MIKE KROL
Power Chords

[Merge Records - 2019]
7
 
Genere: Alternative Indie, Garage Rock
 
8 Febbraio 2019
 

Solitamente il garage non lo disprezzo, anzi, più che altro, se lo devo ascoltare, preferisco sempre qualcosa di fresco, genuino ma che abbia anche qualcosa di particolare (sembra che sto parlando di alimenti biologicamente perfetti ahahhah),  ci sono comunque le eccezioni, come Mike Krol.

Il suo garage non è ricco di particolari come può essere un Oh Sees di turno, no, lui punto più sulla semplicità, sul classico revival che però nonostante tutto ci sta e il nostro dimostra anche un po’ di personalità in svariati pezzi (vedi la “title track”). Ci sono pezzi dove il fuzz fa da padrone, non è una cosa innovativa, lo si fa da anni ormai e in alcuni momenti, come ad esempio “Little Drama”, il tutto può risultare confusionario, con un approccio alla Jay Reatard che non viene sfruttato a dovere, ma nel complesso non mi sento di bocciare il disco, affatto.

Il lavoro fila liscio, senza troppi intoppi: prendetelo senza troppe pretese, premiatelo per la sua semplicità e non certo per l’originalità. Se vi basta avrete fra le mani un album piacevole.

Tracklist
1. Power Chords
2. What's the Rhythm
3. An Ambulance
4. Little Drama
5. Left for Dead
6. Blue and Pink
7. I Wonder
8. Wasted Memory
9. Nothing to Yell About
10. Arrow in My Hearts
11. The End
 
 

The Morsellis – The Primavera ...

Un nuovo album di Alberto Morselli rappresenta sempre un piccolo evento, visto quanto è stata centellinata la sua attività discografica ...

The Cavemen – Night After ...

The Cavemen sono inarrestabili: il loro EP, “Lowlife”, era uscito solamente a febbraio, ma ieri è già arrivato un nuovo album, ...

Misery Loves Co. – Zero

Avevamo lasciato gli svedesi Misery Loves Co. fermi al 2000, anno in cui venne pubblicato l’album “Your Vision Was Never Mine To ...

Tindersticks – No Treasure ...

Una cartina geografica stilizzata adorna la copertina del dodicesimo album dei Tindersticks, il disco più ottimista e accessibile di una ...

Leonard Cohen – Thanks for ...

Quando un artista, che hai tanto amato e seguito, viene a mancare si crea un senso di partecipazione emotiva che spesso si traduce in una ...