MIKE KROL
Power Chords

[Merge Records - 2019]
7
 
Genere: Alternative Indie, Garage Rock
 
8 febbraio 2019
 

Solitamente il garage non lo disprezzo, anzi, più che altro, se lo devo ascoltare, preferisco sempre qualcosa di fresco, genuino ma che abbia anche qualcosa di particolare (sembra che sto parlando di alimenti biologicamente perfetti ahahhah),  ci sono comunque le eccezioni, come Mike Krol.

Il suo garage non è ricco di particolari come può essere un Oh Sees di turno, no, lui punto più sulla semplicità, sul classico revival che però nonostante tutto ci sta e il nostro dimostra anche un po’ di personalità in svariati pezzi (vedi la “title track”). Ci sono pezzi dove il fuzz fa da padrone, non è una cosa innovativa, lo si fa da anni ormai e in alcuni momenti, come ad esempio “Little Drama”, il tutto può risultare confusionario, con un approccio alla Jay Reatard che non viene sfruttato a dovere, ma nel complesso non mi sento di bocciare il disco, affatto.

Il lavoro fila liscio, senza troppi intoppi: prendetelo senza troppe pretese, premiatelo per la sua semplicità e non certo per l’originalità. Se vi basta avrete fra le mani un album piacevole.

Tracklist
1. Power Chords
2. What's the Rhythm
3. An Ambulance
4. Little Drama
5. Left for Dead
6. Blue and Pink
7. I Wonder
8. Wasted Memory
9. Nothing to Yell About
10. Arrow in My Hearts
11. The End
 
 

Andy Burrows & Matt Haig ...

Sono passati ormai cinque anni dal suo ultimo album, “Fall Together Again”, ma questo weekend Andy Burrows è ritornato con il suo ...

C’Mon Tigre – Racines

Le radici per la propria terra, l’inclinazione al viaggio. Due concetti apparentemente in antitesi, ma chi è nato sul mare non potrà ...

Le Butcherettes – Bi / Mental

Sono passati più di tre anni da “A Raw Youth” e visti i tempi che corrono non poteva mancare un nuovo album di Le Butcherettes. Dopo ...

Guided by Voices – Zeppelin ...

Nuovo album per la band di Robert Pollard, da sempre leader dei Guided by Voices, band di cui abbiamo notizie sin dal lontano 1983. Dopo due ...

Ian Brown – Ripples

“Don’t be sad it’s over, be happy that it happened”. Così chiosava King Monkey, al secolo Ian George Brown, dopo ...