JESSICA PRATT
Quiet Signs

[City Slang - 2019]
7.5
 
Genere: freak-folk,indie-folk
 
22 Febbraio 2019
 

Sono passati già quattro anni dal suo secondo LP, “On Your Own Love Again”, ma questo weekend Jessica Pratt ritorna finalmente con questo suo nuovo album: scritto a Los Angeles e registrato tra il 2017 e il 2018 al Gary’s Electric di Brooklyn, “Quiet Signs” è il suo primo disco realizzato all’interno di un vero e proprio studio ed è stato coprodotto insieme ad Al Carlson (Weyes Blood, Zola Jesus, Quilt).

Non ci si puo’ limitare a definire il genere della Pratt semplicemente come folk, perché è qualcosa di diverso e, allo stesso tempo, di sorprendente e, per certi versi, di strano.

Composto da nove canzoni e incredibilmente semplice a livello strumentale, “Quiet Signs” gode della voce nasale e assai particolare della trentunenne musicista di San Francisco.

Il disco si apre con “Opening Night”, un brano praticamente strumentale (salvo qualche leggero coro angelico verso la metà) della durata di meno di due minuti: costruito interamente con il piano, questo pezzo ci comincia a portare verso un viaggio dal sapore diverso rispetto ai suoi precedenti LP e per certi versi sorprendente.

Il primo singolo estratto da questa nuova fatica, “This Time Around”, è forse la canzone più facilmente accessibile con la sua dolce e graziosa melodia, in cui si rischia di venire sedotti dai vocals di Jessica; “Poly Blue”, invece, beneficia delle inserzioni del flauto – cortesia di Al Carlson – che gli conferiscono sensazioni mistiche, pur rimanendo sempre ben presente quel grande senso di intimità che pervade tutto il disco.

“Quiet Signs” sfrutta il minimalismo della sua strumentazione per portare l’ascoltatore attraverso un sogno dalla grande delicatezza e regala emozioni morbide e sensuali all’interno di un’ambientazione misteriosa e personale: uno di quei dischi da ascoltare a occhi chiusi, magari durante la notte prima di addormentarsi, per lasciarsi trasportare nel suo mondo bello e sconosciuto.

Tracklist
1. Opening Night
2. As The World Turns
3. Fare Thee Well
4. Here My Love
5. Poly Blue
6. This Time Around
7. Crossing
8. Silent Song
9. Aeroplane
 
 

Elvis Costello – Hey ...

Elvis Costello arriva al suo trentunesimo album, una carriera lunghissima e tantissime straordinarie canzoni: a sessantasei anni, li ha ...

Marco Parente – Life

Marco Parente è uno di quegli artisti che – per una volta a ragione e senza timore di smentita – si possono tristemente ...

Cherry Pickles – The Juice ...

Secondo album per le Cherry Pickles (le nostre ciliegine sottoaceto) che arrivano da Birmingham, la città dell’Aston Villa e dei ...

The Silence – Electric ...

L’animo cosmopolita della Drag City non è certo una novità e neppure l’indole avventurosa dell’etichetta di Chicago capace di ...

Osees – Metamorphosed

Neanche un mese fa è uscito il loro ventiquattresimo album “Protean Threat“e ora ce ne piazzano un altro ancora più forte. Gli ...