OGGI “CROOKED RAIN, CROOKED RAIN” DEI PAVEMENT COMPIE 25 ANNI

 
di
14 febbraio 2019
 

Era il 1992 quando i Pavement di Stephen Malkmus e soci se ne uscirono con il mitico “Slanted & Enchanted”: capolavoro di improvvisazione lo-fi all’epoca, manna dal cielo per ogni indie-hipster oggi, l’album aveva lanciato i ragazzi americani sulla cresta dell’onda ed in una lunga tournée come spalla di mostri sacri come i Sonic Youth. Logico che l’attesa per il seguito (vi prego, sophomore non si può sentire…) fosse altissima, e questo nonostante la gestione del gruppo originario fosse stata- eufemismo – faticosa (al batterista Gary Young, – ancora eufemismo – non il massimo dell’affidabilità, venne chiesto di farsi da parte) per quanto aumentato nel numero a 5 componenti, con l’ingresso in pianta stabile del fac totum Bob Nastanovich, Steve West alla batteria e Mark Ibold al basso.

Maggiormente “rivestito” nel suono rispetto al predecessore, intatta la vena volutamente a metà tra pigro, bislacco e cazzone del cantato (cd. slacker), anticipato dal singolo “Cut Your Hair” (uno dei pezzi più pop di tutta la produzione, ottimo per i passaggi televisivi, considerato anche il video dove i californiani mettono ancora in mostra – ce ne fosse stato bisogno- il loro lato demenziale) e portando in faretra tra le altre frecce come “Elevate Me Later”, “Gold Soundz” e “Range Life”, i Pavement piantarono una pietra miliare del rock indipendente col favore di fan e critica, raggiungendo il 15esimo posto delle UK Charts e vendendo mezzo milione di dischi (trovando, paradossalmente, meno fortuna in patria che oltreoceano).

Irriverente, genuino, ricercatamente imperfetto, “Crooked Rain, Crooked Rain” è un album che, condito ad una storia che li vedrà di lì a pochi anni sciogliersi per divergenze tra lo stesso Malkmus e gli altri componenti, consacrerà i Pavement ad autentici gonfalonieri dell’indie rock, fonte di ispirazione per dozzine e dozzine di band a venire ed oggetto di culto per gli amanti del genere e non solo.

Pavement – “Crooked Rain, Crooked Rain”
Data di pubblicazione: 14 Febbraio 1994
Tracce: 12
Lunghezza: 42:18
Etichetta: Matador
Produttori: Pavement

Tracklist:
1. Silence Kit
2. Elevate Me Later
3. Stop Breathin
4. Cut Your Hair
5. Newark Wilder
6. Unfair
7. Gold Soundz
8. 5-4=Unity
9. Range Life
10. Heaven is a Truck
11. Hit The Plane Down
12. Fillmore Jive

 

Oggi “Primary Colours” degli ...

Non mi capita molto spesso di andare a riascoltare gli Horrors – non ho apprezzato particolarmente l’ultimo paio di uscite a loro nome, ...

Oggi “Illmatic” di Nas compie ...

Di “Illmatic”, album d’esordio del rapper newyorchese Nas, se n’è parlato e se ne continua a parlare moltissimo. Qualcuno, forse ...

Oggi “His ‘n’ ...

1994, Inghilterra. Il vulcano britpop è in pieno fermento. E l’interesse degli addetti ai lavori alto, altissimo, specie e ...

Oggi “Let Love In” di ...

Nick Cave and The Bad Seeds non sono sempre stati i grandi come li conosciamo oggi, anzi, la loro è stata una genesi lenta e graduale che, ...

Oggi “Doolittle” dei Pixies ...

Per capire bene l’impatto di Doolittle dei Pixies nella storia della musica dobbiamo riavvolgere il nastro della vita di 30 anni. La band ...