PROSPECT

 
 
di
24 febbraio 2019
 

di Elvezio Sciallis (La Tela Nera)

“Prospect” lo attendevo da parecchio, per alcuni non sarà nemmeno fantascienza e se si guarda a certi aspetti il tutto è più un western camuffato, sembra sci-fi retro che però non si sforza di sfoggiare troppo la sua natura retro. Padre e figlia fanno i “minatori” e hanno poco tempo per atterrare su una luna boscosissima ma anche tossica (quindi devi rimanere con i cosi lì, gli scafandri sempre su), recuperare delle gemme da delle creature viventi (non voglio anticiparvi nulla, la ricchezza dei dettagli è uno degli elementi di totale forza di questo filmone, lo “scavo” di questi gioielli è fighissimo) e rientrare sull’astronave altrimenti poi non più raggiungibile.
Il worldbuilding (no, scusate, non ce la faccio a usare questi termini, puzzano troppo d’ascella e di elfitiradado20), lo scenario è insieme alieno e famigliare e funziona benissimo. La foresta toglie ogni orizzonte possibile, è asfissiante sia in questo che nei continui insettini, pollini, polveri e pulviscoli che girano in aria.

La tecnologia è pre Vic-20, stilosa.

La Legge latita e non è facilissimo estrarre queste gemme, quindi c’è anche gente che la pensa “tanto vale rubare le gemme dai minatori, meno sbatta e maggior profitto” e ci sono anche strambi scarti fra il mistico e il postapocalittico/road movie che scelgono di vivere in qualche modo su quella luna.
Accadono cose, figlia (non spoilero, le cose accadono subito e si vede nel trailer) si ritrova impossibilitata a tornare sull’astronave madre e deve decidere se fidarsi o meno di un delinquente che parla meglio dei delinquenti medi.

I dettagli alle volte sono appena accennati e sfumati, ma hai l’impressione di veridicità e credibilità e gran profondità, è un mondo che vive anche fuori dai confini di quel film, Pedro Pascal è un guascone bravone e lui e Sophie Thatcher si rubano di continuo la scena.

Altro bell’esordio a regia e scrittura (del duo Christopher Caldwell e Zeek Earl), lezione di impiego di budget ridotto, sarebbe bello vederlo al cinema ma pazienza. A fine visione mi ha dato l’impressione di essere riuscito a fare per la fantascienza odierna quel che ‘The Void’ ha provato a fare ma non riuscendoci granché per l’horror contemporaneo.

Directed by: Zeek Earl, Chris Caldwell
Produced by: Andrew Miano, Chris Weit, Scott Glassgold, Dan Balgoyen, Garrick Dion, Matthias Mellinghaus
Written by: Zeek Earl, Chris Caldwell
Starring: Sophie Thatcher, Jay Duplass, Pedro Pascal
Music by: Daniel L.K. Caldwell
Edited by: Paul Frank
Distributed by: Dust (under Gunpowder and Sky)
Running time: 100 minutes
Country: United States
 

Hotel Gagarin

Metà commedia acida, magari un po’ ingenua, e arrabbiata con le istituzionacce italiane e il gioco sporco coi fondi europei, metà ...

ReMastered: Devil at the Crossroads

La leggenda narra che Robert Johnson abbia venduto, in un polveroso incrocio, sperduto tra le campagne del Mississippi, la propria anima al ...

Rolling Thunder Revue: A Bob Dylan ...

1975. Nell’anno dei festeggiamenti per il bicentenario, l’America si presenta profondamente delusa e divisa: Saigon è caduta e gli ...

I morti non muoiono

Iggy Pop e Tom Waits si incontrano nel bar di “Coffee And Cigarettes”. Tra una sorsata e un tiro, uno dei due borbotta: ...

Oggi “Rocky 2” di ...

15 giugno 1979, la saga ha davvero inizio. Il primo Rocky del 1976 era stato una semplice dimostrazione di caparbietà e di fiducia in se ...