CROCODILES
Live @ Covo Club (Bologna, 21/02/2019)

 
23 febbraio 2019
 

All’inizio di questo mese i Crocodiles hanno pubblicato il loro settimo album, “Love Is Here”, uscito per la etichetta francese Deaf Rock Records: i due membri storici della band di San Diego, Brandon Welchez e Charles Rowell, ora vivono lontani (il primo in Messico e il secondo a Parigi), ma le lunghe distanze non gli hanno impedito di lavorare ancora insieme.

Iniziato proprio in Francia nei giorni scorsi, il tour a supporto di questa nuova fatica si è poi trasferito in Italia dove si fermerà per ben quattro tappe.

In questo giovedì di fine febbraio ci ritroviamo al Covo Club di Bologna per assistere al loro terzo appuntamento nella nostra penisola: sono passati ormai parecchi anni da quando li abbiamo visti per la prima volta all’Off di Modena ai tempi del primo album, “Summer Of Hate”, ma Brandon e Charles non sembrano sentire il peso degli anni che comunque avanzano per tutti.

La setlist di stasera, ovviamente basata soprattutto sul nuovo LP, copre – almeno con un piccolo assaggio – tutti i loro album, salvo il recente “Dreamless” (2016).

Sono passate da poco le undici, quando il gruppo californiano sale sul palco delle venue emiliana: ad aprire i giochi ci pensa proprio un estratto da “Love Is Here”, “Heart Like A Gun”.
Rimaniamo subito sorpresi dalla potenza del loro suono e in particolare da un drumming estremamente energico, che ritroveremo praticamente per tutto il loro live-show: il rumore comincia a prendere il sopravvento fin da subito, ma il ritornello non nasconde il suo senso melodico, mentre Charles Rowell si mette immediatamente a “giocare” con la sua chitarra, esaltando il pubblico bolognese.

Colpi duri anche da parte dell’altra nuova “Exit My Head”, che, nella sua malinconia, non nasconde qualche elemento neoromantico, mentre la successiva “Marquis De Sade” ci riporta su toni melodicamente più accessibili: impossibile resistere al suo ritornello e al noise creato dalle chitarre di Rowell e Welchez, che fa ballare più di un persona.

Assolutamente gradito anche il nuovissimo singolo “Wait Until Tomorrow”, divertente, deciso, preciso; “She Splits Me Up”, invece, ci regala un momento di riflessione – probabilmente l’unico del concerto.

Se mancava ancora qualcosa la doppietta finale ci stende letteralmente: “I Wanna Kill” e “Mirrors” sono due bombe da KO. Un muro di noise ricopre la sala del Covo Club e la gente puo’ danzare liberamente supportata dai ritmi sfrenati ed esaltanti di queste due canzoni.

Cinquantacinque minuti che abbiamo potuto godere fino in fondo e, come noi, crediamo anche il resto dei presenti nella sala della storica venue di viale Zagabria: avremo visto i Crocodiles almeno altre sei o sette volte e in diverse location, ma a ogni concerto questi californiani hanno sempre saputo confermarsi un’ottima realtà live e ci hanno sempre saputo dare ottime sensazioni.

 

Florence + The Machine – Live ...

di Franco Scaluzzi Reduci dal concerto di Salmo di 24 ore prima ci ripromettiamo di arrivare con più anticipo visto le file chilometriche ...

Daniel Blumberg – Live @ ...

Il live di Daniel Blumberg all’Auditorium Spin Time (organizzato da Unplugged In Monti) è un gioco di addizioni e sottrazioni: non c’è ...

Jon Spencer & The Hitmakers ...

Un profluvio di fumo, luci basse e gente in quantità. Il Circolo Magnolia sceglie il miglior abito underground e lo indossa alla perfezione ...

Kimbra – Live @ Santeria ...

Milano, martedì sera, la location è quella fresca e sempre accogliente di Santeria Social Club. Sono le 21.30 quando le luci si abbassano ...

Wild Nothing – Live @ Monk (Roma, ...

Erano un bel po’ di anni che Jack Tatum e la sua creatura Wild Nothing non venivano a suonare nella capitale. Ricordo la data del tour di ...