ANGELO DE AUGUSTINE
Tomb

[Asthmatic Kitty - 2019]
8
 
Genere: indie-folk,acoustic-folk
 
30 gennaio 2019
 

A distanza di meno di un anno e mezzo dal suo sophomore, “Swim Inside The Moon”, Angelo De Augustine è tornato con questo suo nuovo LP, pubblicato digitalmente la scorsa settimana dalla Asthmatic Kitty Records di Sufjan Stevens (la release fisica, invece, avverrà venerdì prossimo, 25 gennaio).

Scritto in meno di una settimana poco prima del Natale del 2017, il disco (il primo studio album per il musicista losangelino) è stato poi registrato due mesi dopo ai Reservoir Studios di New York City insieme a Thomas Bartlett (Sufjan Stevens, St. Vincent, Glen Hansard, Rhye) in appena cinque giorni.

Le forti emozioni caratterizzano questo terzo album del californiano: molto intenso e personale, racconta in maniera assolutamente delicata e raffinata le pesanti esperienze di Angelo, conseguenze della fine di una relazione sentimentale, con tanti ricordi che dipingono la tristezza e la malinconia delle dodici canzoni presenti su “Tomb”.

Il titolo dell’album non è certo confortante, ma anche grazie all’aiuto di Bartlett, De Augustine ha saputo progredire, uscire dalla sua cameretta, avere più fiducia nei suoi mezzi e creare atmosfere fiorenti, sebbene la sua musica rimanga sempre personale, delicata e, per certi versi, semplice

L’apertura con la title-track, “Tomb”, che a noi ricorda un po’ il primo Bon Iver, gioca tra la voce e la chitarra, regalando sensazioni di intimità difficili da trovare altrove.

Molto elegante “Tide” che ci porta quella sensazione del mare calmo di notte, che sembra voler dormire per non essere differente dall’uomo; la bellissima “Bird Has Flown” presenta interessanti archi che, insieme al falsetto di Angelo, sanno darci grandi emozioni, mentre “Somewhere Far Away”, attraverso il sapiente uso di leggeri synth, si muove su territori ambient molto riflessivi.

“Tomb” è un disco meditativo, gentile, sensibile, raffinato e capace di colpire il cuore di chi ascolta: nonostante i temi duri e toccanti presentati dalle sue canzoni, questo album è una nota veramente positiva per l’inizio di 2019.

Tracklist
1. Tomb
2. All To The Wind
3. You Needed Love, I Needed You
4. I Could Be Wrong
5. Tide
6. Kaitlin
7. Time
8. Somewhere Far Away
9. Wanderer
10. A Good Man's Light
11. Bird Has Flown
12. All Your Life
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...