THE TWILIGHT SAD
It Won/t Be Like This All The Time

[ Rock Action Records - 2019 ]
9
 
Genere: post-punk, shoegaze, elettronica, darkwave
 
21 Gennaio 2019
 

I The Twilight Sad tornano a quattro anni di distanza da “Nobody Wants To Be Here And Nobody Wants To Leave”, album esaltato dalla critica musicale di tutto il mondo .

Nel frattempo avevano avuto un notevole incremento della loro popolarità, grazie alle parole di Robert Smith che aveva apertamente dichiarato la sua ammirazione per la band ” The Twilight Sad è la migliore band che suona le migliori canzoni, costantemente brillante, emotiva, intensa, stimolante, divertente”, che li aveva voluti come band di supporto per il tour dei Cure e addirittura coverizzato un loro brano “There is a girl in the corner”.

Tanta attenzione unita al passaggio all’etichetta discografica dei Mogwai, conterranei scozzesi e anche loro ammiratori della band, aveva finito per alzare alle stelle le aspettative per il loro nuovo lavoro.
I The Twilight Sad riescono a fare quello che capita solo con le grandi band, confezionare un album bellissimo che, pur mantenendo le loro caratteristiche peculiari che già conoscevamo, ci offre un evoluzione del loro sound, più immediato e con una formidabile combinazione di chitarra, tastiere synth e melodia.
L’album è stato scritto al termine dei due tour con i Cure e, come ha detto James Graham in un’intervista, è il loro lavoro più energico.

Il brano di apertura “10 Good Reasons For Modern Drugs” si sviluppa in modo ipnotico ricordando a tratti gli Interpol, con un testo che nello stile di James appare ambiguamente drammatico.
Il livello di tutti i brani è uniformemente alto, mi limito a citare “The Arbor” , che omaggia i Cure, “VTr” un brano in cui il racconto di un amore strano è malato ci dona uno dei pezzi migliori di tutto l’album, “I/m Not Here [Missing Face]” un altro grande pezzo in cui tastiere synth e percussioni guidano una melodia accattivante, “Auge_Maschine” che racchiude lo stile della band con versi ripetuti come un mantra “I can’t believe you hit me.. you took my eyes”.

L’album chiude alla grande con “Videograms”, oscuro ma piacevole come un brano dei Joy Division.
“Videograms” ha avuto un interessante versione remixata da Andrew Weatherall, già all’opera con Happy Mondays, Primal Scream, My Bloody Valentine e molti altri, tra cui New Order, che questo remix ricorda particolarmente.

Non so se i The Twilight Sad raggiungeranno mai il grande pubblico e diventeranno famosissimi, ma sicuramente sono tra le migliori band in circolazione, una cult band destinata ad aumentare ancora di più, con questo nuovo formidabile lavoro, il loro numero di fan.

Tracklist
1. 10 Good Reasons For Modern Drugs
2. Shooting Dennis Hopper Shooting
3. The Arbor
4. VTr
5. Sunday Day13
6. I/m Not Here [Missing Face]
7. Auge_Maschine
8. Keep It All To Myself
9. Girl Chewing Gum
10. Let’s Get Lost
11. Videograms
 
 

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...

Pure Bathing Culture – ...

E’ sempre un piacere ritrovare i Pure Bathing Culture, sopratutto quando lo stato di forma pare buono. Non ci sono particolari novità ...

Japandroids – Massey Fucking ...

Brian King e David Prowse sono animali da palco, ognuno a modo proprio: il primo suda come fosse una sessione di CrossFit ad alta ...

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...