PROSPECT

 
 
di
24 febbraio 2019
 

di Elvezio Sciallis (La Tela Nera)

“Prospect” lo attendevo da parecchio, per alcuni non sarà nemmeno fantascienza e se si guarda a certi aspetti il tutto è più un western camuffato, sembra sci-fi retro che però non si sforza di sfoggiare troppo la sua natura retro. Padre e figlia fanno i “minatori” e hanno poco tempo per atterrare su una luna boscosissima ma anche tossica (quindi devi rimanere con i cosi lì, gli scafandri sempre su), recuperare delle gemme da delle creature viventi (non voglio anticiparvi nulla, la ricchezza dei dettagli è uno degli elementi di totale forza di questo filmone, lo “scavo” di questi gioielli è fighissimo) e rientrare sull’astronave altrimenti poi non più raggiungibile.
Il worldbuilding (no, scusate, non ce la faccio a usare questi termini, puzzano troppo d’ascella e di elfitiradado20), lo scenario è insieme alieno e famigliare e funziona benissimo. La foresta toglie ogni orizzonte possibile, è asfissiante sia in questo che nei continui insettini, pollini, polveri e pulviscoli che girano in aria.

La tecnologia è pre Vic-20, stilosa.

La Legge latita e non è facilissimo estrarre queste gemme, quindi c’è anche gente che la pensa “tanto vale rubare le gemme dai minatori, meno sbatta e maggior profitto” e ci sono anche strambi scarti fra il mistico e il postapocalittico/road movie che scelgono di vivere in qualche modo su quella luna.
Accadono cose, figlia (non spoilero, le cose accadono subito e si vede nel trailer) si ritrova impossibilitata a tornare sull’astronave madre e deve decidere se fidarsi o meno di un delinquente che parla meglio dei delinquenti medi.

I dettagli alle volte sono appena accennati e sfumati, ma hai l’impressione di veridicità e credibilità e gran profondità, è un mondo che vive anche fuori dai confini di quel film, Pedro Pascal è un guascone bravone e lui e Sophie Thatcher si rubano di continuo la scena.

Altro bell’esordio a regia e scrittura (del duo Christopher Caldwell e Zeek Earl), lezione di impiego di budget ridotto, sarebbe bello vederlo al cinema ma pazienza. A fine visione mi ha dato l’impressione di essere riuscito a fare per la fantascienza odierna quel che ‘The Void’ ha provato a fare ma non riuscendoci granché per l’horror contemporaneo.

Directed by: Zeek Earl, Chris Caldwell
Produced by: Andrew Miano, Chris Weit, Scott Glassgold, Dan Balgoyen, Garrick Dion, Matthias Mellinghaus
Written by: Zeek Earl, Chris Caldwell
Starring: Sophie Thatcher, Jay Duplass, Pedro Pascal
Music by: Daniel L.K. Caldwell
Edited by: Paul Frank
Distributed by: Dust (under Gunpowder and Sky)
Running time: 100 minutes
Country: United States
 

Il Viaggio di Yao

di Kociss Leardini Il “viaggio di Yao” è un road movie del regista Philippe Godeau, un cineasta francese che finora ha diretto ...

Gomorra (Quarta Stagione)

Che la credibilità della prima straordinaria serie e, in parte, della seconda ce le potessimo dimenticare era chiaro da tempo. La quarta ...

Lo Spietato

Ispirata liberamente a “Gangster Calibro 9” di Colaprico, “Lo Spietato” è la storia del fascinoso gangster ...

The Dirt

Per discorrere di “The Dirt” apro una veloce digressione, perchè nel parlare dei Motley Crue non riesco ad esimermi da cari ricordi ...

The Avengers Endgame

Non si può parlare di “Avengers Endgame” senza osservare un paio di fattori. Anzitutto che “Endgame” è il film che ...