BACKSTREET BOYS
DNA

[ RCA - 2018 ]
3
 
Genere: Pop
 
di
4 febbraio 2019
 

Oh my God THEY are back again.

Quando pensavo finalmente di averla scampata una volta per tutte, riecco i Backstreet Boys rifare capolino, ridanciani, brillanti, tirati a lucido: oddio, il biondino Nick Carter nel contempo è stato insignito di uno storico Premio Nobel per la Brace, il marcantonio Kevin Richardson si presenta con facezie che sono un misto tra Scialpi e Donatella Versace, AJ McLean è diventato Pepe Reina, Brian Littrell un exogino, mentre Howie Dorough ha stretto un patto col diavolo e sembra quasi essere immune dal passare dal tempo.

Poco importa, THEY are back again.

E nemmeno la scomparsa dello storico manager Lou Pearlman, morto di ictus in carcere, li ha scoraggiati o fatti meditare.

THEY are back again.

Non si capisce neanche quale potrebbe essere il target di questo nuovo album “DNA”, che farà da apripista ad un mastodontico tour mondiale: le ragazzine di oggi? quelle che erano ragazzine nella seconda metà degli anni 90? Le madri delle ragazzine di oggi? Le madri delle ragazzine degli anni 90? Io?

Non lo so, ma fottesega: THEY are back again.

Si sarebbe altresì potuto pensare ad un processo evolutivo che tenesse conto dell’età che comincia a farsi sentire (il solo Nick è under 40, Kevin ne ha addirittura 48), con un arricchimento dei testi e degli argomenti trattati. Invece no, ancora amore, ancora delusioni, ancora strazi, ancora lì messi a nudo, in un alternanza tra gioia e disperazione per quello che sembra un percorso ciclico immarcescibile: ti cerco, ti trovo, ti amo, ti amo così tanto che ti spacco i maroni, finisce che mi lasci, e allora ti cerco, ti trovo… e via andare.

E mai che si pensasse a fare party like a Russian come qualche collega dello stesso lignaggio artistico che è stato bravo a reinventarsi e a tenere conto dell’orologio biologico e di un qualche percorso di crescita musicale: non avrebbe senso. Perché quel che importa è che THEY are back again.

Avanti quindi con l’uscita del disco in cui zero (zero) tracce portano una-che-sia-una mezza firma nel songwriting da parte di qualcuno dei componenti, le date del tour che magari li vedrà ancora ballare “Everybody” o “As Long As You Love Me” e pure suonare le maracas, o addirittura performare a cappella la nuova “Breathe” tra i falsetti di Brian e i bassi di Kevin. Ché poi alla fine vincere non è importante, è l’unica cosa che conta. E se gente è ancora disposta a pagare, loro ci metteranno ancora tutti loro stessi.

Perché parafrasando il mio poero vecchio nonno, foriero e portatore di grande cultura e sentimento popolare oltre che di somma virtute, <alla gente è più facile metterglierlo in c..o che in testa>.

E allora vento in poppa.

THEY are back again.

Tracklist
1. Don't Go Breaking My Heart
2. Nobody Else
3. Breathe
4. New Love
5. Passionate
6. Is It Just Me
7. Chances
8. No Place
9. Chateau
10. The Way It Was
11. Just Like You Like It
12. Ok
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...