GIA MARGARET
There’s Always Glimmer

[ Orindal - 2018 ]
7.5
 
Genere: bedroom-pop,sleep-rock
 
14 gennaio 2019
 

Dopo un EP, “Dark / Joy”, realizzato nel 2014, a fine luglio è atterrato questo “There’s Always Glimmer”, il debutto sulla lunga distanza della deliziosa Gia Margaret, realizzato dalla Orindal Records, indie-label di Chicago, città di provenienza della giovane musicista statunitense.

Questo debutto, definito come “loner folk, bedroom-pop, shoegaze e elettronica ambient”, ha un suono etereo e sognante, ma le sue tematiche e le sue emozioni sono assolutamente reali, con la Margaret che cerca di catturare lo spirito delle relazioni con amici, parenti e chiunque altro: seppure il suo sound rimanga piuttosto semplice, l’impatto dei sentimenti e la magia della sua voce risultano essere molto importanti nell’economia del disco.

E’ difficile descrivere cosa si prova ascoltando “There’s Always Glimmer”: già dall’iniziale “Groceries”, infatti, le sensazioni diventano realmente forti. Un tappeto sonoro disegnato da tastiere e chitarra crea una grande leggerezza e un’atmosfera così dolce e tranquilla, che sembra volerci avvolgere con i suoi sentimenti comunque malinconici.

Il dolore si ritrova anche nella successiva “Birthday”, una vera delizia: qui ai synth e alla sei corde si va ad aggiungere anche un drumming mai pesante, mentre le emozioni ci colpiscono direttamente al cuore.

“Sugar” sa come toccare in profondità l’ascoltatore con la sua semplicità folk, basata soprattutto sulla chitarra acustica; “Smoke”, dall’atmosfera mesta, fa un largo utilizzo del piano ed è capace di descrivere le sue sensazioni emotive con sincerità, la conclusiva “West”, infine, sembra voler emergere dalla nebbia, mentre il songwriting della giovane musicista di Chicago rimane sempre sincero e onesto.

“There’s Always Glimmer” è un esordio convincente, semplice e soprattutto sa regalarci una notevole varietà di emozioni e ci ricordara che, anche nei periodi più negativi e bui, c’è sempre una speranza.

Tracklist
1. Groceries
2. Birthday
3. Figures
4. Smoke
5. Goodnight
6. In Normal Ways
7. Looking
8. For Flora
9. Sugar
10. Exist
11. Wayne
12. West
 
 

Sophie Ellis-Bextor – The ...

Premessa. Adoro la divina Sophie Ellis Bextor. Adoro le partiture orchestarli. Adoro Ed Harcourt. Fine premessa. Quando però è troppo, ...

Hozier – Wasteland, Baby!

Il secondo disco dell’irlandese Hozier, intitolato “Wasteland, Baby!”, arriva a distanza di ben 5 anni ...

Giorgio Poi – Smog

Facile parlare ora di Giorgio Poi, dopo cose come la collaborazione con Calcutta (finita in coda a quest’album) o il tour ...

Telekinesis – Effluxion

L’originalità non è tra le prerogative del one man band statunitense Michael Benjamin Lerner. La sua passione per la grande musica del ...

American Football – American ...

Quando nel 2016 Kinsella e sodali decisero di dar seguito al primo loro capitolo, divenuto nel mentre una sorta di oggetto di culto, ...