DEERHUNTER
Why Hasn’t Everything Already Disappeared?

[ 4AD - 2019 ]
7.5
 
Genere: indie-rock,psych-pop
 
14 gennaio 2019
 

di Daniele Cardarelli

I Deerhunter tornano a dare forma e musica alle visioni di Bradford Cox, e lo fanno con il loro solito carico di raffinatezza, compostezza e un’impressionante varietà di sfumature da cogliere una dopo l’altra.

Sospeso tra sublimi cesellamenti art rock, tentazioni vintage-pop e infatuazioni per la Berlino del ’77 con Eno alla regia (con uno sguardo, perché no, anche alla Düsseldorf dei Kraftwerk), “Why Hasn’t Everything Already Disappeared?” è l’ennesima riprova di una band che non conosce l’accezione negativa del verbo osare.

La fervida mente di Cox parte da alcuni degli orrori del secolo scorso (le vittime innocenti della rivoluzione d’ottobre) e di quello attuale (l’assassinio della politica britannica Helen Joanne Cox per mano di un neo-nazi), incontra la nostalgia, e versa nero su bianco lo sfacelo dei tempi che viviamo dove alla fine il tutto viene governato da uno sterile algoritmo.

Depressione orwelliana a parte, tra strappi ipnotici (l’interludio solo synth-batteria “Greenpoint Gothic”) e un’ode all’ultima estate di James Dean prima di bruciarsi e consegnarsi al mito per sempre (“Plains”), nell’album si susseguono una serie di bozzetti altamente melodici impreziositi dalla chitarra straripante di Tim Presley aka White Fence e dal clavicembalo di Cate Le Bon (che si staglia abbacinante nell’opener “Death In Midsummer”).

Non siamo al cospetto di quel colpo al cuore inferto da “Halcyon Digest” quasi dieci anni fa, ma anche stavolta la mela non è caduta distante dall’albero

Tracklist
1. Death In Midsummer
2. No One’s Sleeping
3. Greenpoint Gothic
4. Element
5. What Happens To People
6. Détournement
7. Futurism
8. Tarnung
9. Plains
10. Nocturne
 
 

Sophie Ellis-Bextor – The ...

Premessa. Adoro la divina Sophie Ellis Bextor. Adoro le partiture orchestarli. Adoro Ed Harcourt. Fine premessa. Quando però è troppo, ...

Hozier – Wasteland, Baby!

Il secondo disco dell’irlandese Hozier, intitolato “Wasteland, Baby!”, arriva a distanza di ben 5 anni ...

Giorgio Poi – Smog

Facile parlare ora di Giorgio Poi, dopo cose come la collaborazione con Calcutta (finita in coda a quest’album) o il tour ...

Telekinesis – Effluxion

L’originalità non è tra le prerogative del one man band statunitense Michael Benjamin Lerner. La sua passione per la grande musica del ...

American Football – American ...

Quando nel 2016 Kinsella e sodali decisero di dar seguito al primo loro capitolo, divenuto nel mentre una sorta di oggetto di culto, ...