OGGI “CROOKED RAIN, CROOKED RAIN” DEI PAVEMENT COMPIE 25 ANNI

 
di
14 Febbraio 2019
 

Era il 1992 quando i Pavement di Stephen Malkmus e soci se ne uscirono con il mitico “Slanted & Enchanted”: capolavoro di improvvisazione lo-fi all’epoca, manna dal cielo per ogni indie-hipster oggi, l’album aveva lanciato i ragazzi americani sulla cresta dell’onda ed in una lunga tournée come spalla di mostri sacri come i Sonic Youth. Logico che l’attesa per il seguito (vi prego, sophomore non si può sentire…) fosse altissima, e questo nonostante la gestione del gruppo originario fosse stata- eufemismo – faticosa (al batterista Gary Young, – ancora eufemismo – non il massimo dell’affidabilità, venne chiesto di farsi da parte) per quanto aumentato nel numero a 5 componenti, con l’ingresso in pianta stabile del fac totum Bob Nastanovich, Steve West alla batteria e Mark Ibold al basso.

Maggiormente “rivestito” nel suono rispetto al predecessore, intatta la vena volutamente a metà tra pigro, bislacco e cazzone del cantato (cd. slacker), anticipato dal singolo “Cut Your Hair” (uno dei pezzi più pop di tutta la produzione, ottimo per i passaggi televisivi, considerato anche il video dove i californiani mettono ancora in mostra – ce ne fosse stato bisogno- il loro lato demenziale) e portando in faretra tra le altre frecce come “Elevate Me Later”, “Gold Soundz” e “Range Life”, i Pavement piantarono una pietra miliare del rock indipendente col favore di fan e critica, raggiungendo il 15esimo posto delle UK Charts e vendendo mezzo milione di dischi (trovando, paradossalmente, meno fortuna in patria che oltreoceano).

Irriverente, genuino, ricercatamente imperfetto, “Crooked Rain, Crooked Rain” è un album che, condito ad una storia che li vedrà di lì a pochi anni sciogliersi per divergenze tra lo stesso Malkmus e gli altri componenti, consacrerà i Pavement ad autentici gonfalonieri dell’indie rock, fonte di ispirazione per dozzine e dozzine di band a venire ed oggetto di culto per gli amanti del genere e non solo.

Pavement – “Crooked Rain, Crooked Rain”
Data di pubblicazione: 14 Febbraio 1994
Tracce: 12
Lunghezza: 42:18
Etichetta: Matador
Produttori: Pavement

Tracklist:
1. Silence Kit
2. Elevate Me Later
3. Stop Breathin
4. Cut Your Hair
5. Newark Wilder
6. Unfair
7. Gold Soundz
8. 5-4=Unity
9. Range Life
10. Heaven is a Truck
11. Hit The Plane Down
12. Fillmore Jive

 

Oggi “Master Of ...

California, Bay Area, anno 1986; da quell’efficace, dirompente ed accattivante fusione di energia punk e robusti riff metallici emerge un ...

L’Ultimo Concerto

Ultimo concerto? In verità per tanti club e locali l’ultimo concerto si è già svolto, più o meno un anno fa, ma nessuno di noi, ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “Love” dei Love compie 55 ...

Cercare di dare un ordine alla carriera dei Love è un compito arduo e forse anche inutile. Nel corso della sua esistenza, la band ...

Oggi “Boots” di Nancy Sinatra ...

Il cognome pesante: una vera e propria maledizione per tutti i figli d’arte che coltivano sogni di gloria. Quanti artisti sono riusciti a ...