ROMA

 
 
di
24 Dicembre 2018
 

Un film bellissimo.
Il bianco e nero più luminoso e profondo che ricordi carrella il Messico in subbuglio degli anni 70 e uno spaccato di vita famigliare, in un momento destinato a segnare la crescita dei più piccoli di casa – la separazione dei genitori -.

La figura centrale della narrazione è però una delle tate di casa, destinata con la sua dolcezza e semplicità a diventare un personaggio indimenticabile del cinema contemporaneo. Si arriva alla fine del film così connessi a Cleo che vederla inoltrarsi tra le onde di quella spiaggia messicana ci fa preoccupare, stringere i denti, fare il tifo.

Inutile dire che gran parte del merito è di Cuaròn, della delicatezza con cui ci fa sfiorare ed empatizzare con i personaggi, connettendoci ad essi a poco a poco, con gran garbo.
Penetrante emotivamente – e come potrebbe non esserlo un film basato sui ricordi da bambino di un poeta della cinepresa come il regista messicano -, quando imponente tecnicamente, “Roma” è uno spettacolo per gli occhi e per il cuore.

Paese di produzione: Messico
Anno: 2018
Durata: 135 min
Dati tecnici: B/N
Genere: drammatico, sentimentale
Regia: Alfonso Cuarón
Soggetto: Alfonso Cuarón
Sceneggiatura: Alfonso Cuarón
Produttore: Nicolás Celis, Alfonso Cuarón, Gabriela Rodriguez
Produttore esecutivo: Jonathan King, David Linde, Jeff Skoll
Casa di produzione: Esperanto Filmoj, Participant Media
Distribuzione (Italia): Netflix, Cineteca di Bologna
Fotografia: Alfonso Cuarón, Galo Olivares
Musiche: Steven Price

Interpreti e personaggi

Yalitza Aparicio: Cleo
Marina de Tavira: Sofia
Daniela Demesa: Sofi
Latin Lover: professor Zovek
Nancy García García: Adela
Jorge Antonio Guerrero: Fermín
 

Hammamet

di KOC “Hammamet” è Il film di Gianni Amelio sugli ultimi mesi di vita di Bettino Craxi, l’ex premier italiano, morto da ...

Pinocchio

Matteo Garrone, anche in questa sua versione di “Pinocchio”, predilige i colori e le sfumature più cupe; i suoi personaggi hanno tratti ...

4 Blocks – Terza stagione

Giunge al suo epilogo questa interessante serie tedesca sulle mafie mediorientali che operano a Berlino (in particolare quella libanese). ...

The Two Popes

Non è certo strambo e pungente come la serie di Sorrentino, o deliziosamente onirico ed incerto come il film di Moretti, questa pellicola ...

Il mostro di St. Pauli (Der ...

E’ un Akin diverso dal solito quello che ha diretto Der Godene Handshuh, che rinunciando al suo stile di scrittura frizzante, ai ...