MY BRIGHTEST DIAMOND
A Million and One

[ Rhyme & Reason Records - 2018 ]
7
 
Genere: Indie rock, Baroque pop, elettro pop
 
24 dicembre 2018
 

Shara Nova, ex Shara Worden, la signora My Brightest Diamond, ritorna con un nuovo lavoro “A Million and One” e continua il percorso intrapreso nel suo ultimo lavoro “This is My Hand”, spingendo ancora di più verso l’elettronica.

Lo fa avvalendosi della collaborazione di Anthony Khan (Gorillaz, Kanye West) e all’ingegnere del suono Andrew Scheps (Adele, Lana Del Ray) che partecipano alla produzione, e che come  risultato ci danno un album tecnicamente ineccepibile.

Shara Nova è un artista di indiscutibile talento, dotata di una voce cristallina, polistrumentista, ottima scrittrice anche nei testi e il suo valore è certificato dalle collaborazioni che può vantare, David Byrne, Laurie Anderson, Fatboy Slim, solo per citarne alcuni.

Nonostante questo sembra sempre che manchi qualcosa per il grande salto, come se l’artista restasse in bilico tra l’avanguardia pop e il successo commerciale, si ha sempre l’impressione di trovarsi di fronte ad un grande talento in procinto di sbocciare.

Shara Nova finisce per essere poco pop per diventare una nuova Annie Lennox o una Florence Welch e troppo poco sperimentatrice per essere una nuova Laurie Anderson, riesce a realizzare un album gradevole, tecnicamente valido, tutto sommato un buon lavoro che però risulta essere non abbastanza per la bravura di Shara Nova, che amerei spingesse maggiormente verso un pop sperimentale e più audace.

Detto questo l’album ha diversi momenti notevoli, a partire dal brano di apertura  “It’s Me On The Dance Floor”, tra una chitarra singolare e synth in evidenza, “You Wanna See My Teeth” dove la sua ottima voce si esalta, si trasforma, si distorce a puntellare la drammaticità del testo, “A Million Pearls”  in cui la base ritmica esalta la voce, e “White Noise”, che chiude l’album, ed è il brano che ho preferito e verso il quale dovrebbe spingersi il futuro di My Brightest Diamond.

A “Million and One” è un buon lavoro, ma poteva essere molto di più considerato il notevole talento di Shara Nova.

Tracklist
1. It's Me On The Dance Floor
2. Rising Star
3. Another Chance
4. Champagne
5. You Wanna See My Teeth
6. A Million Pearls
7. Sway
8. Supernova
9. Mother
10. White Noise
 
 

Foals – Everything Not Saved ...

Ambizioso il progetto dei Foals, che, dopo aver firmato il contratto con la Warner, hanno deciso di realizzare un doppio album, la cui prima ...

Coma_Cose – Hype Aura

Aspettavo l’uscita dell’album dei Coma_Cose per tanti motivi, il primo era la curiosità di ascoltare un loro lavoro completo e ...

Royal Trux – White Stuff

Diciannove anni dopo l’ultimo vero album in studio (“Pound For Pound”) e a diciassette dalla raccolta “Hand Of Glory” la premiata ...

Amanda Palmer – There Will Be ...

Amanda Palmer è sempre stata un’artista ribelle, indipendente. Performer nel senso più vero del termine, fin da quando calcava i palchi ...

Finn Andrews – One Piece At A ...

Finn Andrews, frontman dei The Veils, torna con uno sfavillante album da solista: “One Piece At A Time”, firmato Nettwerk Records. ...