DYLAN RODRIGUE
Cat’s Game

[ Bad Paintings - 2019 ]
6.5
 
Genere: Folk Rock
 
18 febbraio 2019
 

Debut album per Dylan Rodrigue, musicista di Los Angeles che con “Cat’s Game” arricchisce la sua discografia che conta pure l’EP “Scrimp” uscito lo scorso Agosto.
Se l’EP di quattro brani aveva come filo conduttore l’uso di tastiere in questo nuovo lavoro l’artista Californiano fa grande uso dello strumento a lui più caro: la chitarra. I nove brani in scaletta variano da un garage anni 80 alla Stooges, “The Money Game” ad un classico ed acustico folk chitarra e voce.
Si racconta che Dylan sia stato il chitarrista di ben otto band ed abbia finalmente deciso di intraprendere la carriera solista per potere pienamente esprimere il dono più prezioso, quello di scrivere canzoni. Come da lui stesso ammesso, far parte di una band gli ha permesso di crescere come musicista ma non si è mai considerato semplicemente un “chitarrista” bensì un “songwriter”.

Le tracce dell’album sono molto intime, il suono passa quasi in secondo piano lasciando a voce e testo la parte dei protagonisti . Le chitarre diventano acustiche, delicate e l’anima folk del songwriter prende il sopravvento e si fa predominante. Il dolore e la sofferenza, nelle loro varie sfumature, sono i protagonisti principali dei testi. “White Moon”, che non nascondo è uno dei miei brani preferiti, è il racconto che la luna potrebbe narrare osservando il nostro mondo. “Pensieri e concetti espressi nell’album sono alimentati dalle emozioni piuttosto che da una riflessione critica“, spiega Rodrigue chiarendo quello che ha ispirato la sua ricerca nel tentativo di sviscerare le varie forme di tormento e pena. “Self Love” è una delicata popsong dove un amante immaginario e ideale può essere una medicina per combattere la solitudine. La bella introduzione di “Some Kind Of Heaven” caratterizza un’altra piccola perla dell’album: qui, invece, l’autore descrive una sorta di paradiso, luogo accogliente e speciale dove una Madre Divina si prende cura di noi. “Minimize The Damage” ci ripropone chitarre elettriche, delicate e sovrapposte con un bel finale in crescendo.

Dylan Rodrigue ha voluto giocarsela da solo e possiamo dire che l’album si merita ampiamente la sufficienza. La parte iniziale dell’album è indubbiamente piacevole all’ascolto, la seconda parte, al contrario, perde un poco di energia ed il vuoto lasciato non viene riempito con brani dal forte impatto emotivo. Si può apprezzare invece, e per l’intero album, la qualità dei suoni che avvolgono l’ascoltatore in una piacevole sensazione di calore.

Tracklist
1. White Moon
2. Self-Love
3. Some Kind of Heaven
4. The Money Game
5. Living This Way
6. If You're Not My Lover
7. It's So Funny
8. Minimize the Damage
9. Living In Color
 
 

Wand – Laughing Matter

Sapete, io, gli Wand, li ho conosciuti grazie al mio chitarrista, senza di lui non avrei mai ascoltato “1000 Days”, uno dei miei ...

Danko Jones – A Rock Supreme

Il tempo e la maturità non hanno scalfito l’anima del vulcanico Danko Jones. Il cantante e chitarrista canadese ha trascorso gli ultimi ...

Yaguar – Vision

Si intitola “Vision” l’album di debutto degli Yaguar, un quartetto nato appena tre anni fa dall’incontro di due cantanti e ...

Artmagic – I Won’t ...

Eccoli ancora, ad un anno da “The Song of The Other England”, Richard Oakes e Sean McGhee fare capolino con questo EP, ...

Versing – 10000

Piacevolissimo questo “10000” dei Versing di Seattle. Il leader della band, il buon Daniel Salas è uno di quelli che ci sta ...