OGGI “MERRIWEATHER POST PAVILION” DEGLI ANIMAL COLLECTIVE COMPIE 10 ANNI

 
di
6 gennaio 2019
 

Nei primi mesi del 2007 Deakin/Josh Dibb, chitarra e membro fondatore, abbandonava per motivi personali gli Animal Collective, lasciando i 3 ‘superstiti’ di fronte ad un bivio: rimpiazzare il chitarrista o rimpiazzare le chitarre.

Le consultazioni interne durarono poco, Panda Bear che proprio in quei mesi pubblicava l’illuminante “Person Pitch”, da tempo stava spingendo gli Animal Collective verso un’evoluzione sonora che prevedeva la sostituzione di strumenti tradizionali in favore di sequencer e beat così che 9 delle 11 canzoni che finiranno poi nella versione definitiva del disco già da maggio di quell’anno erano pronte per essere eseguite dal vivo.

“Merriweather Post Pavilion” nasce in tempi di rinnovato fermento compositivo, si allontana dal folk ‘mutante’ dei precedenti lavori e accompagna gli Animal Collective in territori lisergici e sintetici.

Trascinato dai singoli “My Girls” (canzone dell’anno per Pitchfork e Slant Magazine), “Summertime Clothes” e “Brother Sport”, finirà in cima in molte classifiche di fine anno come miglior album del 2009 vendendo un totale di 200.000 copie.

Dieci anni fa il nostro Giuseppe “Joses” Ferraro raccontava così “Merriweather Post Pavilion”:

C’è poco da girarci intorno: gli Animal Collective o li ami o li odi. Le mezze misure non sono ammesse: o la va o la spacca; dentro o fuori; geni od impostori. Per capirci qualcosa, bisognerà, come al solito, dar retta ad Orazio e cercare nel mezzo la verità.
La band di Baltimora ha, nell’ultima decade, rivoluzionato il concetto di musica ‘pop’, mettendo nel frullatore cinquant’anni di melodie per poi buttare il tutto in un acceleratore di particelle. Dissacrazione e sperimentalismo sono i dogmi sui quali si regge un progetto che dura oramai dall’inizio del nuovo millennio, nove album e centinaia di concerti sparsi su e giù per il globo terracqueo.

Tanto per non smentirsi, quindi, i quattro del Maryland danno alle stampe un ulteriore concentrato di psichedelia mescolata sapientemente col candore vocale dei Beach Boys, sintetizzatori anni ’80, luci stroboscopiche ed una manciata di caramelle gommose alla fragola scadute.
C’è più confusione in un disco degli Animal Collective che in un incrocio stradale all’ora di punta; ma è un pastiche sonico formidabile, sul quale si dipanano le voci incrociate di Panda Bear (aka Noah Lennox) e di Avey Tare (aka David Portner), i quali giocano, così, a rincorrere Brian Wilson e le paradisiache trame vocali degli altri Boys. Da questa mescolanza di sensazioni nasce una dicotomia affascinante, dove l’elemento umano gareggia con l’inerzia fredda delle cose, rivendicando emozione e fragilità dinanzi all’intrico universale. Persi tra le loro allucinazioni nei deserti americani, Noah Lennox e soci miracolosamente mettono a fuoco 11 canzoni, che sfrecciano come schegge impazzite tra basi ossessive, fruscii techno, tastiere in gran spolvero ed un sentimento adolescenziale mai sopito, che sa descrivere lo stupore con una levità d’altri tempi.

Mascherati sotto le mentite spoglie di un gruppo di inguaribili fricchettoni, gli Animal Collective, consapevolmente o meno, conservano un’anima fragile che profuma di torta di mele, di pomeriggi passati su verande di legno ad osservare il cangevole crepuscolo, in attesa di colorare le notti sintetiche della città, scorta in lontananza. Magari è solo una sensazione da cui si viene sfiorati, mentre si cerca la via d’uscita in “Guys Eyes” o in “Also Frightened”, ma è un’illusione da tenere stretta per farsi coinvolgere ancor di più nella stramba discoteca messa su da Panda Bear, Avey Tare, Geologist e Deakin. Come in un ipotetico Lato B di un disco dei Fleet Foxes messo su un grammofono spuntato, dopo esser stato lasciato a decomporsi in una vasca di acidi e gelatina verde sotto al sole, si esce fischiettando dal tour de force, sazi e gonfi di dolci al limite del collasso glicemico, certi di poter sparare al cielo scontroso una filastrocca come “Lion In A Coma”, vessillo luccicante di “Merriweather Post Pavilion”. Se c’era da confermare a gran voce il ruolo totemico di tutta la scena ‘altra’ del panorama americano e non, gli Animal Collective il loro urlo lo sparano più forte che mai.

Geniali, divertenti, plasticosi, colorati, drogati, psichedelici, festaioli, iconoclasti, creativi, simpatici. Tutto vero, tutto giusto. Ma alla lunga, un po’, stancano. E questa, per ora, è la maggior pecca di una band quanto mai solida ed aperta alle mille sfaccettature dell’ignoto.

Animal Collective – Merriweather Post Pavilion
Data di pubblicazione: 6 gennaio 2009
Registrato a: Sweet Tea Recording Studio, Oxford, Mississippi
Tracce: 11
Lunghezza: 54:45
Etichetta: Domino
Produttori: Ben H. Allen

Tracklist
1. In The Flowers
2. My Girls
3. Also Frightened
4. Summertime Clothes
5. Daily Routine
6. Bluish
7. Guys Eyes
8. Taste
9. Lion In A Coma
10. No More Running
11 Brother Sport

 

The Weekender: ascolta gli album di ...

Da qualche anno ormai il venerdì è il giorno della settimana consacrato alle uscite discografica. Quale migliore modo allora per ...

Oggi “Like A Prayer” di Madonna ...

A rendere davvero indimenticabile il quarto album prodotto da Madonna sono i suoi innumerevoli contrasti. Nelle undici tracce di “Like A ...

Ernesto Razzano omaggia Ian ...

di Ernesto Razzano “La copertina di Aqualung” è forse il mio primo ricordo che ha a che fare con la musica. Da piccolo, cercavo ...

Oggi “The Ideal Crash” ...

Qualche mese fa i dEUS hanno deciso di festeggiare il ventesimo compleanno di “The Ideal Crash” con un lungo tour europeo che toccherà ...

Oggi “Seven Swans” di ...

Il 16 marzo 2004 Sufjan Stevens pubblicava il favoloso “Seven Swans”. Un album capace di narrare intricate storie sacre a suon di banjo. ...