OGGI “NO EXIT” DEI BLONDIE COMPIE 20 ANNI

 
di
23 febbraio 2019
 

Correva il 1982 quando i Blondie di Debbie Harry, al culmine della loro popolarità ma poco dopo l’uscita del piuttosto deludente “The Hunter”, si sciolsero sia per via della malattia del chitarrista/compositore Chris Stein che – soprattutto – per dissidi interni alla band: tra varie esperienze soliste, anch’esse lontane dall’essere memorabili, la rottura del rapporto sentimentale Debbie/Chris, gli anni passavano e le uscite dei Blondie si limitavano a Best Of ed album di remix, fino a quando Chris Stein, Debbie Harry, Clem Burke e Jimmy Destri si riunirono definitivamente nel 1998 per alcuni tour annunciando l’uscita per l’anno successivo dell’album “No Exit”, a ben 17 anni di distanza dall’ultimo lavoro in studio.

Nonostante l’hype altissimo, il tentativo di variegare il tiro anche con deviazioni sullo ska/reggae, il rap (nella traccia “No Exit” è presente anche Coolio) ed il blues/country, l’album si rileva una discreta ciofeca, dalle trame abbastanza piatte laddove nemmeno la voce di Debbie Harry sembra avvicinarsi a quei picchi accattivanti, brillanti e sensuali che l’avevano storicamente contraddistinta; ciononostante, “No Exit” è in grado di toccare il terzo posto nelle UK charts con relativo disco d’oro (traguardo raggiunto anche in Spagna) ed vendere oltre 2 milioni di copie nel mondo. Sarà per l’effetto nostalgia, la lunga attesa, o più probabilmente per il singolo “Maria”: una clamorosa banger pop-rock a firma Jimmy Destry che entra nelle heavy rotation di radio, tv, in spot pubblicitari e compilation, che da sola raggiungerà il numero 1 in Uk, Grecia, Scozia e Spagna, e sarà disco d’oro in Belgio, di platino in Germania, d’argento nel Regno Unito e consentirà ai Blondie di essere il primo gruppo americano ad aver piazzato un singolo al numero 1 in tre decadi diverse (’70,’80,’90) e a Debbie Harry di entrare nel Guinness dei primati come frontwoman più “matura” a raggiungere la vetta di una chart.

“No Exit”, ma soprattutto il singolone “Maria”, sembrava già al tempo il canto del cigno di una delle band più iconiche dell’ondata new wave fine anni 70/inizio anni 80: a vent’anni di distanza, possiamo dire con discreta tranquillità che al tempo non ci stavamo sbagliando.

 

Blondie – No Exit
Data di pubblicazione: 23 Febbraio 1999
Tracce: 14
Lunghezza: 59:09
Etichetta: Beyond
Produttori: Craig Leon

Tracklist:

1. Screaming Skin
2. Forgive and Forget
3. Maria
4. No Exit
5. Double Take
6. Nothing Is Real But The Girl
7. Boom Boom in The Zoom Zoom Room
8. Night Wind Sent
9. Under The Gun
10. Out in The Streets
11. Happy Dog
12. The Dream’s Lost on Me
13. Divine
14. Dig Up The Conjo

 

18 maggio 1980: Ian Curtis, i Joy ...

I Joy Division, nonostante la loro breve esistenza come band, sono un riferimento musicale fondamentale, soprattutto per il movimento dark e ...

Oggi “Play” di Moby ...

“Play”, il più grande successo di Richard Melville Hall, in arte Moby, compie 20 anni eppure, oggi come allora, sembra un disco senza ...

Oggi “You Are the Quarry” di ...

“You are the Quarry”  uscì dopo sette lunghissimi anni, facendo sospirare i tanti fan sparsi per il mondo, ma l’attesa ...

Oggi “Grande Rock” dei ...

Seguivo Nicke Royale fin dagli Entombed (quando era ancora Nicke Andersson), figurarsi se non non abbracciavo con amore anche la sua ...

The Other Side: Big Thief – ...

Anche nelle migliori famiglie come IFB ci sono pareri discordanti su certi dischi. Di solito ci fidiamo e accettiamo il verdetto del nostro ...