LORO ( 1 E 2 )

 
 
di
21 dicembre 2018
 

Seconda (e terza) pellicola di Paolo Sorrentino ispirata alla figura di un politico italiano, “Loro” vuole essere molte cose.
Partiamo dal titolo, che è chiaro manifesto dell’intera operazione e della visione che Sorrentino ha voluto mettere sul piatto, confrontiamolo con quello del suo altro film politico. Andreottti e Berlusconi sono i due politici che hanno coperto la carica di primo ministro più a lungo, influenzando con le proprie scelte e vicissitudini la nostra storia recente. Eppure, per Andreotti, Sorrentino ha scelto il titolo “Il divo”, che da subito segna una cesura, un netto distacco tra questa figura e gli italiani, che ne accentua l’inafferrabilità, la lontananza. Per Lui (la maniera in cui Silvio Berlusconi viene chiamato dai suoi prodi nel film) il regista napoletano ha invece scelto il titolo “Loro”, quasi a indicare l’impossibilità di Berlusconi di essere quello che è stato senza un popolo che ne alimentasse il mito e che ne faccesse ancor prima che un capo di governo un fenomeno di costume, un (non) modello cui ispirarsi.

Per dipingere ciò il film si sofferma su un periodo piuttosto limitato, i tre anni che vanno dal 2006 al 2009, durante i quali Berlusconi sarebbe stato investito dagli scandali che ne avrebbero segnato la fine della carriera politica e avrebbe terminato la sua relazione con la Lario.
Nonostante “Loro” sia a tutti gli effetti un film con una sua compattezza, la sua suddivisione in due capitoli ha uno scopo molto preciso. La prima parte, eccessiva e ipercinetica, si sofferma infatti sui Loro del titolo, aspiranti cortigiani disposti a tutti pur di entrare nella cricca di Lui. Mentre la seconda, più pacata e dialogata, ci porta finalmente alla scoperta dell’intimità di Berlusconi – o meglio di come Sorrentino la immagina.

La sensazione alla fine della visione di “Loro”, pur piacevole e ricco di spunti interessanti, è che si tratti di un’occasione persa, dove i numerosi momenti criptici e le decine di milioni di scene oniriche o fotograficamente virtuose annacquino le riflessioni argute.

Un’ultima riflessione voglio rivolgerla ad una critica al film che ho letto spesso, quella secondo cui Sorrentino sarebbe stato morbido, quasi assolutorio nei confronti della figura di Silvio Berlusconi. A me sembra che quello che succeda nelle feste, così come il regista ha voluto rappresentarle, sia schifoso e certa materia di giudizio penale, non è che doveva metterci i sottotitoli “oh, non fare questo che sono due anni, oh, non fare questo che sono sei, oh, questo l’ho ripreso figo ma è schifoso“. Anzi, mi verrebbe da dire che la naturalità con cui un certo mondo viene dato per scontato dai personaggi del film sia di per se una condanna. Così come il fatto che le vicende ruotino intorno a un personaggio che cerca di avvicinarsi a Berlusconi, riuscendoci, mettendo su un giro di prostituzione. Insomma, più chiaro di così si muore.

Paese di produzione: Italia, Francia
Anno: 2018
Durata: 100 min (Loro 1)
104 min (Loro 2)
145 min (montaggio unico)
Genere: biografico, commedia, drammatico
Regia: Paolo Sorrentino
Soggetto: Paolo Sorrentino
Sceneggiatura: Paolo Sorrentino, Umberto Contarello
Produttore: Nicola Giuliano, Francesca Cima, Carlotta Calori, Viola Prestieri
Casa di produzione: Indigo Film, Pathé, France 2 Cinéma
Fotografia: Luca Bigazzi
Musiche: Lele Marchitelli

Interpreti e personaggi

Toni Servillo: Silvio Berlusconi / Ennio Doris
Riccardo Scamarcio: Sergio Morra
Elena Sofia Ricci: Veronica Lario
Kasia Smutniak: Kira
Euridice Axen: Tamara
Fabrizio Bentivoglio: Santino Recchia
Roberto De Francesco: Fabrizio Sala
Dario Cantarelli: Paolo Spagnolo
 

La Casa di Jack

di Samaang Ruinees (recensione che trovate sulla pagina Facebook di Horror House) Jack è un ingegnere che vuole essere un architetto. Jack ...

The Boys (Stagione 1)

Quando iniziò a circolare la voce di un progetto che avrebbe portato sul piccolo schermo una serie basata sul fumetto “The ...

Midsommar – Il Villaggio dei ...

di Micky Cardilicchia (recensione presente sulla pagina Horror House) Dopo quella perla di “Hereditary”, le mie aspettative sul ...

Climax

di Micky Cardilicchia (recensione presente sulla pagina Horror House) Parlare di “Climax” non è affatto facile. Anche adesso, ...

La casa de papel (stagione 3)

La prima cosa che si fa notare in questa stagione di “La casa de Papel” è il budget, decisamente maggiorato rispetto alle prime ...