I 10 DISCHI DA ISOLA DESERTA DI PEREIRA

 
Tags: ,
di
4 gennaio 2019
 

Quali sono i 10 dischi che porteresti con te su un’isola deserta?
Rivolgiamo la domanda, da sempre grande classico di tutti i ‘musicofili’, ai personaggi, artisti ma anche preziosi addetti ai lavori, che più apprezziamo in ambito musicale (e non solo).

A Pereira è bastato un singolo (“Ciabatte Galleggianti” 2017, A Modest Proposal Records/peer music), 4 minuti di sonorità tropicali, melodie sognanti e rinfrescati atmosfere jazz, per teletrasportarci su uno sperduto isolotto immerso in meravigliose acque caraibiche.

IndieForBunnies ricambia il favore spedendo questo astro nascente tropical/itpop sull’ormai arcinota ‘isola deserta’ provvisto solo di una cassa di 10 dischi da lui accuratamente selezionati per questa insolita occasione.

Mndsgn – Yawn Zen

E’ il risveglio migliore che tu possa avere, soprattutto se sei alla deriva su un’isola deserta.

Real Estate – Atlas

Puoi tranquillamente sdraiarti sulla spiaggia e guardare l’orizzonte quando il sole sta calando mentre ti ascolti gli intrecci di chitarre vellutate.

Loving – Loving

Il disco pensieroso e lo-fi in cui non si può far altro che perdersi.
Sembra a tratti un disco folk, condito di arpeggi e voci solo dolcemente appoggiate sulla melodia.

La Scapigliatura – La Scapigliatura

“Tu nuda e fatata, sembravi un dipinto. E io che ti ho amata in un solo secondo”.
Probabilmente anche a me è bastato solo un secondo per innamorarmi di questo disco.

Bob & the Apple – Wanderlust

E’ un po’ come ascoltare un mix tra i Beatles e i Tame Impala, solo che sono uniti in un unico disco.

Her’s – Songs For Her’s

Anche qui c’è un altro disco da tramonto, da ricordi, dove una voce in stile King Krule si mischia con chitarre piene di chorus e bassi trainanti.

Devendra Banhart – Mala

Se sei su una spiaggia da solo, nostalgico e con una chitarra, puoi suonarti quest’album tutto d’un fiato, a patto che tu conosca qualche frase di spagnolo, maricón

Mac De Marco – Salad Days

Forse l’unico album veramente imprescindibile.

Bee Gees – Tales from the Brothers Gibb

Se si vuole continuare una festa, esiste davvero un disco migliore di questo?
Rivitalizza l’atmosfera con la colonna sonora di “Saturday Night Fever”.

Hush Moss – It takes a lot

Semplicemente perché è uno dei dischi più belli degli ultimi anni.
Semplicemente la band più matta e divertente che esista.
Figata.

Guarda il video di “Ciabatte Galleggianti”, il disco di debutto di Pereira è atteso nel 2019 per A Modest Proposal Records e Peer Music con la supervisione di Costello’s (management e ufficio stampa):

 

Guarda il video di “Ti ...

Dopo “Internet” e “Sarchiapone”, gli Abiku hanno pubblicato in questi giorni un altro estratto dal loro terzo LP, ...

Hooverphonic – Live @ ...

di Fabio Campetti Per chi non lo sapesse gli Hooverphonic sono belgi e sono in giro dall’ormai lontano 1996, 23 anni di musica di ...

ALBUM: Marsala – Marsala

Una sorpresa che sinceramente non mi sarei aspettato, oltremodo dal mio Paese; di chi sto parlando? Di Marsala naturalmente (non farò ...

TRACK: Vacations – On Your ...

Già in tournée in lungo ed in largo per i continenti, spalla anche dei Vaccines e pronti a presenziare al prossimo SXSV; dopo ...

ALBUM: Shiny Times – ...

Chi si nasconde dietro al nome di Shiny Times? Proprio la deliziosa Kim Weldin che conosciamo bene per essere parte degli adorabili Tape ...