TRE PASSI NEL DELIRIO

 
 
di
4 gennaio 2019
 

di Denis (Biancosarti e Satana)

Tra i film ad episodi più interessanti degli anni ’60 è sicuramente da segnalare “Tre passi nel delirio”, produzione italo/francese che, oltre a vantare un cast di fama internazionale (Jane e Peter Fonda, Alain Delon, Brigitte Bardot e Milena Vukotic), si ispira ai racconti di Edgar Allan Poe secondo la visione personale di registi del calibro di Roger Vadim, Louis Malle e Federico Fellini.

L’ ossatura dell’opera è composta da un tris di episodi ambientati in epoche differenti, nello specifico “Metzengerstein”, “William Wilson” e “Toby Dammit”.
Nel primo segmento, una feroce nobildonna, allo scopo di vendicarsi di un torto precedentemente subito, dà fuoco alla scuderia dei cavalli dell’odiato cugino feudatario.
L’ incendio finirà con l’uccidere inavvertitamente il nobile, anche se il suo spirito si reincarnerà in un affascinante e misterioso destriero nero.
Nel successivo episodio, un terribile ufficiale austriaco, di nome William Wilson, confessa ad un prete l’uccisione di un uomo con il suo stesso nome e il suo stesso aspetto, mentre nell’ultima storia, un attore anglofono si reca a Roma per girare un western in cambio di una lussuosa Ferrari; purtroppo per lui, durante la sua permanenza nella capitale, qualcosa di non ben identificato lo porterà alla follia.

Orrore e fatalità hanno imperato in ogni tempo. Perché dunque segnare una data alle storie che devo raccontarvi?”: con questa frase di Edgar Allan Poe si apre “Tre passi nel delirio”, un vero e proprio trittico formato da racconti che paiono costantemente trovarsi fuori dalla logica spazio/temporale.
In tutte le storie raccontate, i registi cercano attraverso il proprio tocco autoriale di fondere un preciso comun denominatore (l’inconscio e relative attitudini caratteriali dei personaggi principali) in una costante ricerca del mistero e del fantastico, peculiarità che sorreggono per quasi due ore l’intero quadro narrativo e filmico.
I differenti modus operandi dei cineasti- stilisticamente molto diversi- arricchiscono di certo il lavoro, infondendo una strana e quasi magica dissonanza, senz’altro molto indicata, che si alimenta proprio di queste divergenze stilistiche.
In “Metzengerstein”, l’affresco filmico è quasi di natura “rinascimentale/decadente”, in virtù degli incredibili paesaggi, ricchi di strutture diroccate, nei quali si muovono i personaggi.
Utilizzando il talento dei Fonda, il bravo Roger Vadim costruisce un episodio di spettrale malinconia nella quale agiscono sia i meravigliosi campi lunghi da lui utilizzati, sia un contributo sonoro dove dolcezza e lugubri visioni ricreano un’aurea felicemente disarmonica.
Di altra attitudine è il successivo mediometraggio di Louis Malle, più incentrato sulla psicologia e sul classicissimo “tema del doppio”.
A differenza del precedente, la sceneggiatura e il quadro complessivo si fanno qui maggiormente articolati, in virtù anche del montaggio (spesso alternato e intriso di numerosi flashback), dell’uso frequente della camera a mano e, ultimo ma non ultimo, uno sviluppo quasi circolare.
Alain Delon riesce incredibilmente a calarsi bene nella parte dell’ufficiale Wilson – un individuo corroso dall’ego e dalla sua stessa coscienza, la quale tenterà in tutti i modi di fermarlo -, così come notevole è anche la Bardot, relegata ad un breve ma intenso ruolo.
La conclusione è affidata a Fellini ed il suo “Tobby Dammit”, oggettivamente la parte più straniante di tutta la pellicola.
Differentemente da quanto visto, il maestro romagnolo cambia quasi radicalmente il tono del lavoro, esasperandolo con quelle che sono le sue caratteristiche autoriali; grazie anche allo score musicale jazz di Nino Rota, l’atmosfera diventa infatti tipicamente felliniana, con conseguente utilizzo di colori e cromatismi spesso irreali che, nel loro insieme, trasportano il fruitore in un microcosmo grottesco, quasi circense, dove le individualità coinvolte, con aria trasognata e sopra le righe, tratteggiano quella che è la tipica descrizione borghese tanto amata dal regista.
Tra situazioni oniriche e di sfuggente fantasia, il maestro trova anche modo di omaggiare Mario Bava, riprendendo la famosa sequenza della bambina contenuta in “Operazione paura”.
In sintesi, “Tre passi nel delirio” è un’operazione di indubbio fascino e qualità realizzativa, forse non sempre amalgamata coerentemente tra le sue componenti ma, nonostante questo, di grandissima valenza artistica.

Paese di produzione: Francia, Italia
Anno: 1968
Durata 116 min
Genere: orrore, thriller
Regia: Roger Vadim, Louis Malle, Federico Fellini
Soggetto: Edgar Allan Poe (racconti)
Sceneggiatura: Bernardino Zapponi, Federico Fellini, , Louis Malle, Roger Vadim, Pascal Cousin
Produttore: Alberto Grimaldi per Produzioni Europee Associate (Roma), Raymond Eger per Les Films Marceau e Cocinor (Parigi)
Fotografia: Claude Renoir (ep. Metzengerstein), Giuseppe Rotunno (ep. Toby Dammit)
Montaggio: Hélène Plemiannikov (ep. Metzengerstein), Ruggero Mastroianni (ep. Toby Dammit)
Musiche: Jean Prodromidès (ep. Metzengerstein), Diego Masson (ep. "William Wilson"), Nino Rota (ep. Toby Dammit)
Scenografia: Jean André (ep. Metzengerstein), Pietro Tosi (ep. Toby Dammit)

Interpreti e personaggi
Metzengerstein

Jane Fonda: Contessa Frederica de Metzengerstein
Peter Fonda: Barone Wilhelm Berlifitzing
Georges Douking: il tappezziere
Philippe Lemaire: Philippe
Carla Marlier: Claude
Serge Marquand: Hugues
James Robertson Justice: consigliere della Contessa
Françoise Prévost: amica della contessa
Audoin de Bardot: Page
Anny Duperey: una cortigiana
Marie-Ange Aniès: una cortigiana

William Wilson

Alain Delon: William Wilson e il suo "doppio"
Brigitte Bardot: Giuseppina
Renzo Palmer: prete
Daniele Vargas: professore all'Università
John Karlsen: insegnante che consegna le lettere
Umberto D'Orsi: Hans
Marco Stefanelli: William da bambino
Katia Christine: ragazza sul tavolo operatorio

Toby Dammit

Terence Stamp: Toby Dammit
Salvo Randone: Padre Spagna
Antonia Pietrosi: l'attrice
Ferdinand Guillaume: un vecchio attore
Brigitte: ragazza che parla col vecchio attore
 

Black Mirror: Bandersnatch

La storia la conoscete già tutti. Un giovane programmatore con un ovvio background di problemi psichici ha la possibilità di sviluppare un ...

Wildlife

di Elvezio Sciallis (La Tela Nera) Ieri sera ho visto un film stupendo. Paul Dano, che probabilmente riconoscerete in quanto ha recitato in ...

Bird Box

di Horror Italia 24 “Bird Box”, ennesimo film made in Netflix, si basa sul romanzo omonimo di Josh Malerman. La trama è ...

Suspiria

di Enrico Serbandini Splendido. Un errore madornale mettere in parallelo o in competizione i due film dallo stesso titolo. Perché non lo ...

La Casa Delle Bambole

di Micky (della pagina Horror House) Si tratta del grande ritorno di Pascal Lauguier alla regia, che con “Saint Ange”, “I ...