LOST UNDER HEAVEN
Love Hates What You Become

[ Mute - 2019 ]
7
 
Genere: mutant-pop
 
15 febbraio 2019
 

I Lost Under Heaven non sono altro che quei LUH che hanno esordito nel 2016 con il sorprendente “Spiritual Songs for Lovers to Sing”, intenso amplesso sonoro generato dalla coppia composta da Ellery Roberts (ex-Wu Lyf) e dalla visual artist Ebony Hoorn, colleghi, sodali e amanti.

La copertina degna di un’uscita dei Nine Inch Nails fa presagire sinistri sentori, che in realtà evaporano nel fumo denso di romanticismi obliqui e suadenti amarezze.
La musica dei Lost Under Heaven è difficilmente ascrivibile a una sola categoria: troviamo dolenti ballate post-industriali; tappeti distorti che avvolgono il lamento rauco di Roberts, che a sua volta sembra sempre fagocitare il canto imbronciato ma limpido della Hoorn; synth malinconico-epici che sottolineano il lato melodrammatico del duo anglo-olandese, il quale possiede l’invidiabile dote di sapersi fermare sempre a pochi centimetri da parossismi ed esagerazioni “sentimentali” quasi pop, nell’accezione melensa del termine. Ma è solo una vaga impressione, perché prevale sempre un’anima disallineata, un fervore freak, “sbagliato” e post-apocalittico, che li aiuta sempre a ricollocarli tra i beniamini del rock indipendente più autentico. L’amore è sempre il selvaggio e implacabile motore delle composizioni della band (qui prodotta da John Congleton, che in parte asciuga le rotondità epiche architettate nel primo album da Haxan Cloak), ma, lì dov’era salvazione e consolazione, ora questo sentimento appare come sinonimo di resistenza e riflessione.

L’entrata è poderosa, al passo del rock elettronico un po’ 90’s di “Come”, ma è una zampata che subito dopo si trasforma in una posa più enigmatica, dalla quale scaturisce una carrellata di pseudo-ballad rugginose, da “Bunny’s Blues “(in realtà, sotto mentite spoglie, discreto numero di distorto, sexy alt-rock mutante dalle liriche dannate), al duetto a lume di candela di “Love Hates What You Become”. La seconda parte della scaletta svela un lato più “materico”, con i blues androidi “Serenity Says” e “Savage Messiah” e quello che è praticamente un epilogo in due parti, costituito dalla spoglia “Post Millenial Tension” e dalla liberatoria “For The Wild”, brado inno alla vita informato però da una vena triste e rassegnata, fotografia di una realtà ormai divisa in una semplice “scelta tra noia e odio”. La domanda è: lasciarsi andare alla corrente che tutto appiattisce e che porta alla negatività o abbracciare le forze dionisiache del caos e dell’amore? La risposta in realtà è chiara sin dalla prima nota di questo disco.

Tracklist
1. Come
2. Bunny's Blues
3. The Breath of Light
4. Most High
5. Black Sun Rising
6.Love Hates What You Become
7.Serenity Says
8.Savage Messiah
9. Post-Millennial Tension
10. For the Wild
 
 

Wand – Laughing Matter

Sapete, io, gli Wand, li ho conosciuti grazie al mio chitarrista, senza di lui non avrei mai ascoltato “1000 Days”, uno dei miei ...

Danko Jones – A Rock Supreme

Il tempo e la maturità non hanno scalfito l’anima del vulcanico Danko Jones. Il cantante e chitarrista canadese ha trascorso gli ultimi ...

Yaguar – Vision

Si intitola “Vision” l’album di debutto degli Yaguar, un quartetto nato appena tre anni fa dall’incontro di due cantanti e ...

Artmagic – I Won’t ...

Eccoli ancora, ad un anno da “The Song of The Other England”, Richard Oakes e Sean McGhee fare capolino con questo EP, ...

Versing – 10000

Piacevolissimo questo “10000” dei Versing di Seattle. Il leader della band, il buon Daniel Salas è uno di quelli che ci sta ...