MASSIMO VOLUME
Il Nuotatore

[ 42 Records -2019 ]
8.5
 
Genere: Indie Rock
 
11 febbraio 2019
 

“Il Nuotatore” è il tanto atteso settimo album dei Massimo Volume: affrontare un loro disco è sempre un’impresa solitaria, dove l’ascolto perde la sua dimensione sociale e si immerge in una sfera intimista. Il disco con i suoni di Egle e Vittoria e le idee di Emidio Clementi diventa un volume da sfogliare attentamente. Il sound è oscuro, che riporta ad una stasi di fondo che osservata da vicino è in realtà puro subbuglio.

Le chitarre e la sezione ritmica sono una radiazione cosmica di fondo, un background sonoro puro, purissimo e viscerale.

L’aria che si respira nel disco è da concept album ma, tranne l’ispirazione di base proveniente da un racconto di John Cheever, non c’è un unico concetto o idea che regge il disco. Il setting è un mondo che ormai ha visto arrivare proprio i barbari, che il trio aspettava in un album passato.

Per raccontare, anzi costruire, un set così i suoni sono strutturati come impalcature che essenzialmente permettono ai racconti di Emidio di arrampicarsi e esplodere in picchi assoluti, come “Amica Prudenza” e “Mia madre e la morte del gen. José Sanjurjo”.

Un nuotatore è probabilmente anche la figura più adatta per spiegare come ci sentiamo nel mare magno di immagini, situazioni e personaggi presenti nel disco. La capacità dei Massimo Volume è sempre quella di non far affogare l’ascoltatore: anche in questo disco, si instaura infatti un piacevole boccheggiare tra realtà e finzione narrativa che immerge, ma non provoca problemi.

Ascoltare un disco dei Massimo Volume significa iniziare un percorso che non ha un arrivo prestabilito. “Il Nuotatore” ribadisce questa essenza a-geografica della band che si è stabilita, ormai definitivamente, sulla forma di trio.

Le deviazioni sono alla base, le infinite declinazioni di una parola, di un suono, il cambiare degli accenti, tutto questo è vitale e porta uno spessore al disco che dimostra probabilmente che quello che fa una band del genere è unico, non solo a livello italiano dove tra loro e il resto c’è un solco incolmabile, ma a livello internazionale.

I Massimo Volume godono dell’uso di una lingua che, se usata bene, può portarti a scrivere cose come: “Gli disse lei con un misto d’odio e di amore “Più di una scopata facile, Più del gioco in sé, O di una promessa uscita dalle labbra di un traditore, Tornerai domani da chi ti ha reso povero, Gli chiederai un posto da contabile. Nella fabbrica dove fino a ieri sei stato socio”. (La ditta dell’acqua minerale)

In “Il Nuotatore” il trio ha dimostrato di essere totalmente altro rispetto a tutto ciò che circola in Italia in questo momento storico. Il solco è profondo, ma noi speriamo che un disco del genere serva come apripista: un faro nella nebbia, nella confusione della contemporaneità.

La figura del nuotatore è quella di un eroe del quotidiano, che riuscendo a comunicare e ad adattarsi all’acqua può liberamente nuotare, senza cadere a fondo. I Massimo Volume allora tengono a galla tutti noi con la loro musica e grazie a loro, anche io che non so nuotare, sono diventato nuotatore.

 

Tracklist
1. Una Voce a Orlando
2. La ditta dell'acqua minerale
3. Amica prudenza
4. Il Nuotatore
5. Nostra signora del caso
6. L'ultima notte del mondo
7. Fred
8. Mia Madre e la morte del gen. Josè Sanjuro
9. Vedremo domani
 
 

Andy Burrows & Matt Haig ...

Sono passati ormai cinque anni dal suo ultimo album, “Fall Together Again”, ma questo weekend Andy Burrows è ritornato con il suo ...

C’Mon Tigre – Racines

Le radici per la propria terra, l’inclinazione al viaggio. Due concetti apparentemente in antitesi, ma chi è nato sul mare non potrà ...

Le Butcherettes – Bi / Mental

Sono passati più di tre anni da “A Raw Youth” e visti i tempi che corrono non poteva mancare un nuovo album di Le Butcherettes. Dopo ...

Guided by Voices – Zeppelin ...

Nuovo album per la band di Robert Pollard, da sempre leader dei Guided by Voices, band di cui abbiamo notizie sin dal lontano 1983. Dopo due ...

Ian Brown – Ripples

“Don’t be sad it’s over, be happy that it happened”. Così chiosava King Monkey, al secolo Ian George Brown, dopo ...