TOP TEN ALBUM 2018 DI GIANNI GARDON

 
20 dicembre 2018
 

#10) GAZ COOMBES
World’s Strongest Man
[Hot Fruit Recordings]
LEGGI LA RECENSIONE

Meno d’impatto rispetto al predecessore “Matador”, a distanza di 3 anni il rientro in pista dell’ex frontman dei Supergrass è coinciso con un disco maturo, intimo, in cui l’autore ha messo a nudo dubbi e fragilità ma anche piene consapevolezze. Non ha più bisogno della hit a effetto, Gaz Coombes è qui per restare e con questo lavoro si dimostra uno dei migliori songwriters della sua generazione.

#9) A TOYS ORCHESTRA
Dub Lub
[Ala Bianca]
LEGGI LA RECENSIONE

Si confermano dei fuoriclasse della canzone gli A Toys Orchestra di Enzo Moretto. L’ensemble salernitano è al solito affiatatissimo e di album in album porta alta la bandiera tricolore non sfigurando al cospetto di esponenti internazionali di un genere mai passato di modo come il pop rock d’autore venato di psichedelia. Sono composizioni raffinate e lunari, in grado di ammaliare e riscaldare i cuori.

#8) JULIA HOLTER
Aviary
[Domino Records]
LEGGI LA RECENSIONE

Un lavoro molto particolare quello della cantautrice di Los Angeles, in cui ha voluto spiazzare l’ascoltatore miscelando mondi sonori che sembrano appartenere ad epoche lontane e arcaiche ma che risultano invece modernissimi. Julia Holter è un talento purissimo che deve procedere a briglie sciolte per esprimere tutto il suo potenziale. “Aviary” è un passo avanti notevole nella sua già ragguardevole carriera.

#7) SUEDE
The Blue Hour
[Warner]
LEGGI LA RECENSIONE

Al di là dell’impatto emotivo che il nome Suede mi suscita, avendo amato da sempre la band di Brett Anderson, questo album (il terzo dal rientro sulle scene) è cresciuto di ascolto in ascolto, dando chiara l’idea che i vecchi eroi del britpop siano più vivi che mai e che non abbiano deciso di rimettersi a pubblicare dischi solo per poi raccogliere folle estasiate di nostalgici ai relativi tour. No, in “The Blue Hour” l’ispirazione vola alta, così come l’alchimia tra Anderson e Richard Oakes. E un brano come “Life is Golden” è in grado di catturare appieno l’anima, con i suoi toni epici e romantici.

#6) THE MAGIC NUMBERS
Outsiders
[Black Candy]
LEGGI LA RECENSIONE

Sembravano essersi fermati in un limbo i Magic Numbers, atipica band con base a Londra, e assurti a idoli indie ai tempi del debut album, per quello che era un autentico campionario di prelibatezze pop. Sono sempre loro come attitudine ma intensificano la loro proposta musicale, finendo con ruggire di più e mettendo in primo piano le chitarre elettriche. Rimangono splendidi gli intrecci sonori e vocali dei fratelli Romeo e Michelle Stodart ma in questo album ci sono meno Mamas & Papas e più Jefferson Airplane, rimanendo però assolutamente unica e riconoscibile la sigla The Magic Numbers.

#5) ANY OTHER
Two, Geography
[42 Records]
LEGGI LA RECENSIONE

Il miglior disco italiano dell’anno, e stride che di italiano questo lavoro della veronese Adele Nigro (factotum della band) non abbia in pratica nulla. Ma sarebbe giusto che i giovanissimi Any Other fossero considerati anche al di fuori dei circuiti alternativi. Perché in questo nuovo album l’asticella è stata clamorosamente alzata e, se da una parte mancano pezzi facilmente assimilabili e orecchiabili a un primo ascolto come invece accaduto nel disco d’esordio, in compenso si rimane affascinati e rapiti dalle composizioni ricche, suggestive, intense, crude eppure pienissime di nobili rimandi. Un contenitore di emozioni in piena ebollizione.

#4) COURTNEY BARNETT
Tell Me How You Really Feel
[Milk! Records/Mom + Pop/Marathon]
LEGGI LA RECENSIONE

Continua imperiosa la crescita artistica dell’australiana Courtney Barnett, capace di raccogliere l’eredità delle grandi donne rock del nostro tempo. Rimane un immaginario legato agli anni ’90, quindi fatto sostanzialmente di chitarre e di un cantato viscerale, a tratti ancora sbilenco ma assolutamente in grado di trasmettere al solito una sorta di urgenza creativa. I testi sono più personali ma l’attitudine rimane tutt’altro che intimista.

#3) CAR SEAT HEADREST
Twin Fantasy
[Matador]
LEGGI LA RECENSIONE

Ad ascoltare le 10 canzoni che compongono questo album pare assurdo pensare che l’autore Will Toledo le abbia scritte all’età di 19 anni. In realtà erano già vive e presenti, oltre che caricate sulla sua pagina Bandcamp già a nome Car Seat Headrest (di fatto suo pseudonimo). Dopo 7 anni le ha volute riproporre, forte di una produzione finalmente all’altezza a valorizzarne le intuizioni, e soprattutto dei consensi pressochè unanimi del precedente “Teens of Denial”. Sono ancora storie adolescenziali quelle che ci racconta questo giovane cantautore americano, sfaccettate e crude, e declinate all’insegna di un rock che sembra attingere a piene mani da una tradizione indie che poi ha saputo farsi grande: tra le pieghe si sentono riecheggiare ad esempio Pixies e R.E.M.

#2) JOHNNY MARR
Call The Comet
[New Voodoo]
LEGGI LA RECENSIONE

Un ritorno in grande stile quello di Johnny Marr, corroborato dalle splendide esecuzioni live che lo hanno visto in forma smagliante, e che hanno estasiato i tanti fans italiani che lo hanno potuto apprezzare nella data milanese novembrina al Fabrique. A 55 anni compiuti l’ex prodigio degli Smiths non sembra volerne sapere di svernare e di vivere di rendita. Continua a mettersi in gioco e dopo aver dato il suo grande apporto qualitativo nei dischi di Modest Mouse e Cribs, sembra volersi concentrare come non mai sulla propria carriera solista, comunque sinora apprezzabile. “Call The Comet” suona sincero, fresco, appassionato e alcune melodie sono all’altezza dei suoi successi più grandi.

#1) MITSKI
Be The Cowboy
[Dead Oceans]
LEGGI LA RECENSIONE

La cantante nippo – americana confeziona un album che conferma le felici intuizioni dell’acclamato “Puberty 2” e che anzi lo sopravanza in quanto a esplosività ed espressioni stilistiche. Eterogeneo per necessità, verrebbe da dire, viste le molteplici istanze che sembrano attraversare e rappresentare Mitski Miyawaki. Tutto questo è riversato in un disco senza punti deboli, in cui sono compresenti momenti romantici, malinconici e altri in cui in maniera dirompente e dilagante emerge la complessità di un’artista consapevole dei suoi straordinari mezzi. E’ un pop di altissima qualità, arrangiato divinamente e in cui trovare tracce di banalità o ripetitività somiglia a un’impresa titanica.

 

The Leisure Society – Live @ ...

Dopo quattro anni di silenzio, il mese scorso The Leisure Society sono ritornati con il loro quinto LP, “Arrivals & Departures”, ...

Benjamin Clementine – Live @ ...

Giovedì sera di metà maggio: le temperature sono ancora piuttosto rigide per essere in primavera inoltrata, mentre noi siamo al Teatro ...

Il Live Rock Festival di Siena ...

Davvero ottima la line-up del Live Rock Festival, che si terrà tra il 28 agosto e il 1° settembre nei Giardini Ex Fierale di Acquaviva ...

Guarda il trailer della 3^ stagione ...

Aaron Paul, attore che noi tutti abbiamo amato nei panni di Jesse Pinkman in Breaking Bad, e il rapper Kid Cudi appaiono nel primo trailer ...

Vampire Weekend: guarda il video di ...

I Vampire Weekend rilasciano oggi il video ufficiale di “This Life” nuovo singolo estratto da “Father of the Bride” ...