mondi antichi, coi suoi sublimi archi a disegnare trame e soprattutto la frizzante, accattivante e gioiosa “Les Jeux to You”.

Proprio quest’ultima è un esempio di come all’interno di un pezzo Julia Holter sappia cambiare repentinamente coordinate stilistiche, con la canzone che al culmine di un crescendo pirotecnico sfocia invece in un finale soave, dolce e riflessivo. A detta di chi scrive, il capolavoro del disco.

Non poteva mancare una ballata più classica, e per “Words I Heard”, la traccia più intimista del lotto, solo piano e violino e una voce stavolta in primo piano, di recente è uscito anche un video intimo, delicato e corredato da immagini bucoliche.

“Aviary” conferma ce ne fosse ancora bisogno l’estrema vitalità della cantautrice losangelina: sono passati 7 anni dal suo folgorante esordio “Tragedy”, ma pur nella sua innegabile evoluzione, non ha smarrito alcunché della sua genuinità e della sua voglia di esplorare mondi sonori, anche azzardando alcune scelte.

A 34 anni Julia Holter è un’artista matura e con un talento che sgorga ancora libero dalle sue canzoni. L’auspicio è che non perda questa sua condizione di outsider e che continui a seguire i suoi istinti profondi.

Tracklist
1. Turn the Light On
2. Whether
3. Chaitius
4. Voce Simul
5. Everyday Is an Emergency
6. Another Dream
7. I Shall Love 2
8. Underneath the Moon
9. Colligere
10. In Gardens' Muteness
11. I Would Rather See
12. Les Jeux to You
13. Words I Heard
14. I Shall Love 1
15. Why Sad Song
 
 

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...

Sleater Kinney – The Center ...

“The Center Won’t Hold”. Titolo profetico per le Sleater – Kinney. Il sodalizio che sembrava di ferro tra Corin Tucker, Carrie ...

Marika Hackman – Any Human ...

Sono passati poco più di due anni dall’uscita del suo sophomore “I’m Not Your Man” e Marika Hackman è ritornata questo weekend con ...

Olden Yolk – Living Theatre

Il loro omonimo primo LP era arrivato solamente nel febbraio dello scorso anno, ma gli Olden Yolk gli hanno già dato un seguito, realizzato ...