WEEKLY RADAR #41: SAINT AGNES

 
di
4 febbraio 2019
 

Attiviamo il radar e scandagliamo in profondità un universo musicale sommerso. Ogni settimana vi racconteremo una band o un artista ‘nascosto’ che secondo noi merita il vostro ascolto. Noi mettiamo gli strumenti, voi orecchie e voglia di scoperta, che l’esplorazione abbia inizio (e mai una fine)…

Prendi una frontman di una bellezza luciferina come Kitty Arabella Austen, aggiungici una spalla feroce alla chitarra come Jof Tufnell e, seppur la base sia londinese, mettici un gusto rock che sa tanto di Motown anni 60 da provincia americana, tra deviazioni psichedeliche ora gotiche adesso, istintiva aggressività sonora solo mitigata dalle giuste armonie e da aromi country/western, la potenza blues di un Iggy Pop o, con gli occhi di oggi, di un Jack White, la furia entropica, metallica, ruvida e viscerale dei Nine Inch Nails, dagli un nome provocatorio e che sa di antitetico quale quello della Santa della Castità che è Agnese da Roma: Lor Signori, i Saint Agnes.

Incendiari, minacciosi, quanto sensuali e cinematici, tra riff che sono spallate, testi che sono frustate e lunghe code che sanno di viaggio drogato e metafisico, i Saint Agnes sono quel gruppo che potresti immaginare in un film di Rodríguez a suonare in locali come il Titty Twister tra camionisti imbufaliti e provocanti ballerine, stivali da cowboy e wiskey, o ancora fare da colonna sonora ad un Mad Max a firma George Miller.



Alcuni singoli, un CD Live, video, tante esibizioni in giro per l’Inghilterra messe a curriculum (ma anche una tappa italiana, al Blah Blah di Torino lo scorso Luglio); ed un EP “Death or Glory” uscito lo scorso Novembre che è una lettera d’intenti: l’apertura di “The Death Rides a Black Horse” ci porta subito in territori brulli, angoscianti, western, “The Death or Glory Gang” è tagliente, conturbante, minacciosa come un serpente del deserto, “Diablo, Take Me Home” – ad oggi il pezzo di punta- un toro stoner spiritato che carica ed è pronto ad incornare, “I Feel Dangerous Around You” un duetto blues spietato, affilato, che ti lascia inerme e senza speranza.

Per il prossimo 3 Maggio è prevista l’uscita dell’album, “Welcome to Silvertown”, anticipato dall’omonimo singolo che non fa altro che confermare il ductus sonoro per cui il pubblico che li segue è sempre più numeroso, attento ed interessato.

E così, è bene fare anche noi: teniamoli d’occhio con le cautele del caso. Perché se ad avvicinarsi troppo si corre il rischio di essere speronati, lasciarseli sfuggire potrebbe essere imperdonabile.

 

The Dandy Warhols – Live @ ...

Abbandoniamo la dimensione cosmologica e oggettiva, questa sera il tempo è soggettivo, un intreccio di vissuti che scandiscono un ritmo ...

ALBUM: Blue Tomorrows – ...

Era da un po’ che tenevamo d’occhio Sarah Nienaber. Il suo progetto solista Blue Tomorrows dimostrava una dolcezza e una ...

Ascolta “Sweet Sunday ...

Inizia in modo magnifico la marcia di avvicinamento dei Pia Fraus al nuovo album. Sweet Sunday Snow by Pia Fraus Il gruppo ...

Stone Roses: John Squire conferma, ...

Dopo anni di speculazioni, John Squire ha confermato che gli Stone Roses si sono nuovamente sciolti. Nel 2017, iniziarono a circolare voci ...

Supreme lancia la linea di ...

Scommessa decisamente particolare quella fatta da Supreme, marchio di punta dello streetwear, che spesso ha collaborato con musicisti ...