MASSIMO VOLUME
Live @ Auditorium Parco della Musica (Roma, 1/03/2019)

 
2 Marzo 2019
 

Le parole sono uno spettro per chi come me si trova a raccontare un concerto dei Massimo Volume.

L’osservatore/ascoltatore parte sconfitto in partenza.

Sconfitto da cosa?

Da un’idea di bellezza, di cura, di ricerca estremamente puntuale e allo stesso capace di astrarsi dal tempo.
I Massimo Volume squarciano il velo di Maya all’Auditorium Parco della Musica. Sul palco c’è un’energia introvabile altrove, quella potenza racchiusa in pezzi come “Fred” o “Fuochi Fatui” è un incentivo a capire quanto sia importante per un performer/artista sfidare il pubblico a migliorarsi. Il live dei Massimo Volume è un incentivo a uscire dalla dittatura della sicurezza, della zona sicura, in cui tutti sono tranquilli ma nessuno è felice.

I suoni e le luci giocano con il concetto di minimale, c’è un’atmosfera che sembra farci tuffare nel mare, esattamente come l’immagine de “Il Nuotatore”, c’è tuttavia un solco invalicabile tra la pace e la verità del mare e la spiaggia stessa dove l’uomo vive la sua vita, insabbiata e patinata di certezze.

Il pubblico è temprato e preparato: la sensazione è quella di trovarsi ad una platea più matura che accoglie anche gli incredibili pezzi nuovi come “La Ditta dell’Acqua Minerale”.

I Massimo Volume hanno, nei loro anni di carriera, costruito una mitologia per gli sconfitti dal progresso e questo tour è il culmine di questa ricerca, appassionata e appassionante.
E se in molte situazioni oggi ci ritroviamo a pensare e a disegnare i confini della realtà, per scindere cosa sia reale, vero e puro, con la band di Emidio e Co. non corriamo alcun rischio, anzi alcune volte, in base alla propria sensibilità, occorre ripararsi dagli schiaffi terribili che tirano i loro pezzi.

In uno dei rari momenti in cui Emidio ha parlato, oltre ad un piccolo siparietto su Nietzche, ha detto, riferendosi ad un momento di attesa: “Quelle dove si aspetta di più sono le più belle”, ed effettivamente il giocare con le attese è uno dei punti di forza non solo del concerto, ma dell’intera discografia dei Massimo Volume.

Non c’è surrogato nella forma concerto dei Massimo Volume, il bello della diretta, la cruda verità ci farà anche a pezzi ma la bellezza che riecheggia in pezzi di storia come “Coney Island” “Vedremo Domani” è unica, massima.

Tutti abbandonano l’Auditorium quasi in silenzio, anestetizzati dal duro peso della realtà che non manca mai di mostrarci, nei suoi lati più cupi, squarci di bellezza.

 

Vinicio Capossela – Live @ ...

Tra le varie versioni inerenti le origini di Pan ve ne è una che lo vuole figlio di Penelope e di quegli uomini ostili e prepotenti che ...

Hinds – Live @ Parc Del Forum ...

E’ davvero strano viaggiare in questo periodo di pandemia mondiale: i mezzi di trasporto sono piuttosto vuoti, le camere degli ostelli ...

Cristina Donà – ...

Il colore dell’anima è quello del tramonto, perennemente sospeso tra la luce ed il buio, il cui ultimo caloroso e rosseggiante respiro si ...

Working Men’s Club – ...

Chi scrive ha già avuto la fortuna di vedere un concerto dal vivo pochi giorni fa – quello dei Bud Spencer Blues Explosion all’Arena ...

Torneremo presto sotto un ...

Per cause di forze maggiore, quelle che tutti abbiamo ben presenti, la nostra rubrica dei “Live Report” è ferma. Ma è solo un ...