FIDLAR
Almost Free

[Dine Alone Records - 2019]
5
 
Genere: Alternative Indie, Garage Rock
 
13 febbraio 2019
 

I Fidlar hanno lasciato un solco, non enorme, ma abbastanza evidente nella scena garage, almeno per quanto riguarda il loro primo e secondo lavoro: pezzi “classici”, animo DIY, sguaiati, in bilico tra skate, punk e garage, buttati lì il giusto e senza troppe pretese, ma ora? Che ne sarà di loro visto che qui un rinnovamento nel sound pare essere alle porte?

Parliamoci chiaro, questa band non mi ha mai fatto veramente impazzire: molto, anzi, troppo simile ad altre centinaia di band che ho ascoltato nel periodo, però, nonostante tutto, ne riconoscevo il valore “culturale” come dicevo in precedenza (e anche quell’animo discolo e indisciplinato che non mi dispiace). Ora questo nuovo “Almost Free” effettivamente com’è? …eh, direi né carne né pesce, che equivale a dire niente di speciale. Con rammarico noto che molti pezzi sono da cestinare, orribili e sinceramente senz’ anima (e se manca l’anima e l’indole qui siamo rovinati), esempi più che calzanti: “Get Off My Rock” e “Scam Likely”, per citarne alcuni, atrocità per le mie orecchie, che abbandonano in parte il passato scazzato della band, ma non presentano affatto un piacevole futuro, anzi.

Poi ci sono pezzi palesemente copiati (e senza vergogna) da Ty Segall, e qui potrei citare “Can’t You See”, “Flake” oppure “Almost Free” che sembra presa, con non poca violenza, da “Freedom’s Goblin”. Tra l’altro, per dire comunque una nota positiva, direi che questa forse è l’unica traccia veramente dignitosa che hanno fatto, per il resto trovo ben poco di buono in un disco che, più che variegato, pare confuso sulla sua vera strada, senza mai piazzare un pezzo veramente d’impatto.

Direi che se siete amanti del garage-punk potete anche ascoltarlo, ma senza aspettarvi molto che rimandi ai “vecchi” Fidlar. C’è voglia di cambiare certo, ma per ora il tutto non funziona affatto.

Tracklist
1. Get Off My Rock
2. Can't You See
3. By Myself
4. Flake
5. Alcohol
6. Almost Free
7. Scam Likely
8. Called You Twice (Feat. K.Flay)
9. Nuke
10. Too Real
11. Kick
12. Thought. Mouth.
13. Good Times Are Over
 
 

I Feel Like A Bombed Cathedral ...

Ad Amaury Cambuzat, già leader degli Ulan Bator e chitarrista dei faUSt, è stato sufficiente un giorno per dare forma alle quattro tracce ...

The Doormen – Plastic ...

Diamo il bentornato ai ravennati The Doormen che giungono al quarto album. Il loro post-punk abbracciava una forte carica ...

Circa Waves – What’s It ...

La band indie-pop di Liverpool è ritornata questo weekend con la sua terza fatica sulla lunga distanza – la prima per la PIAS – dopo ...

Martha – Love Keeps Kicking

Sono passati già due anni e i ricordi romantici sono tanti: era la fine di marzo del 2017, quando chi scrive prese un volo low-cost per ...

Chris Cohen – Chris Cohen

Già membro di numerose formazioni, tra cui i Deerhoof, The Curtains, Natural Dreamers e Cryptacize, Chris Cohen ha iniziato la sua carriera ...