LE BUTCHERETTES
Bi / Mental

[Rise – 2019]
6.5
 
Genere: Punk, garage
 
20 febbraio 2019
 

Sono passati più di tre anni da “A Raw Youth” e visti i tempi che corrono non poteva mancare un nuovo album di Le Butcherettes. Dopo tre dischi prodotti da Omar Rodríguez-López (At The Drive In, Mars Volta) Teri Gender Bender, Alejandra Robles Luna, Riko Rodríguez-López e Marfred Rodríguez-López hanno deciso di cambiare, affidando la produzione al all’ex tastierista di Modern Lovers e Talking Heads Jerry Harrison (No Doubt, Violent Femmes, KD Lang).

Una scelta destinata a influenzare non poco il suono del quartetto, che abbandona le ruvidità garage in favore di un art rock minaccioso e sfrenato, senza rinunciare all’indole punk. Il risultato è un album più accessibile, che non rinnega quanto fatto in passato ma guarda avanti. Dopo Iggy Pop in “A Raw Youth”, Le Butcherettes collaborano con Jello Biafra dei Dead Kennedys che si scatena in un arrabbiatissimo spoken word alla fine di “spider/WAVES”.

La voce di Teri Gender Bender è sempre graffiante e incisiva, come lo sono i testi, ma sarebbe stato molto difficile qualche anno fa immaginare Le Butcherettes intonare “strong/ENOUGH” con riff di chitarra ridotti al minimo, sintetizzatori e batteria che seguono la linea melodica passo dopo passo o cimentarsi nell’intro acustico di una ballata come “in/THE END”. Il nuovo lato pop di Le Butcherettes si esprime al massimo in “la/SANDÍA” cantata da Mon Laferte, musicista e attrice cilena più volte candidata ai Latin Grammy. “mothers/HOLDS” è l’esatto opposto: un brano crudo e brutale con Alice Bag dei Bags (uno dei primi gruppi punk losangelini) alla voce.

“Bi / Mental” è un disco avventuroso, che gioca con stili, suoni e immagini. “Uno spirito in piena crisi nel bel mezzo di un tornado” come Teri Gender Bender l’ha definito. Difficile che venga apprezzato da chi amava i dischi prodotti da Omar Rodríguez-López, troppe le differenze. Un album senza filtri, che mostra l’anima più irriverente di Le Butcherettes ma non ha l’impatto viscerale e sanguigno dei precedenti.

Tracklist
1. spider/WAVES ft. Jello Biafra
2. give/UP
3. strong/ENOUGH
4. father/ELOHIM
5. little/MOUSE
6. in/THE END
7. nothing/BUT TROUBLE
8. la/SANDÍA ft. Mon Laferte
9. struggle/STRUGGLE
10. dressed/IN A MATTER OF SPEECH
11. mothers/HOLDS ft. Alice Bag
12. sand/MAN
13. /BREATH
 
 

Johnny Lloyd – Next Episode ...

Guarda un po’ chi si rivede. Johnny Lloyd dopo la fine dei Tribes (2013) ha intrapreso una carriera solista che, in realtà non è mai ...

Filthy Friends – Emerald ...

La storia la conosciamo ormai tutti: Peter Buck, storica chitarra dei R.E.M. (e successiva carriera solista e con i Minus 5) e Corin Tucker, ...

Clinic – Wheeltappers and ...

Tornano per la felicità dei fan, forse non tantissimi ma appassionati, dopo ben sette anni i Clinic con un nuovo album, una lunga attesa ...

Alex Lahey – The Best Of Luck ...

Ha le idee chiare la nostra Alex e, anche questa volta, come già nell’esordio “I Love You Like A Brother” (2017), piazza ...

Old Fashioned Lover Boy – ...

Battiamo forte le mani ad Alessandro Panzeri, in arte Old Fashioned Lover Boy, per non aver avuto paura di coltivare e far germogliare quei ...