JAMES BLAKE
Assume Form

[Polydor – 2019]
7
 
Genere: Pop, elettronica
Tags:
 
1 febbraio 2019
 

Il nuovo album di James Blake è stato uno dei più dibattuti di inizio 2019. L’attesa inutile nasconderlo era alta, soprattutto al di là della Manica ma anche tra i tanti che avevano apprezzato in passato un musicista dalla sensibilità particolare, che con l’esordio “James Blake” e il successivo “Overgrown” era stato capace di svecchiare il mondo del pop britannico sperimentando con suoni e collaborazioni non certo scontate. Che qualcosa fosse cambiato lo si era già capito con “The Colour In Anything”, che alzava il tiro anche grazie alla presenza di Justin Vernon, Frank Ocean e Rick Rubin.

La forma che James Blake ha scelto di assumere nell’album numero quattro è diversa. Dodici brani (contro i diciassette del precedente) e un sound che cambia di continuo, passando rapidamente da ballate piano e voce leggermente sporcate di elettronica a incursioni nell’ R&B con l’aiuto di un beat maker e produttore come Metro Boomin (che ha fatto la fortuna di Gucci Mane, Drake, Future) di Travis Scott e di Moses Sumney.

Il falsetto di James Blake è in buona forma e no, non si è convertito alla trap dura e pura. Il meglio lo dà sempre quando si impegna in piccoli gioiellini da carillon come “Into The Red” o quando riscopre sonorità dolcemente soul in “Can’t Believe The Way We Flow”. Divertente il duetto con André 3000 (“Where’s the Catch?”) e di classe quello con Rosalía, nuova leva del pop latino che oltreoceano è già considerata una futura star. Meno a fuoco “Are You In Love?”, “I’ll Come Too” e “Power On”.

James Blake è cambiato, non c’è dubbio ma forse è cambiato anche il pubblico a cui si rivolge. Non è più l’outsider degli esordi ma un artista ormai affermato, che nei testi si mette a nudo con sincerità. Non è da escludere che voglia provare a sfondare nel mercato americano con la sua musica, non solo come partner di lusso di Jay – Z, Beyoncé o Kendrick Lamar. Cosa che spiegherebbe molte delle scelte fatte in “Assume Form”, un disco che potrebbe trasformare James Blake nella più atipica delle pop star.

Tracklist
1. Assume Form
2. Mile High (feat. Metro Boomin, Travis Scott)
3. Tell Them (feat. Metro Boomin, Moses Sumney)
4. Into the Red
5. Barefoot in the Park (feat. Rosalía)
6. Can't Believe the Way We Flow
7. Are You in Love?
8. Where's the Catch? (feat. André 3000)
9. I'll Come Too
10. Power On
11. Don't Miss It
12. Lullaby for My Insomniac

 
 

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...

Sleater Kinney – The Center ...

“The Center Won’t Hold”. Titolo profetico per le Sleater – Kinney. Il sodalizio che sembrava di ferro tra Corin Tucker, Carrie ...

Marika Hackman – Any Human ...

Sono passati poco più di due anni dall’uscita del suo sophomore “I’m Not Your Man” e Marika Hackman è ritornata questo weekend con ...

Olden Yolk – Living Theatre

Il loro omonimo primo LP era arrivato solamente nel febbraio dello scorso anno, ma gli Olden Yolk gli hanno già dato un seguito, realizzato ...