THE CHEMICAL BROTHERS: LA TOP 10 BRANI

 
di
2 febbraio 2019
 

Tom Rowlands e Ed Simons sono in assoluto dei satrapi della musica elettronica da oltre vent’anni e divinità incontrastate del cosiddetto Big Beat: amatissimi in tutto il mondo, ripercorriamo la carriera dei The Chemical Brothers (alla luce dell’imminete album in arrivo) in 10 di quelli che sono i loro pezzi più iconici.

10 – SETTING SUN

1997, da “Dig Your Own Hole”

Dopo il fortunato esordio del bellissimo “Exit Planet Dust”, ecco l’amicizia con Noel Gallagher; ne scaturisce il singolo “Setting Sun”: psichedelico, disturbato, furibondo, Big Beat all’inverosimile. Si vola in testa alle classifiche.

9- BLOCK ROCKIN’ BEATS

1997, da “Dig Your Own Hole”

Si va a scuola di campionatura, tra rap, la batteria di Purdie e la chitarra dei Pink Floyd di “Let There Be More Light”. Il risultato? Una carica adrenalinica incessante.

8- HEY BOY HEY GIRL

1999, da “Surrender”

Un fendente acid house che non ha bisogno di molte presentazioni: e il fenomeno Chemical Brothers diventa mondiale grazie anche ad un video che finisce in heavy rotation. HERE WE GO

7- LET FOREVER BE

1999, da “Surrender”

Ancora Noel Gallagher, ancora un video da applausi: e un riferimento chiaro a “Tomorrow Never Knows” di casa Beatles.

6- THE TEST

2002, da “Come With Us”

Stavolta l’apporto è a firma Richard Ashcroft, che mette la propria voce – per quanto manipolata- in maniera perfetta su un tappeto di synth e beat atmosferici, tribali, sognanti.

5- THE GOLDEN PATH

2003, da “Singles 93–03”

Il vero valore aggiunto,anche qua, è dato dalle voci: Coyne e Drozd dei Flaming Lips.

4 – GALVANIZE

2005, da “Push The Button”

Rap e suoni da mondo arabo mischiati insieme in un crescendo elettrolitico che culmina con l’esplosivo GALVANIZE. E i fratelli tornano in cima alle classifiche dopo anni.

3- BURST GENERATOR

2007, da “We Are The Night”

La furia esplosiva acid house sembra lontana: prendiamo allora per buono questo lunga cavalcata da supernova interstellare.

2- ESCAPE VELOCITY

2010, da “Further”

A chi li accusa di aver perso il tiro, i ragazzi di Manchester rispondono con questa odissea techno/kraut che nella sua metà richiama “Baba O’Riley” di memoria The Who: incalzante, lisergica, stordente, come creata apposta per i live set nei quali, quello sì, i Nostri hanno pochi rivali.

1- MAH

2019, da “No Geography”

Più che per il valore, per un intento ben augurante: bordate laser in un reticolato sonoro trascinante. Sarà davvero di buon auspicio?

 

 

 

 

 

Sei nuovi brani di PJ Harvey dal ...

PJ Harvey ha condiviso ben sei nuovi brani, che fanno parte del soundtrack di “The Virtues”, una serie TV inglese trasmessa su ...

Fantastic Negrito – Live @ ...

E’ passato un anno esatto dall’ultima volta in cui abbiamo visto Fantastic Negrito, in una serata di inizio giugno nel Cortile del Covo ...

The Zen Circus – Live @ ...

“Il tempo non si ferma non si è mai fermato e quello che è passato chissà dove è andato”. Metti una notte a Milano con gli ...

Oggi “Rocky 2” di ...

15 giugno 1979, la saga ha davvero inizio. Il primo Rocky del 1976 era stato una semplice dimostrazione di caparbietà e di fiducia in se ...

Oggi “Supernatural”dei ...

Negli anni ’90 la carriera dei Santana, gruppo che nel corso dei decenni (sin dagli esordi sul finire dei ’60) si è sempre più ...