GLASS

 
Tags:
 
di
26 gennaio 2019
 

di Alessio Verde (Horror House)

Sono sempre stato molto legato a Shyamalan, fin da quando in tenera età mi ha catturato e stregato con “Unbreakable”, ergo aspettavo con trepidazione questo film da più o meno una quindicina di anni.

In “Unbreakable” ci trovavamo di fronte all’uomo comune che scopre di avere doti straordinarie e chiaramente non sa come e se farne uso, in “Split” invece alla mente disturbata di un ragazzo con un’infanzia terribile, in un film che ha il solo scopo di inserire all’interno di questo universo alternativo il personaggio di Kevin e la sua “orda” . In “Glass” ci troviamo di fronte alla decostruzione totale del supereroe e del supercattivo, viene azzerato ogni singolo fattore dato dagli ideali fumettistici in una storia totalmente antisupereroistica sotto tutti gli aspetti.

Tutto ruota intorno ad Elijah Price, per motivi che non vi dico, al suo ideale molto comprensibile e condivisibile ma realizzato con mezzi estremi, nella maniera più sbagliata possibile. Price è la rappresentazione dell’uomo disposto a fare ogni cosa pur di raggiungere il suo obbiettivo prestabilito, l’uomo che non si ferma davanti a nulla seppur limitato dalle sue scarne capacità fisiche. Quindi basta un’ideale, basta una convinzione ed una pianificazione per realizzarla, basta avere la forza di volontà necessaria e la mente supererà il corpo, l’intelligenza è una delle armi più potenti che l’uomo possiede.. Questo è il messaggio che il suo personaggio vuole dare a noi spettatori. Elijah è un uomo intelligente, talmente intelligenti da plasmare la mente altrui, ma non è un villain.. Come David Dunn non è un supereroe. Sono bensì persone comuni ma allo stesso tempo differenti dagli altri, persone comuni all’interno di un mondo che non gli appartiene e in quest’ultima affermazione racchiudo anche il personaggio di Kevin, forse più di tutti.

Il film non è un blockbuster, quindi Shyamalan rallenta i tempi, riduce al minimo i movimenti, rende il film introspettivo e psicologico quasi quanto “Unbreakable” e lo condisce con una regia straordinaria, campi lunghi e pianisequenza che rendono le immagini sullo schermo di una bellezza da togliere il fiato.

Quindi è questo, una rappresentazione di una vicenda che potrebbe essere fumettistica ma che viene totalmente distrutta rendendo il tutto realistico, introspettivo e per quanto assurdo molto credibile.. Per poi arrivare ad uno dei migliori finali da lui mai scritti.
Il film è emozionante, delicato e crudo. Non avrebbe potuto realizzare finale migliore, semplicemente magnifico.

Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 2019
Durata: 128 min
Genere: thriller, fantascienza, drammatico
Regia: M. Night Shyamalan
Sceneggiatura: M. Night Shyamalan
Produttore: M. Night Shyamalan, Jason Blum, Ashwin Rajan, Marc Bienstock
Produttore esecutivo: Steven Schneider, Kevin Scott Frakes, Gary Barber, Roger Birnbaum
Casa di produzione: Blinding Edge Pictures, Blumhouse Productions, Touchstone Pictures, Universal Pictures
Fotografia: Mike Gioulakis
Montaggio: Luke Ciarrocchi, Blu Murray
Musiche: West Dylan Thordson

Interpreti e personaggi

James McAvoy: Kevin Wendell Crumb
Bruce Willis: David Dunn
Samuel L. Jackson: Elijah Price
Anya Taylor-Joy: Casey Cooke
Sarah Paulson: dott.ssa Ellie Staple
Spencer Treat Clark: Joseph Dunn
Charlayne Woodard: sig.ra Price
Luke Kirby: Pierce
M. Night Shyamalan: Jai
 

The Mule (Il Corriere)

Avrà anche i suoi difetti, tutti accumulati sul piano più crime della narrazione (le vicende investigative affidate alla coppia ...

Creed 2

Ci sono dei film in cui sin dal primo minuto sai dove andranno a parare, di alcuni altri sai addirittura come ci andranno a parare. ...

Oggi il film “I Guerrieri ...

di Dario Ardias Thorre Quarant’anni fa, tondi tondi. Era il 1979 e io, dalla prima volta che l’ho visto, continuo a correre ...

Basquiat

di Dario Ardias Thorre Il 3 Gennaio è uscito il nuovo film di Julian Schnabel: “Van Gogh, Sulla soglia dell’eternità” e ...

Mid90s

di Elvezio Sciallis (La Tela Nera) Dopo Paul Dano con “Wildlife”, altro grande esordio alla regia (e scrittura) di un attore, ...