SOAP&SKIN
From Gas To Solid/You Are My Friend

[ Play It Again Sam - 2018 ]
7.5
 
Genere: elettronica, cantautorale, sperimentale
Tags:
 
31 dicembre 2018
 

Anja Plaschg parla di sè, della sua vita, delle sue esperienze. Le vive, le fa sue e poi le rielabora. C’è chi sente il bisogno di buttare giù, di getto, in musica quanto i sensi rimandano, c’è chi invece ha bisogno di sedimentare il tutto, perché parlare di sé stessi è tutt’altro che facile. Ecco Anja fa parte di questa categoria e, con questo discorso, possiamo capire alla perfezione la distanza (in termini di anni) che è passata tra il nuovo disco e quell’esordio devastante che fu “Lovetune for Vacuum” (2009!).

In questi anni, valutando musicalmente la nuova opera, possiamo dire che spunti di serenità e di ottimismo sono arrivati a lambire anche il mondo dell’artista austriaca. La cosa non può che emozionarci e farci piacere, certo, ma sopratutto ci porta a notare come la tavolozza dei colori della fanciulla si sia allargata. Anche gli stati d’animo da dipingere sono ora più numerosi e hanno anche toni che accantonano e superano il nero e il grigio che predominavano in passato. E’ cresciuta Anje, l’esperienze, come dicevamo prima, l’hanno fortificata e probabilmente ora quello che le accade viene realmente assorbito con uno stato d’animo nuovo, più disteso, verrebbe da dire. Lo spirito cantautorale, quella voce al piano, gli arrangiamenti che sanno anche essere elaborati, trovano ancora terreno fertile e vivo per allacciarsi a pulsioni elettroniche, ma quello che più emoziona è uno spirito sacro e mistico che pervade i brani, spirito che non inficia affatto uno sguardo rivolto alla realtà circostante e alla natura, e non solo, come nel primo album, a uno specchio frammentato che rimanda la propria immagine trafitta dal nichilismo.

A tratti verrebbe quasi da dire che la nostra Anja è capace di essere anche di essere “leggera”, dimostrando una serenità che difficilmente avremmo accostato alla sua figura, ma non fatevi ingannare, è come se il sorriso fosse sempre velato da qualcosa di indecifrabile, che percepiamo e che si muove sotto traccia e questo cattura ancora di più la nostra attenzione: perché per Anja dove c’è un chiaro, beh, c’è sempre anche una controparte scura, più o meno visibile, più o meno intuibile.

Altro grande disco. Talento purissimo, che si conferma tale.

Tracklist
1. This Day
2. Athom
3. Italy
4. (This Is) Water
5. Surrounded
6. Creep
7. Heal
8. Foot Chamber
9. Safe With Me
10. Falling
11. Palindrome
12. What a Wonderful World
 
 

Sophie Ellis-Bextor – The ...

Premessa. Adoro la divina Sophie Ellis Bextor. Adoro le partiture orchestarli. Adoro Ed Harcourt. Fine premessa. Quando però è troppo, ...

Hozier – Wasteland, Baby!

Il secondo disco dell’irlandese Hozier, intitolato “Wasteland, Baby!”, arriva a distanza di ben 5 anni ...

Giorgio Poi – Smog

Facile parlare ora di Giorgio Poi, dopo cose come la collaborazione con Calcutta (finita in coda a quest’album) o il tour ...

Telekinesis – Effluxion

L’originalità non è tra le prerogative del one man band statunitense Michael Benjamin Lerner. La sua passione per la grande musica del ...

American Football – American ...

Quando nel 2016 Kinsella e sodali decisero di dar seguito al primo loro capitolo, divenuto nel mentre una sorta di oggetto di culto, ...