MASSIMO VOLUME
Il Nuotatore

[ 42 Records -2019 ]
8.5
 
Genere: Indie Rock
 
11 febbraio 2019
 

“Il Nuotatore” è il tanto atteso settimo album dei Massimo Volume: affrontare un loro disco è sempre un’impresa solitaria, dove l’ascolto perde la sua dimensione sociale e si immerge in una sfera intimista. Il disco con i suoni di Egle e Vittoria e le idee di Emidio Clementi diventa un volume da sfogliare attentamente. Il sound è oscuro, che riporta ad una stasi di fondo che osservata da vicino è in realtà puro subbuglio.

Le chitarre e la sezione ritmica sono una radiazione cosmica di fondo, un background sonoro puro, purissimo e viscerale.

L’aria che si respira nel disco è da concept album ma, tranne l’ispirazione di base proveniente da un racconto di John Cheever, non c’è un unico concetto o idea che regge il disco. Il setting è un mondo che ormai ha visto arrivare proprio i barbari, che il trio aspettava in un album passato.

Per raccontare, anzi costruire, un set così i suoni sono strutturati come impalcature che essenzialmente permettono ai racconti di Emidio di arrampicarsi e esplodere in picchi assoluti, come “Amica Prudenza” e “Mia madre e la morte del gen. José Sanjurjo”.

Un nuotatore è probabilmente anche la figura più adatta per spiegare come ci sentiamo nel mare magno di immagini, situazioni e personaggi presenti nel disco. La capacità dei Massimo Volume è sempre quella di non far affogare l’ascoltatore: anche in questo disco, si instaura infatti un piacevole boccheggiare tra realtà e finzione narrativa che immerge, ma non provoca problemi.

Ascoltare un disco dei Massimo Volume significa iniziare un percorso che non ha un arrivo prestabilito. “Il Nuotatore” ribadisce questa essenza a-geografica della band che si è stabilita, ormai definitivamente, sulla forma di trio.

Le deviazioni sono alla base, le infinite declinazioni di una parola, di un suono, il cambiare degli accenti, tutto questo è vitale e porta uno spessore al disco che dimostra probabilmente che quello che fa una band del genere è unico, non solo a livello italiano dove tra loro e il resto c’è un solco incolmabile, ma a livello internazionale.

I Massimo Volume godono dell’uso di una lingua che, se usata bene, può portarti a scrivere cose come: “Gli disse lei con un misto d’odio e di amore “Più di una scopata facile, Più del gioco in sé, O di una promessa uscita dalle labbra di un traditore, Tornerai domani da chi ti ha reso povero, Gli chiederai un posto da contabile. Nella fabbrica dove fino a ieri sei stato socio”. (La ditta dell’acqua minerale)

In “Il Nuotatore” il trio ha dimostrato di essere totalmente altro rispetto a tutto ciò che circola in Italia in questo momento storico. Il solco è profondo, ma noi speriamo che un disco del genere serva come apripista: un faro nella nebbia, nella confusione della contemporaneità.

La figura del nuotatore è quella di un eroe del quotidiano, che riuscendo a comunicare e ad adattarsi all’acqua può liberamente nuotare, senza cadere a fondo. I Massimo Volume allora tengono a galla tutti noi con la loro musica e grazie a loro, anche io che non so nuotare, sono diventato nuotatore.

 

Tracklist
1. Una Voce a Orlando
2. La ditta dell'acqua minerale
3. Amica prudenza
4. Il Nuotatore
5. Nostra signora del caso
6. L'ultima notte del mondo
7. Fred
8. Mia Madre e la morte del gen. Josè Sanjuro
9. Vedremo domani
 
 

Sambassadeur – Survival

L’idea di pop che hanno i Sambassadeur è la nostra. C’è poco da fare. Una canzone semplice, in apparenza, che ti rinfranca ...

These New Puritans – Inside ...

I These New Puritans continuano la loro quieta ascesa in un inafferrabile empireo di art-rock lontano da ogni trend musicale. La band ormai ...

Idlewild – Interview Music

Tornano gli scozzesi Idlewild autentici pezzi da novanta di quello che nella seconda metà degli anni 90 venne etichettato come post ...

Apparat – LP5

Chiudete gli occhi, immaginatevi d’essere all’interno di una stanza vuota, con una sola finestra che mostra il mare e un ...

Priests – The Seduction of ...

Non sono stati tempi facili per la band di Whashington D.C. Quando tutto sembrava procedere per il meglio, con il loro debut “Nothing ...