TOP TEN ALBUM 2018 DI SILVIA NIRO

 
2 gennaio 2019
 

#10) PAUL MCCARTNEY
Egypt Station
[Capitol]
LEGGI LA RECENSIONE

Se i Beatles fossero ancora tutti assieme suonerebbero all’incirca così. Paul gioca in casa e sguazza nello stile che l’ha reso una star insieme ai suoi compagni. Nessuna particolare innovazione da parte sua, quindi, ma si difende piuttosto bene dal tempo e dal pericolo dell’anonimato post celebrità.

#9) PREOCCUPATIONS
New Material
[Flemish Eye]
LEGGI LA RECENSIONE

La dark wave dei Preoccupations è architettura pura, è l’essenziale che riempie lo spazio e non ha bisogno di orpelli per affascinare e coinvolgere. Non male per un anno grigio e fuori dagli schemi come questo.

#8) WOODEN SHJPS
V.
[Thrill Jockey]
LEGGI LA RECENSIONE

Ipnotici, profondi e psichedelici, riescono a impastare elettronica e terra. Il gruppo di San Francisco sembra appartenere a un’altra era. Durante l’apocalisse andrei sicuramente da loro, l’anno prossimo non facciamoci scappare le due date in Italia.

#7) ANNA CALVI
Hunter
[Domino]
LEGGI LA RECENSIONE

Una bomba a orologeria rinchiusa in un cuscino di velluto. Seduce e strega che è una meraviglia, colpo di fulmine since 2011.

#6) BEN HOWARD
Noonday Dream
[Island ]
LEGGI LA RECENSIONE

Ben Howard è un pianeta in divenire e quest’ultimo lavoro ne è la dimostrazione: tra sperimentazioni e punti fermi che non è il caso di modificare, l’album scivola via e fa venire voglia di approfondire ancora una volta il lato delicato di ogni cosa. Un po’ scricchiolante rispetto al passato, forse, ma a lui perdoniamo tutto

#5) COURTNEY BARNETT
Tell Me How You Really Feel
[Milk! Records/MOM+POP/Marathon]
LEGGI LA RECENSIONE

La ragazza australiana dai capelli strani e le camicie a quadrettoni continua a non sbagliarne una. Il suo blues color pastello è diventato un marchio di fabbrica, unico e inimitabile, impossibile da superare.

#4) CAT POWER
Wanderer
[Domino]

LEGGI LA RECENSIONE

L’album tregua dell’anno, per prendersi del tempo solo per sé e tirare le somme, proprio come ha fatto Cat Power, che ci insegna che mettere da parte le chiacchiere e il superfluo per andare dritti al nocciolo a volte è necessario, oltre che terapeutico.

#3) FLORENCE + THE MACHINE
High As Hope
[Virgin EMI]
LEGGI LA RECENSIONE

Un quadro di Waterhouse catapultato negli anni Duemila, Florence Welch non delude le aspettative e si mostra sempre più consapevole e matura, col suo inconfondibile modo di narrare rapporti e psiche, senza esagerare mai.

#2) KURT VILE
Bottle It In
[Matador]
LEGGI LA RECENSIONE

Kurt ormai è una certezza e riesce a intrattenere anche quando non ha troppo da raccontare. “Bassackwards” è in loop nel cervello con e senza Spotify dalla data di uscita del disco.

#1) EX:RE
Ex:Re
[4AD]
LEGGI LA RECENSIONE

Questo disco è un desiderio che si è avverato. Il disco riesce infatti a mostrare una Elena Tonra che ha un sacco da dire e sta benissimo in piedi anche senza il resto dei Daughter (che non sono in crisi mistica e stanno preparando il terzo album, quindi niente panico). Passato e persone-fantasma, chi non li ha mai affrontati? Lasciatevi cullare dal taglio a scodella più dolce del secolo.

 

Guarda il video di ...

Come vi abbiamo annunciato qualche settimana fa, Strand Of Oaks pubblicherà il suo sesto album, “Eraserland”, il prossimo 22 ...

Nuovo EP delle Mint Field a marzo. ...

A distanza di poco più di un anno dal loro primo album. “Pasar De Las Luces” (leggi la recensione), le Mint Field stanno per ...

“Prendo piu spunto dalla ...

di Marco Ciardelli E’ arrivato il momento per Amber Bain (in arte Japanese House) di pubblicare il suo album d’esordio. Il disco ...

“Little Smart Houses” ...

L’uscita del secondo LP dei Sundara Karma, “Urfilas’ Alphabet” si fa sempre più vicina: il seguito del convincente ...

I Wolfmother tornano in Italia a ...

I Wolfmother torneranno in Italia per due date nel mese di luglio. La band hard-rock australiana capitanata da Andrew Stockdale ha ...