I 10 DISCHI DA ISOLA DESERTA DI PEREIRA

 
Tags: ,
di
4 gennaio 2019
 

Quali sono i 10 dischi che porteresti con te su un’isola deserta?
Rivolgiamo la domanda, da sempre grande classico di tutti i ‘musicofili’, ai personaggi, artisti ma anche preziosi addetti ai lavori, che più apprezziamo in ambito musicale (e non solo).

A Pereira è bastato un singolo (“Ciabatte Galleggianti” 2017, A Modest Proposal Records/peer music), 4 minuti di sonorità tropicali, melodie sognanti e rinfrescati atmosfere jazz, per teletrasportarci su uno sperduto isolotto immerso in meravigliose acque caraibiche.

IndieForBunnies ricambia il favore spedendo questo astro nascente tropical/itpop sull’ormai arcinota ‘isola deserta’ provvisto solo di una cassa di 10 dischi da lui accuratamente selezionati per questa insolita occasione.

Mndsgn – Yawn Zen

E’ il risveglio migliore che tu possa avere, soprattutto se sei alla deriva su un’isola deserta.

Real Estate – Atlas

Puoi tranquillamente sdraiarti sulla spiaggia e guardare l’orizzonte quando il sole sta calando mentre ti ascolti gli intrecci di chitarre vellutate.

Loving – Loving

Il disco pensieroso e lo-fi in cui non si può far altro che perdersi.
Sembra a tratti un disco folk, condito di arpeggi e voci solo dolcemente appoggiate sulla melodia.

La Scapigliatura – La Scapigliatura

“Tu nuda e fatata, sembravi un dipinto. E io che ti ho amata in un solo secondo”.
Probabilmente anche a me è bastato solo un secondo per innamorarmi di questo disco.

Bob & the Apple – Wanderlust

E’ un po’ come ascoltare un mix tra i Beatles e i Tame Impala, solo che sono uniti in un unico disco.

Her’s – Songs For Her’s

Anche qui c’è un altro disco da tramonto, da ricordi, dove una voce in stile King Krule si mischia con chitarre piene di chorus e bassi trainanti.

Devendra Banhart – Mala

Se sei su una spiaggia da solo, nostalgico e con una chitarra, puoi suonarti quest’album tutto d’un fiato, a patto che tu conosca qualche frase di spagnolo, maricón

Mac De Marco – Salad Days

Forse l’unico album veramente imprescindibile.

Bee Gees – Tales from the Brothers Gibb

Se si vuole continuare una festa, esiste davvero un disco migliore di questo?
Rivitalizza l’atmosfera con la colonna sonora di “Saturday Night Fever”.

Hush Moss – It takes a lot

Semplicemente perché è uno dei dischi più belli degli ultimi anni.
Semplicemente la band più matta e divertente che esista.
Figata.

Guarda il video di “Ciabatte Galleggianti”, il disco di debutto di Pereira è atteso nel 2019 per A Modest Proposal Records e Peer Music con la supervisione di Costello’s (management e ufficio stampa):

 

Doppietta italiana per The Dandy ...

Annunciamo con piacere il ritorno in Italia dei The Dandy Warhols, in tour con il loro nuovo album in studio, “Why You So Crazy”, ...

SOAK – Grim Town

Sono passati quasi quattro anni da “Before You Forgot How To Dream”, l’ottimo debutto di Soak, ma alla fine di aprile, via Rough Trade ...

Dinosaur Pile-Up – Celebrity ...

Nel mondo del rock dei giorni d’oggi, se non cerchi nuove traiettorie, sentieri sonori inesplorati, porti con te l’esperienza di ...

Silversun Pickups – ...

Cinque anni di assenza discografica avranno scalfito la verve dei Silversun Pickups? Archiviato il periodo “Neck Of The Woods” – ...

ALBUM: Clever Square – S/T

Nascono nel 2005 a Ravenna i Clever Square ed affondano le radici nel rock più lo-fi e melodico a tinte 90’s: essi stessi citano ...