JOHN MELLENCAMP
Other People’s Stuff

[ Republic - 2018 ]
6
 
Genere: Rock, Pop Rock, Heartland Rock
 
di
21 dicembre 2018
 

Un po’ Bob Dylan, un po’ Bruce Springsteen: certo, non siamo al livello dei mostri sacri appena richiamati, ma negli States John Mellencamp, brillante 67enne dall’Indiana, è molto di più del poco che è conosciuto dalla nostre parti. Forse, e dico forse, alcuni non giovanissimi ricorderanno il pezzo “Jack and Diane” che mandò nel 1982 l’album “American Fool” in cima alle classifiche a stelle e strisce o il brano “Human Wheels” che – nostalgia canaglia- veniva usato a metà degli anni 90 come sottofondo musicale durante alcuni servizi di Mai Dire Gol.

Poco altro, per uno che è 24esimo album in studio, ha venduto decine di milioni di dischi, ha vinto un Grammy ed è pure nella Rock and Roll Hall of Fame. Mica briciole. E che da diversi anni se la fa con Meg Ryan, se proprio vogliamo uscire dal seminato.

Con questo “Other People’s Stuff”, Mellencamp raccoglie brani classici della musica folk e country americana, reinterpretati e registrati nel corso della sua carriera lunga qualcosa come 40 anni ed alcuni già presenti in altri album e raccolte, tra i quali “Don’t Know Why I Love You” di Stevie Wonder o “Wreck of The Old ’97” di Vernon Dalhart.

C’è anche “Eyes on The Prize” che lo stesso Mellencamp suonò nel 2010 alla Casa Bianca in occasione del Celebration of Music from the Civil Rights Movement, su richiesta dell’amministrazione Obama.

In attesa di un tour molto impegnativo previsto per il 2019, i fan e non solo potranno quindi deliziarsi con questo “Other’s People Stuff”: canzoni di altri che Mellencamp è stato bravo ad interpretare come fossero proprie.

 

 

 

Tracklist
1. To the River
2. Gambling Bar Room Blues
3. Teardrops Will Fall
4. In My Time of Dying
5. Mobile Blue
6. Eyes on the Prize
7. Dark as a Dungeon
8. Stones in My Passway
9. Wreck of the Old
10. Don't Know Why I Love You
 
 

Pelican – Nighttime Stories

Sei anni dopo “Forever Becoming” e a quattro dall’ EP “Cliff” tornano i Pelican, alfieri di quella branca strumentale del post ...

Kate Tempest – The Book Of ...

“I came to under a red moon / Thirsty for water / My eyes were like shovels in the soil of the sky”. Comincia così “The Book Of Traps ...

Amyl and the Sniffers – ...

Primo album per Amyl and the Sniffers, band australiana che in soli tre anni e un paio di E.P., è riuscita a crearsi un nutrito seguito di ...

Hatchie – Keepsake

La principessa Hatchie, che qui su IFB gode di venerazione e statue personalizzate in redazione per celebrare il doveroso tributo, non ...

Combichrist – One Fire

Sulla copertina di “One Fire”, il nono album dei Combichrist, c’è il disegno di un mostro spaventoso. È una specie di Godzilla con ...