ANNA ST. LOUIS
If Only There Was A River

[ Woodsist Records - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie-folk,acoustic-folk
 
3 gennaio 2019
 

Dopo aver pubblicato nel novembre dello scorso anno una cassetta, “First Songs”, Anna St. Louis è arrivata al momento del suo primo album a ottobre: prodotto da King Tuff e Kevin Morby, il debutto sulla lunga distanza della giovane musicista nativa di Kansas City, ma ora residente a Los Angeles, è stato realizzato dalla Woodsist Records, l’etichetta di proprietà dei Woods, e vede la partecipazione del batterista Justin Sullivan (Night Shop, The Babies) e del multistrumentalista Oliver Hill (Pavo Pavo).

Con “If Only There Was A River” Anna cerca sia di affinare il suo folk che di allargare i suoi orizzonti musicali: il viaggio si apre con “Water”, dove degli ottimi arpeggi supportano la sua bella e profonda voce e riescono a creare delle gradevoli immagini che sembrano provenire dal mondo della natura.

Se la semplicità del singolo “Understand” ci regala piacevoli sensazioni di tranquillità e freschezza, con l’umore della musicista di stanza a Los Angeles che sembra essere positivo, “Freedom”, invece, ci porta su territori molto diversi: qui la voce di Anna St. Louis è inizialmente supportata solo da un synth (e nei successivi tre minuti la strumentazione rimarrà comunque minimale) e le tinte sembrano varare verso colorazioni piuttosto scure e tristi con sensazioni cupe e malinconiche.

Le emozioni che ci sa regalare “Desert” sono decisamente forti, con l’uso della chitarra acustica che viene in seguito cambiata con quella elettrica, quasi a voler segnalare l’intensità dei sentimenti che si stanno provando.

Incredibile anche la dolcezza di “If Only There Was A River”, la title-track, posta alla conclusione del disco, dove il piano di Hill riesce a dare un ulteriore tocco di profondità alla calda e avvolgente voce di Anna.

Un lavoro sincero, delicato e prezioso, questo debutto sulla lunga distanza della musicista originaria di Kansas City è un album intimo e affascinante che – ne siamo sicuri – ci potrà scaldare il cuore in queste freddi notti invernali.

Tracklist
1. Water
2. Understand
3. The Bells
4. Paradise
5. Daisy
6. Desert
7. Hello
8. Freedom
9. Mean Love
10. Wind
11. If Only There Was A River
 
 

Pelican – Nighttime Stories

Sei anni dopo “Forever Becoming” e a quattro dall’ EP “Cliff” tornano i Pelican, alfieri di quella branca strumentale del post ...

Kate Tempest – The Book Of ...

“I came to under a red moon / Thirsty for water / My eyes were like shovels in the soil of the sky”. Comincia così “The Book Of Traps ...

Amyl and the Sniffers – ...

Primo album per Amyl and the Sniffers, band australiana che in soli tre anni e un paio di E.P., è riuscita a crearsi un nutrito seguito di ...

Hatchie – Keepsake

La principessa Hatchie, che qui su IFB gode di venerazione e statue personalizzate in redazione per celebrare il doveroso tributo, non ...

Combichrist – One Fire

Sulla copertina di “One Fire”, il nono album dei Combichrist, c’è il disegno di un mostro spaventoso. È una specie di Godzilla con ...