OGGI “BABYLON” DI DR. JOHN COMPIE 50 ANNI

 
17 gennaio 2019
 

Strano, molto strano che non esista un biopic su “Mac” John Rebennack, in arte Dr. John. Il buon dottore classe 1941 nato a New Orleans che in oltre mezzo secolo di carriera ha visto cose che noi umani non possiamo nemmeno immaginare. Ha fatto parte della Phil Spector Wall of Sound Orchestra, ha collaborato con Allen Toussaint, è stato coinvolto in sfrenate jam session con Frank Zappa, Van Morrison, i Rolling Stones, Eric Clapton e molto altro ancora anche se viene ricordato soprattutto per la partecipazione a “L’Ultimo Valzer” di Martin Scorsese.

Dr. John istrione e self made man che ha conosciuto il lato oscuro della Big Easy, è stato in carcere e si è trasferito a Los Angeles quando il sogno hippy stava per diventare un incubo. Il suo american dream ha assunto la disordinata forma di “Babylon”, registrato tra il 1968 e il 1969 in piena guerra del Vietnam poco dopo la morte di Robert Kennedy e Martin Luther King Jr. Un disco tumultuoso per tempi ancora più tumultuosi che miscela free jazz, soul e ritmi non convenzionali (dai 3/4 ai 10/4). Ispirato, come il precedente “Gris Gris”, dal voodoo e dal melting pot di culture che convivevano e ancora convivono a New Orleans, è una strana processione funebre. Ribelle e anticonformista.

Difficile trovare un brano più impertinente di “The Patriotic Flag-Waiver” con quel coro di bambini che canta stonando “My Country, ‘Tis of Thee”. “The Lonesome Guitar Strangler” è uno sgangheratissimo western che rovescia la spiritualità à la Ravi Shankar e anche quando “Mac” Rebennack gioca su un terreno più tradizionalmente R&B come in “Glowin’” o “Babylon” i toni sono decisamente poco rassicuranti. Dicono che il sogno hippy sia morto ad Altamont il 6 dicembre del 1969. Dr. John aveva anticipato tutto di qualche mese, con la sua personalissima Babilonia. Un disco non certo adatto a tutti ma da riscoprire.

Dr John – Babylon
Data di pubblicazione: 17 gennaio 1969
Registrato: Gold Star Studios, Los Angeles (CA) fine 1968
Tracce: 7
Lunghezza: 37:59
Etichetta: Atco
Produttori: Harold Battiste

Tracklist
1. Babylon
2. Glowin’
3. Black Widow Spider
4. Barefoot Lady
5. Twilight Zone
6. The Patriotic Flag-Waiver
7. The Lonesome Guitar Strangler

 

Oggi “Parklife” dei ...

Soppiantata in radio dalle star americane, l’Inghilterra degli anni ’90 auspicava una rinascita musicale nel nome dei gloriosi anni ...

Oggi “Rejoicing In The ...

Quindici anni di già che “Rejoicing In The Hands” di Devendra Banhart è giunto ad illuminare il mondo. Un album informale, ...

The Rise And Fall Of Our World: ...

Abbiamo i giorni contati, ci restano esattamente solo cinque anni prima che il mondo vada completamente in rovina: è così che si apre ...

Oggi “Primary Colours” degli ...

Non mi capita molto spesso di andare a riascoltare gli Horrors – non ho apprezzato particolarmente l’ultimo paio di uscite a loro nome, ...

Oggi “Illmatic” di Nas compie ...

Di “Illmatic”, album d’esordio del rapper newyorchese Nas, se n’è parlato e se ne continua a parlare moltissimo. Qualcuno, forse ...